Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Qual è la sindrome dell’uomo rosso?

La sindrome dell’uomo rosso è una risposta o reazione ipersensibile all’antibiotico vancomicina. La vancomicina è prescritta per il trattamento di gravi infezioni batteriche, comprese quelle dell’osso, del sangue e della pelle.

La vancomicina è un antibiotico comunemente usato nelle unità di terapia intensiva per trattare le infezioni che sono sensibili ad esso e per i pazienti che sono allergici alla penicillina o alle cefalosporine. La sindrome dell’uomo rosso si verifica in circa il 5-13% dei pazienti a cui viene somministrata vancomicina.

Insieme alla sindrome dell’uomo rosso, l’altra reazione di ipersensibilità che le persone potrebbero avere per la vancomicina è l’anafilassi, che è potenzialmente pericolosa per la vita.

Fatti veloci sulla sindrome dell’uomo rosso:

  • La sindrome non è un’allergia ma ha sintomi simili a una reazione allergica.
  • Ci sono diverse opzioni per il trattamento e la prevenzione della sindrome dell’uomo rosso.
  • I farmaci che rilasciano istamina nel corpo possono anche causare la sindrome dell’uomo rosso.

Cause e fattori di rischio

antibiotico in forma liquida

In precedenza si pensava che la sindrome dell’uomo rosso fosse causata dalla preparazione della vancomicina in un ambiente impuro. Tuttavia, i casi della sindrome persistevano anche dopo la purificazione dell’antibiotico.

Ora, si ritiene che la vancomicina possa cambiare il modo in cui vengono prodotte le cellule del sangue.

Ciò può comportare un livello più basso di piastrine nel sangue o un cambiamento nel numero dei globuli bianchi.

La sindrome dell’uomo rosso è correlata all’infusione di vancomicina o di altri antibiotici o farmaci simili.

L’infusione avviene quando i farmaci vengono somministrati da un ago o catetere piuttosto che per via orale. Spesso questo è endovenoso, cioè in una vena, ma può anche avvenire attraverso vie intramuscolari o epidurali, ad esempio nelle membrane intorno al midollo spinale.

La sindrome dell’uomo rosso è associata a infusione rapida di meno di 1 ora della prima dose di vancomicina. I segni della sindrome appariranno di solito poco dopo l’infusione, spesso entro circa 4-10 minuti.

Tuttavia, ci sono stati casi di reazioni ritardate dopo infusioni più lunghe.

In generale, i casi di sindrome dell’uomo rosso si verificano in persone che hanno già un’altra condizione medica, con quelle comuni, tra cui:

  • Cancro: comunemente del polmone.
  • HIV: l’infezione può avere un impatto sul trattamento antibiotico.
  • Malattia da trapianto contro ospite: una reazione dopo un trapianto di midollo osseo.

In circa il 30 percento dei casi, non esiste una causa nota della sindrome dell’uomo rosso.

I casi più gravi di sindrome dell’uomo rosso sono più comuni nelle persone al di sotto dei 40 anni e in particolare nei bambini.

Sintomi

sindrome dell'uomo rosso

In genere i primi segni e sintomi della sindrome dell’uomo rosso saranno un’eruzione cutanea sul viso, sul collo e sulla parte superiore del tronco.

La pelle può apparire arrossata e pruriginosa e brucia.

Questo può svilupparsi in una febbre e brividi, e la persona può avere mal di testa e diventare vertigini o agitati.

Anche il viso, gli occhi e le labbra possono gonfiarsi.

Dopo circa 6 giorni di sviluppo della sindrome dell’uomo rosso, la pelle può anche ispessirsi e iniziare a sbucciarsi, sia in grandi fogli che in piccoli fiocchi. Questo è più prominente sul palmo delle mani e sulla pianta dei piedi.

Se la sindrome si verifica sul cuoio capelluto, può provocare la caduta dei capelli, mentre in alcuni casi le unghie di una persona possono diventare increspate e cadere.

Altri sintomi includono:

  • nausea
  • vomito
  • orticaria
  • svenimenti
  • dolore
  • spasmi muscolari e stanchezza
  • pressione sanguigna anormalmente bassa
  • linfonodi ingrossati
  • aumento della frequenza cardiaca
  • disidratazione
  • infezioni secondarie

Nei casi più gravi, le persone possono anche avere dolore toracico e difficoltà a respirare.

Generalmente, la sindrome dell’uomo rosso non è pericolosa per la vita ma, a causa dei problemi che può causare al cuore, può essere associata ad arresto cardiaco.

In rari casi, la vancomicina è anche associata a danni ai reni e all’udito, motivo per cui viene utilizzata solo in casi gravi di infezione.

Trattamento e prevenzione

uomo con sindrome dell'uomo rosso

Il trattamento sarà basato sulla causa sottostante, quindi una diagnosi accurata è vitale.

Nei casi più gravi, la persona dovrà essere ricoverata in ospedale in modo che possano essere monitorati e la condizione gestita dai medici.

Se l’individuo è in fase di infusione di vancomicina, deve essere immediatamente sospeso. Solo una volta che i sintomi sono scomparsi, l’infusione può continuare di nuovo e con una frequenza inferiore.

Qualsiasi farmaco non necessario viene sospeso e l’uso di steroidi topici lievi applicati direttamente sulla pelle, antistaminici e antibiotici viene utilizzato per trattare i sintomi.

Suggerimenti per la gestione

I sintomi possono essere alleviati e trattati mantenendo la pelle umida nella zona interessata. Questo può essere fatto con l’uso di medicazioni umide, impacchi umidi o emollienti.

Prevenzione

È stato trovato che la somministrazione di antistaminici prima che la vancomicina sia somministrata a qualcuno può ridurre significativamente la possibilità che la pelle diventi rossa e pruriginosa.

Dare la difenidramina alla persona prima della prima infusione di vancomicina può prevenire la sindrome dell’uomo rosso.

Inoltre, è importante che l’infusione venga somministrata per almeno 60 minuti, se possibile, per ridurre al minimo gli effetti avversi. Le dosi più piccole e più frequenti di vancomicina sono meglio tollerate dall’organismo.

prospettiva

I sintomi della sindrome dell’uomo rosso di solito non sono gravi, ma possono essere scomodi e devono essere trattati rapidamente.

I sintomi possono essere gestiti e ridotti utilizzando antistaminici, senza effetti collaterali a lungo termine.

Se qualcuno ha già avuto una sindrome da uomo rosso prima, deve dirlo al proprio medico prima di essere trattato con la vancomicina, poiché è più a rischio di svilupparlo di nuovo.

Like this post? Please share to your friends: