Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Quale crema solare dovrei usare?

Le regole sull’etichettatura delle lozioni per la protezione solare vendute ai consumatori significano che tutti i prodotti per la protezione solare sono etichettati con un fattore di protezione solare (SPF) e se esiste una protezione ad ampio spettro contro la radiazione ultravioletta (UV) del sole.

Prima che la Food and Drug Administration (FDA) americana semplificasse la sua regolamentazione delle lozioni da banco over-the-counter (OTC) e di altri consumatori nel giugno 2012, c’era una serie confusa di affermazioni che potevano essere fatte sul livello di protezione data contro i dannosi Raggi solari UVA e UVB.

Le regole più semplici significano che le etichette ora mostrano solo un numero “SPF” e se questo conferisce protezione “ad ampio spettro” – ma cosa significano esattamente questi termini?

E qual è il modo migliore per utilizzare la protezione solare per evitare i rischi di luce UV, che includono scottature e cancri della pelle come il carcinoma e il melanoma?

Quanta protezione solare dovrei usare? Quando dovrei indossare la lozione solare? Il mio colore della pelle altera il livello di protezione solare? Di seguito sono riportate le risposte dirette a queste domande e altre.

Anche i paesi dell’Unione Europea seguono la nuova legislazione sui cosmetici da luglio 2013, compresi i requisiti per tutti i filtri solari per proteggere dai raggi UVA e UVB e per un’etichettatura più chiara.

Le informazioni universali su SPF e altri consigli qui riportati si applicano all’Europa e ad altre parti del mondo, nonché agli Stati Uniti.

Fatti veloci sulla protezione solare

Ecco alcuni punti chiave sulla protezione solare. Maggiori dettagli si trovano nell’articolo.

  • Le lunghezze d’onda della luce responsabili del danno alla pelle sono nella gamma dell’ultravioletto (UV)
  • L’UVA è responsabile del fotoinvecchiamento della pelle e di alcuni dei rischi di cancro; Gli UVB causano eritema e scottature solari ed è anche responsabile di un più alto rischio di cancro della pelle
  • La classificazione SPF indica il livello di protezione contro gli UVB mentre lo “spettro ampio” contrassegnato sull’etichetta della protezione solare indica che il prodotto ha anche un effetto contro i raggi UVA
  • Le proprietà ad ampio spettro di una crema solare sono contrassegnate in Europa da “UVA” che appare in un cerchio sull’etichetta, accanto a una stella di valutazione oltre al numero SPF.
  • Più alto è il numero di SPF, più resistente alla luce UV dannosa sarà la pelle
  • Nessuna protezione solare blocca tutti i raggi UV e tutti i prodotti richiedono una riapplicazione regolare.
  • Nessuna crema solare è impermeabile – le etichette possono affermare solo che esiste un livello di resistenza all’acqua
  • La protezione solare non protegge da qualsiasi esposizione ai raggi UV e le diverse condizioni ambientali influenzano l’intensità della radiazione
  • Gli occhi sono vulnerabili ai danni UV e alla pelle
  • Anche con l’uso di creme solari, il consiglio degli esperti è ancora di evitare di uscire nel grande sole in estate verso la metà della giornata quando l’intensità UV può essere estrema.

Qual è il fattore di protezione solare>

[lozione abbronzatura applicata a forma di sole]

SPF è l’acronimo di “fattore di protezione solare”. Il valore numerico del fattore deve essere indicato sulle etichette per la protezione solare come indicazione del livello di protezione offerto contro la luce ultravioletta.1-4

Maggiore è il numero del fattore, maggiore è il livello di protezione. Tutti i prodotti venduti negli Stati Uniti devono mostrare il valore e, al suo fianco, l’etichetta deve anche mostrare quando la protezione solare ha superato il test “ad ampio spettro”.

Questo perché mentre SPF è una misura di protezione contro principalmente luce UVB (e il fattore è stato etichettato “UVB SPF” in passato), il numero SPF non fornisce una misura chiara della protezione contro la lunghezza d’onda leggermente più lunga di UVA.

Anche i prodotti venduti in Europa devono essere etichettati con l’SPF, ma non è necessario mostrare lo stato ad ampio spettro. Invece, i regolatori dicono che nessuna crema solare dovrebbe essere venduta se non riesce a offrire protezione contro entrambi i raggi UVA e UVB. “UVA” contrassegnato all’interno di un cerchio dovrebbe inoltre essere mostrato sulle etichette oltre al SPF per indicare che la protezione solare copre entrambi.

Un’utile indicazione di quali cifre SPF significano per il livello di protezione proviene da ulteriori indicazioni in Europa secondo cui tutte le lozioni per la protezione solare dovrebbero essere vendute con uno dei seguenti descrittori:

  • Protezione bassa – SPF inferiore a 15, contrassegnato 6 o 10 (indipendentemente dal fattore esatto misurato da 6 a 9,9 o da 10 a 14,9)
  • Protezione media – SPF 15 e oltre, contrassegnati solo da 15, 20 o 25 (15-19.9, 20-24.9 o 25-29.9)
  • Alta protezione – SPF 30 e oltre, contrassegnati con 30 o 50 (30-49,9 o 50-59,9)
  • Protezione molto elevata – SPF superiore a 50 e contrassegnato 50+ (ma deve essere misurato come a 60).

Al contrario, gli Stati Uniti hanno abbandonato l’uso di “basso, medio, alto e massimo” – il timbro ad ampio spettro è invece basato su un semplice livello di protezione UVA pari o negativo.

Per superare il test ad ampio spettro utilizzato dalla FDA, il livello di protezione UVA deve aumentare in proporzione al valore SPF che indica la protezione dagli UVB solari.

Lo stesso è consigliato in Europa, tranne per il fatto che l’esistenza di entrambe le protezioni è contrassegnata sulle etichette dall’uso di “UVA” all’interno di un cerchio in aggiunta all’SPF e una valutazione a stelle di questa protezione più ampia è mostrata da 1-4.

La protezione ad ampio spettro non può essere richiesta per qualsiasi prodotto che abbia un SPF inferiore a 15 e tutti i prodotti venduti negli Stati Uniti sotto questo fattore devono includere il seguente avviso sull’etichetta:

” Questo prodotto è stato indicato solo per aiutare a prevenire le scottature, non il cancro della pelle o l’invecchiamento precoce della pelle. ”

Il significato scientifico di SPF / h3>

SPF non è una misura arbitraria di protezione solare bassa-alta; è una misura scientifica di quanto più basso il rischio di danni alla pelle è dovuto a quanto tempo ci vuole più UVB per passare attraverso una crema solare e causare scottature solari, rispetto al tempo che questo richiede quando non è applicata la protezione solare.1,3 , 5-7

Il fattore è semplicemente il risultato numerico prodotto quando la dose di radiazione solare necessaria per provocare arrossamenti della pelle (eritema) con la protezione solare è divisa per la dose necessaria senza protezione solare:

SPF = dose di radiazioni solari con dose di radiazioni solari / scottature solari senza crema solare.

Per la dose di radiazioni solari, gli scienziati usano “MED” – abbreviazione di una dose minima di eritema, che è la quantità minima di radiazione solare (principalmente UVB) che produce una pelle arrossata dal sole.

La dose solare utilizzata nel rapporto che produce un SPF per una crema solare viene misurata quando sono stati applicati 2 mg di crema solare per ogni centimetro quadrato della superficie della pelle.

Se occorrono 15 volte più a lungo per bruciare la pelle con una protezione solare di quanto non faccia con la crema solare applicata, l’SPF è 15.

La quantità di tempo necessario per la solarizzazione è, tuttavia, la caratteristica potenzialmente fuorviante di SPF. La dose di radiazioni necessaria per provocare la solarizzazione viene elaborata dal tempo extra necessario per ottenere la stessa quantità di raggi UV attraverso una crema solare, ma questo non si traduce in un consiglio che dovremmo stare al sole 15, 30 o 50 volte più a lungo secondo il numero SPF.

Per una ragione, ciò significherebbe rimanere al sole per ottenere la stessa quantità di scottature dannose che si verificherebbe senza protezione, anche se più rapidamente.

[pelle scrostata dal sole]

L’idea è di evitare del tutto le scottature, ma avendo l’abilità attraverso la protezione solare di avere un po ‘di tempo al sole prima che si possa verificare un qualsiasi eritema. È anche importante ricordare che, nonostante la luce UV sia bloccata da una crema solare, anche se alta, l’SPF non tutte le radiazioni sono bloccate e l’effetto di blocco svanisce dopo un massimo di 2 ore, dopo di che la lozione dovrà essere riapplicato.

Se le condizioni UV all’esterno significano solo 10 minuti prima che la pelle non protetta inizi a diventare rossa, una protezione solare SPF 30 teoricamente la prevenirà per 300 minuti – 30 volte più a lungo a 5 ore. Ma la lozione dovrebbe comunque essere rabboccata almeno ogni 2 ore per mantenere questo livello di blocco UV.

Di nuovo, una tale immagine del potere di blocco dei raggi UV è solo teorica; Come vedremo nella prossima pagina sull’acquisto e l’applicazione della crema solare, l’indice UV varia ampiamente nelle previsioni, nell’ora del giorno e così via, così come l’effetto delle nostre attività sull’efficacia di una lozione protettiva.

Un’altra interpretazione del significato scientifico di SPF è vedere quanti dei raggi UVB del sole sono bloccati per ogni livello di fattore:

  • SPF 15 blocca circa il 93% di tutti i raggi UVB
  • L’SPF 30 filtra il 97%
  • SPF 50 è un blocco UVB quasi completo, al 98%.

Queste percentuali mostrano che nessuna protezione solare blocca assolutamente tutti gli UVB, e anche che sono necessari piccoli aumenti nella percentuale di potere bloccante per avere effetti relativamente grandi contro il livello di esposizione nociva.

Oppure, per dirla in parole povere, l’autorizzazione attraverso quantità relativamente piccole di radiazioni UV ha un effetto sproporzionatamente maggiore sul rischio di eritema.

Il blocco del 93% di UVB a 15 SPF, in calo del 97% per SPF 30, produce un salto molto più grande in termini di danno solare alla pelle – perdere quei quattro punti percentuali contro i raggi UVB si traduce in una perdita di una metà potere protettivo contro le scottature.

Le percentuali di raggi UVB bloccati dall’SPF non sono anche misure dirette della protezione contro i raggi UVA, quindi l’importanza della selezione della lozione “ad ampio spettro”.

I filtri solari ad ampio spettro dovrebbero produrre una potenza di blocco UVA proporzionale alla loro potenza SPF rispetto agli UVB (e i requisiti di etichettatura lo garantiscono – “ampio spettro” è marcato sui prodotti negli Stati Uniti, mentre i valori UVA sono usati in Europa).

L’UVB è la particolare lunghezza d’onda che produce l’arrossamento della pelle, ma non è l’unico nella sua capacità di danneggiare la pelle. Mentre UVA non è la radiazione solare, è responsabile per gli effetti di photoaging come le rughe, ed è un rischio di cancro della pelle e UVB.

Acquisto e applicazione di creme solari

Consigli per l’acquisto di crema solare è generalmente semplice. Basta selezionare un prodotto solare con: 1,2,4,8

  • SPF 15 o superiore (in Europa, SPF 15-30 è anche contrassegnato come protezione “medio”, “alto” accompagna SPF di 30-50 e “molto alto” è 50+)
  • Protezione ad ampio spettro (i prodotti europei dovrebbero essere tutti ad ampio spettro, e le etichette mostrano un indice di protezione UVA per indicare ciò, che dovrebbe mostrare 4 o 5 stelle per una buona protezione).

Per essere sicuri del livello di protezione solare e di altri fattori di sicurezza rivendicati dal prodotto scelto, entrano in gioco altre preoccupazioni, così come le preferenze personali di base.

The Environmental Working Group (EWG), un’organizzazione senza scopo di lucro negli Stati Uniti, offre assistenza per la valutazione della qualità della protezione solare. L’EWG ricerca per valutare quanto segue:

  • Pericoli – se i rischi per la salute sono presentati da uno qualsiasi degli ingredienti elencati di una crema solare, secondo dozzine di database che forniscono informazioni di settore, accademiche, normative e di tossicità
  • Efficacia – duplice controllo del livello di protezione richiesto dalle onde UVA e UVB del sole, indicate dalle misure standard di assorbanza del settore per i raggi UVA e dal punteggio SPF per UVB, e osservando l’equilibrio tra questi due
  • Stabilità: usando un database EWG e altre ricerche per vedere quanto velocemente un ingrediente di protezione solare si rompe al sole.

Un gran numero di prodotti raccomandati ha superato i test (anche se centinaia di prodotti non hanno rispettato il marchio). Guarda i 235 filtri solari per la spiaggia e gli sport che soddisfano i criteri EWG.

[Requisiti dell'etichetta per la protezione solare della FDA]

Ottenere il meglio dalla protezione solare1-3,5,6,8-12

Qualsiasi crema solare – qualunque sia l’SPF, la marca o la formulazione scelta – è valida solo quanto l’utente.

I punti chiave da ricordare sulla protezione ottimale includono:

  • L’applicazione della crema solare è solo una delle numerose misure per ridurre l’esposizione della pelle ai raggi UV
  • La protezione solare non può coprire la pelle in modo uniforme, anche se applicata liberamente
  • La FDA e altri suggeriscono che 1 oz di crema solare – sufficiente per riempire un bicchierino – è necessario per la dimensione corporea media
  • Consigli più ampi contro il troppo sole (vedi sotto) si applicano anche ad altri rischi di esposizione, come per gli occhi – la sovraesposizione alla luce UV può causare o esacerbare la cataratta (l’UV ha un ruolo in circa il 20% dei casi di cataratta in tutto il mondo)
  • Anche con la crema solare applicata, evita di essere sotto il sole quando è più alta nel cielo, soprattutto in estate – la radiazione UV è più intensa in questo momento della giornata e in questa stagione perché la posizione del sole significa che c’è meno terra Atmosfera che assorbe gli UV tra il sole e la nostra pelle
  • Quando l’indice UV è alzato, rimani all’ombra intorno alle ore di mezzogiorno, tra le 11 e le 15, e certamente intorno alle 12 di sera alle 14:00 – l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ci consiglia di “limitare l’esposizione al sole” tra le 10:00 e le 16:00
  • Le informazioni fornite dalla FDA aiutano a quantificare l’elevata intensità UV intorno a mezzogiorno: si dice che la stessa quantità di energia solare che ci raggiunge dopo soli 15 minuti alle 13.00 richiede un’ora intera di esposizione solare alle 9 del mattino, rendendo l’esposizione quattro volte più intensa quando il sole è alto

Tutto il consiglio scientifico è che i filtri solari non hanno un effetto duraturo dopo l’applicazione. I regolatori hanno persino vietato qualsiasi reclamo sulle etichette che lozioni possano durare tutto il giorno o siano completamente impermeabili.

Negli Stati Uniti, ad esempio, qualsiasi dichiarazione di resistenza all’acqua deve indicare per quanto tempo può essere perseguita l’attività idrica prima che la resistenza venga persa e la protezione dai raggi UV dovrebbe essere riapplicata.

Il consiglio sull’applicazione – e la riapplicazione – per tutti i filtri solari è:

  • Più la lozione è usata, meglio è – la quantità minima nei test utilizzati per produrre il numero SPF è di 2 mg di lozione su ogni centimetro quadrato di pelle esposta
  • 2 mg / cm2 è approssimativamente equivalente a almeno 6 cucchiaini pieni per coprire il corpo di un adulto medio (circa 1 oz secondo la FDA, o circa 36 g secondo i dermatologi britannici)
  • Ulteriore traduzione significa che equivale approssimativamente a più di mezzo cucchiaino di crema solare per ciascun braccio, e per il viso e il collo (senza dimenticare le orecchie), e poco più di un cucchiaino su ogni gamba, con lo stesso di nuovo per ciascuno dei e dietro il tronco
  • Ci sono inevitabili differenze nella quantità di prodotto che deve essere applicata in base alla sua formulazione: gli utenti devono attenersi ai requisiti minimi indicati sulle etichette, sia che si tratti di lozioni, creme, mousse, spray o gel
  • Ovviamente non c’è alcuna protezione se si esce al sole prima che venga applicata la protezione solare – si consiglia di metterlo su circa 15 minuti prima di uscire
  • Tutti i consigli ufficiali ci dicono di riapplicare la protezione solare almeno ogni 2 ore
  • Una revisione delle evidenze6 suggerisce che questo non è sufficiente per l’uso reale dei prodotti, concludendo che la riapplicazione dovrebbe essere ogni ora. L’utilizzo di 1 oncia di SPF 15 o superiore ogni ora è più praticabile rispetto all’aspettativa che gli utenti aderiscano alla corretta applicazione della quantità totale di fattori più elevati che tendono ad essere più consistenti. Il messaggio degli autori aggiunge che questa strategia aiuta anche a superare la quasi inevitabilità che non copriamo adeguatamente tutta la pelle esposta con ogni applicazione. Inoltre concordano con il consiglio di applicare la protezione solare prima di qualsiasi esposizione al sole.

L’indice UV 9,12,13

[il sole nel cielo]

Molti meteorologi e agenzie governative seguono l’indice UV (UVI) stabilito in una collaborazione tra l’OMS, l’ONU e un’organizzazione internazionale di scienze meteorologiche. Questo indice è progettato per dare l’avvertimento dell’azione protettiva da adottare quando i livelli UV sono probabilmente alti.

La scala va da 1 e 2 (entrambi colorati in verde) a 8, 9 e 10 (tutti in rosso), e l’indice può arrivare fino a 11 – un avviso viola “per prendere tutte le precauzioni perché pelle e occhi non protetti può bruciare in pochi minuti “in quelle che sono descritte come condizioni UV estreme.

L’Agenzia per la protezione ambientale degli Stati Uniti (EPA) ha pubblicato una serie dettagliata di azioni che consigliano alle persone di adottare a diversi livelli di avvertimento UVI.

L’OMS ha semplificato la risposta UVI nei loro consigli sulla scala:

  • “Da 0 a 2 – puoi goderti tranquillamente di essere fuori
  • Da 3 a 7 – cercare ombra durante le ore di mezzogiorno. Slip on a shirt, ciabatta su protezione solare e schiaffo su un cappello
  • 8 – Evita di stare all’aperto durante le ore di mezzogiorno. Assicurati di cercare l’ombra. Camicia, crema solare e cappello sono un must. “

Tipi e attività della pelle ad alto rischio1,3

È probabile che le persone dalla pelle chiara assorbano più energia solare delle persone dalla pelle scura nelle stesse condizioni.

La pelle più scura non è di per sé una protezione completa dai danni della luce UV, tuttavia – è solo che c’è un rischio più basso con la pelle più scura perché ha più melanina, uno degli assorbitori biologici dei raggi UV.

Viceversa, le persone con i capelli rossi e le lentiggini hanno un rischio di sole particolarmente elevato perché il tipo di melanina nella loro pelle è la feomelanina, in contrapposizione all’eumelanina delle persone con tipi di pelle più comuni.

L’Associazione britannica dei dermatologi, nel 2013, ha pubblicato quello che definisce lo “Skindex” – una tabella di colori della pelle che mostra i rischi corrispondentemente più elevati di esposizione ai raggi UV quando la pelle diventa più leggera.

Effetto delle attività sul rischio di esposizione al sole: oltre a notare la quantità massima di tempo che un prodotto resistente all’acqua può offrire protezione prima di essere riapplicato dai nuotatori o dalle persone che si godono il mare, è anche necessario applicare una nuova dose di crema solare prima. per altre attività che presentano un rischio maggiore in termini di esposizione solare.

Le persone impegnate in un’attività che induce il sudore, ad esempio, sono a più alto rischio semplicemente perché la protezione solare si diluisce e viene anche rimossa dall’attività fisica.

Altri gruppi che dovrebbero prestare maggiore attenzione sono le persone che fanno lavoro o il tempo libero ad altitudini più elevate, che include il rischio riflettente di paesaggi innevati e la quantità inferiore di luce UV che viene assorbita dall’atmosfera (vedi indice UV).

Oltre la protezione solare5,6,9-12

Lozioni solari non impediscono tutta l’esposizione UV in tutte le condizioni. È necessario considerare i modi più ampi in cui siamo esposti ai raggi solari nocivi e alle diverse condizioni che influenzano il nostro rischio.

Fattori ambientali che influenzano l’esposizione ai raggi UV

Il momento migliore per evitare il sole è intorno a mezzogiorno e farlo è il modo migliore per tagliare l’esposizione ai raggi UV.

Esistono modi in cui l’esposizione alla luce UV ambientale varia. È importante pensare ad altre condizioni oltre la protezione solare e l’ora del giorno:

[sole attraverso la nuvola leggera]

  • Dalla luce ultravioletta che colpisce neve, sabbia e metallo, si può riflettere fino al 90%, raggiungendoci anche quando non siamo direttamente sotto il sole
  • Onde e increspature possono riflettere fino al 15% della luce UV che colpisce l’acqua di mare; viceversa, nessuno viene rimbalzato da superfici di acque ferme, come un lago o una piscina molto calmi
  • Fino a 1 metro sotto la superficie, l’UV trasmette attraverso l’acqua, e quindi il nuoto ci espone ancora a livelli elevati
  • Essere all’ombra non fornisce una protezione consistente, anche se la quantità di esposizione viene tagliata in modo significativo – tra metà e quasi tutta la luce UV diretta non viene raggiunta quando ci troviamo al riparo dal sole
  • Le fonti di ombra all’aperto vanno dalla più protettiva nelle zone densamente alberate agli ombrelloni meno protettivi sotto l’ombrellone (la luce UV passa attraverso i materiali dell’ombrello e si riflette anche sulla spiaggia)
  • La luce UV passa anche nei giorni nuvolosi. Le diverse condizioni delle nubi hanno un ampio raggio d’azione nel bloccare l’ultravioletto, con livelli ridotti tra il 10% e il 90% in base a fattori quali nebbia, foschia, nuvole e sostanze inquinanti. Segui le previsioni dell’indice UV per ottenere un’indicazione degli alti livelli di UV nella tua zona.

Abbigliamento con maggiore protezione dai raggi UV

Gli indumenti con le seguenti qualità offrono livelli più elevati di protezione dai raggi UV (e gli indumenti con le qualità opposte offrono una protezione inferiore):

[bambini che indossano vestiti di colore chiaro]

  • Tessuto a trama stretta e lavaggio che causa un restringimento (rispetto al tessuto a trama larga)
  • Denim, lana e tessuti sintetici (rispetto a cotone, lino, acetato e rayon)
  • Tessuto spesso (contro sottile)
  • Tessuto asciutto (contro bagnato)
  • Trattamento con assorbitore UV (rispetto al lavaggio con sola acqua, alcuni tessuti vengono venduti pretrattati)
  • Colore scuro (contro tessuto leggero)
  • Tessuto non sbiancato (anziché sbiancato)
  • Cappelli a tesa larga (contro senza tesa).

I produttori che fanno affermazioni di protezione solare per il loro abbigliamento lo fanno solo in base a codici volontari, e le normative variano in tutto il mondo circa le misure standard da mostrare sulle etichette. Di conseguenza, i suggerimenti generali sopra riportati sui tessuti potrebbero essere più utili della ricerca di indicazioni specifiche.

Alcuni di questi fattori potrebbero non essere così ovvi: ad esempio, mentre i tessuti più scuri si scaldano sotto il sole rispetto a quelli più leggeri, i tessuti più leggeri non sono in grado di bloccare i raggi UV. Tuttavia, i capi estivi sono comunemente bianchi o di colore chiaro.

Vitamina D

La guida per ridurre quasi completamente l’esposizione alla luce UV con l’elusione del sole e la protezione solare presenta un dilemma.10,14-22

Il consiglio è definitivamente dimostrato essere un modo diretto per ridurre i rischi come le scottature solari e il cancro della pelle, ma elimina anche la principale fonte di vitamina D.

La produzione avviata dalla UVB nella pelle è la più grande fonte di vitamina D, che è vitale per la salute. Si stima che il 90% o più del fabbisogno giornaliero venga prodotto in questo modo, mentre il resto proviene dalla nostra dieta.

La carenza di vitamina D è associata a numerosi rischi di malattia e questo problema è molto più diffuso nelle persone che vivono meno sole.

[pelle scrostata dal sole]

I rischi di una carenza di radiazioni UV troppo basse (UVR) possono essere altrettanto importanti dei rischi di cancro della pelle di troppo, come delineato dall’OMS, che usa un semplice grafico per mostrare uno spettro che va da bassa esposizione UVR ad alta esposizione, tracciato contro i corrispondenti rischi di malattia.

Ma bloccare l’esposizione agli UVB a scapito della vitamina D, a vantaggio della protezione dal danno del DNA cutaneo e di altri rischi, non è considerato controverso da coloro che sostengono che la risposta possa risiedere nell’integrazione dietetica della vitamina.

Tali argomenti sottolineano anche il fatto che i legami tra la carenza di vitamina D e, per esempio, il cancro interno, non sono ben stabiliti, mentre il legame tra i tumori UV e della pelle è fermamente.

Piuttosto che dover pensare al costo e all’obbligo di assumere integratori vitaminici mentre si cerca di nascondersi completamente da tutti i raggi solari, tuttavia, gli sviluppi della tecnologia solare potrebbero fornire nuove risposte?

Il seguente sviluppo introduce una teoria delineata dai ricercatori che ritengono che i filtri solari potrebbero fornire alla nostra pelle la protezione UV per il tempo trascorso sotto il sole senza influire sulla produzione di vitamina D.

Sviluppo recente sulla protezione solare dalle notizie MNT

La nuova crema solare offre una produzione di vitamina D con protezione UV

Gli scienziati che pubblicano nel diario ad accesso aperto a gennaio 2016 hanno calcolato che potrebbe essere possibile produrre una crema solare che blocca abbastanza luce ultravioletta per lo stesso SPF contro i danni del sole, consentendo comunque una sufficiente banda di luce UVB per un livello sano di vitamina D produzione.

I ricercatori dicono che “un SPF di 30, applicato correttamente, riduce la capacità della pelle di produrre vitamina D del 97,5%”, ma che i materiali per la protezione solare potrebbero essere utilizzati in modo tale da superare questo problema.

I composti chimici tipicamente utilizzati in una protezione solare assorbono in modo efficiente “lunghezze d’onda variabili della radiazione UVB”, quindi alcuni composti potrebbero essere selezionati per produrre un equilibrio tra la protezione contro le scottature solari e la produzione di vitamina D.

Le persone dietro la teoria del paper includono uno scienziato che lavora per un’azienda di lampade UV e un altro che lavora per il gigante delle sostanze chimiche BASF, sebbene gli autori includano anche un endocrinologo del Boston University Medical Center, MA. Concludono:

“In teoria, la scelta giudiziosa di composti che hanno [meno] proprietà di assorbimento UV a lunghezze d’onda vicine allo spettro di azione del picco per la produzione di precitamina D3, ovvero 295 nm, pur mantenendo la capacità di assorbire in modo efficiente il resto della radiazione solare UVB, Fornire una crema solare che ha ancora le sue proprietà anti-eritemiche [anti-arrossire] mentre permette alla radiazione UVB selettiva di essere trasmessa nella pelle per produrre la precitamina D3. “

L’intervallo UVB completo delle lunghezze d’onda della luce è di 280-320 nm e gli autori mostrano che l’intervallo di picco per provocare la solarizzazione è intorno all’intervallo 305-311 nm.

Mostrano che il range di picco per la produzione di dosi di previtamina D3 avviene a lunghezze d’onda leggermente più corte e che, poiché è necessaria una dose molto più piccola, è possibile ottenere una D3 sufficiente in un punto ancora più corto lungo lo spettro. Quindi, se solo la lunghezza d’onda UVB da 295 nm è permessa da una crema solare per la stessa quantità di tempo che viene applicata contro gli effetti della solarizzazione, si può produrre abbastanza vitamina D.

Le idee sull’incoraggiamento dell’esposizione al sole sicuro per il beneficio della vitamina D possono tuttavia rimanere controversi a causa della tensione tra i diversi messaggi che prendono il sole.

CHI, per esempio, afferma che la maggior parte delle persone riceve abbastanza vitamina D senza dover uscire più sotto il sole.

Mentre una “zero esposizione della popolazione ai raggi UV genererebbe un carico sostanziale di malattia attraverso malattie della carenza di vitamina D”, la maggior parte delle persone, aggiungono l’OMS, sono “casualmente esposte alle radiazioni UV in modo tale che raramente si riscontrano livelli estremamente bassi di vitamina D”.

Questa panoramica della presente guida ci porta alla conclusione che il consiglio sensibile del sole sopra delineato è probabilmente, a conti fatti, giusto, e la maggiore chiarezza data dalle etichette per la protezione solare può solo aiutare con questo.

Like this post? Please share to your friends: