Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Quale percentuale del nostro cervello utilizziamo?

Il cervello è l’organo più complesso nel corpo umano. Molti credono che una persona utilizzi solo il 10 percento del loro cervello. C’è qualche verità in questo?

Il cervello di una persona determina come vive il mondo intorno a loro. Il cervello pesa circa 3 chili e contiene circa 100 miliardi di neuroni – cellule che trasportano informazioni.

In questo articolo, esploriamo quanta parte del cervello usi una persona. Sbagliamo anche alcuni miti ampiamente diffusi e riveliamo alcuni fatti interessanti sul cervello.

Quanto del nostro cervello usiamo?

Quanta parte del cervello è utilizzata rappresentata dal rendering digitale dell'attività cerebrale.

Secondo un sondaggio del 2013, circa il 65% degli americani crede che usiamo solo il 10% del nostro cervello.

Ma questo è solo un mito, secondo un’intervista con il neurologo Barry Gordon in. Ha spiegato che la maggior parte del cervello è quasi sempre attiva.

Il mito del 10 per cento è stato anche ridimensionato in uno studio pubblicato nel 2004.

Una tecnica comune di imaging cerebrale, chiamata risonanza magnetica funzionale (fMRI), può misurare l’attività nel cervello mentre una persona svolge compiti diversi.

Usando questo e metodi simili, i ricercatori mostrano che la maggior parte del nostro cervello è in uso la maggior parte del tempo, anche quando una persona sta compiendo un’azione molto semplice.

Gran parte del cervello è addirittura attivo quando una persona sta riposando o dormendo.

La percentuale di cervello in uso in un dato momento varia da persona a persona. Dipende anche da ciò che una persona sta facendo o pensando.

Da dove viene il mito del 10%?

Non è chiaro come sia iniziato questo mito, ma ci sono diverse fonti possibili.

In un articolo pubblicato su un’edizione della rivista del 1907, lo psicologo e autore William James sosteneva che gli umani usavano solo parte delle loro risorse mentali. Tuttavia, non ha specificato una percentuale.

La figura è stata citata nel libro di Dale Carnegie del 1936. Il mito era descritto come qualcosa che diceva il professore universitario dell’autore.

C’è anche una convinzione tra gli scienziati che i neuroni costituiscono circa il 10 percento delle cellule del cervello. Questo potrebbe aver contribuito al mito del 10 percento.

Il mito è stato ripetuto in articoli, programmi TV e film, il che aiuta a spiegare perché è così ampiamente creduto.

Migliorare la funzione cerebrale

Come ogni altro organo, il cervello è influenzato dallo stile di vita, dalla dieta e dalla quantità che esercitano.

Per migliorare la salute e la funzione del cervello, una persona può fare le seguenti cose.

Mangiare una dieta equilibrata

Noci, mandorle e noci pecan ammucchiate.

Mangiare bene migliora la salute generale e il benessere. Riduce inoltre il rischio di sviluppare problemi di salute che possono portare alla demenza, tra cui:

  • malattia cardiovascolare
  • obesità di mezza età
  • diabete di tipo 2

I seguenti alimenti promuovono la salute del cervello:

  • Frutta e verdura con pelli scure. Alcuni sono ricchi di vitamina E, come spinaci, broccoli e mirtilli. Altri sono ricchi di beta carotene, tra cui peperoni rossi e patate dolci. La vitamina E e il beta carotene favoriscono la salute del cervello.
  • Pesce oleoso Questi tipi di pesce, come salmone, sgombro e tonno, sono ricchi di acidi grassi omega-3, che possono supportare la funzione cognitiva.
  • Noci e noci pecan. Sono ricchi di antiossidanti, che promuovono la salute del cervello.

Allenarsi regolarmente

L’esercizio fisico regolare riduce anche il rischio di problemi di salute che possono portare alla demenza.

Le attività cardiovascolari, come camminare a ritmo sostenuto per 30 minuti al giorno, possono essere sufficienti a ridurre il rischio di declino della funzione cerebrale.

Altre opzioni accessibili e poco costose includono:

  • andare in bicicletta
  • jogging
  • nuoto

Mantieni attivo il cervello

Più una persona usa il proprio cervello, migliori diventano le loro funzioni mentali. Per questo motivo, gli esercizi di allenamento del cervello sono un buon modo per mantenere la salute generale del cervello.

Un recente studio condotto su 10 anni ha rilevato che le persone che hanno utilizzato esercizi di allenamento del cervello hanno ridotto il rischio di demenza del 29%.

L’allenamento più efficace si è concentrato sull’aumento della velocità e della capacità del cervello di elaborare rapidamente informazioni complesse.

Altri miti del cervello

Ci sono un certo numero di altri miti popolari sul cervello. Questi sono discussi e dissipati di seguito.

Cervello sinistro e cervello destro

Due lati del cervello, sinistra e cavalcata, mostrati da un modello di cervello umano diviso in due emisferi.

Molti credono che una persona sia o con cervello sinistro o con cervello destro, con persone con cervello destro più creative e persone con cervello sinistro più logiche.

Tuttavia, la ricerca suggerisce che questo è un mito: le persone non sono dominate da un emisfero cerebrale o dall’altra. Una persona sana usa costantemente entrambi gli emisferi.

È vero che gli emisferi hanno compiti diversi. Ad esempio, uno studio ha discusso la misura in cui l’emisfero sinistro è coinvolto nell’elaborazione del linguaggio e il diritto all’elaborazione delle emozioni.

Alcol e cervello

L’alcolismo a lungo termine può portare a una serie di problemi di salute, incluso il danno cerebrale.

Non è, tuttavia, semplice come dire che bere alcol uccide le cellule cerebrali – questo è un mito. Le ragioni di questo sono complicate.

Se una donna beve troppo alcol durante la gravidanza, può influenzare lo sviluppo cerebrale del feto e persino causare la sindrome alcolica fetale.

Il cervello dei bambini con questa condizione può essere più piccolo e spesso contiene meno cellule cerebrali. Questo può portare a difficoltà con l’apprendimento e il comportamento.

Messaggi subliminali

La ricerca suggerisce che i messaggi subliminali possono provocare una risposta emotiva nelle persone ignare di aver ricevuto uno stimolo emotivo. Ma i messaggi subliminali possono aiutare una persona a imparare cose nuove?

Uno studio pubblicato ha scoperto che ascoltare registrazioni di vocabolario durante il sonno potrebbe migliorare la capacità di una persona di ricordare le parole. Questo era solo il caso in persone che avevano già studiato il vocabolario.

I ricercatori hanno notato che le informazioni sull’udito durante il sonno non possono aiutare una persona a imparare cose nuove. Può solo migliorare il ricordo delle informazioni apprese in precedenza, mentre è sveglio.

Rughe del cervello

Il cervello umano è coperto da pieghe, comunemente note come rughe. Il tuffo in ogni piega è chiamato il solco, e la parte sollevata è chiamata il giro.

Alcune persone credono che una nuova ruga si formi ogni volta che una persona impara qualcosa. Questo non è il caso.

Il cervello inizia a sviluppare le rughe prima che una persona nasca e questo processo continua durante l’infanzia.

Il cervello crea continuamente nuove connessioni e rompe quelle vecchie, anche nell’età adulta.

Fatti del cervello

Ora che abbiamo dissipato alcuni miti comunemente tenuti, ecco alcuni fatti sul cervello.

Consumo di energia

Il cervello rappresenta circa il 2% del peso di una persona, ma utilizza il 20% del proprio ossigeno e calorie.

Idratazione

Stabiliti per la prima volta nel 1945, gli scienziati stimano che il cervello si trovi intorno al 73% di acqua.

Mantenere il cervello idratato è importante. Essere disidratati di appena il 2 percento può compromettere la capacità di una persona di svolgere compiti che implicano l’attenzione, la memoria e le capacità motorie.

Colesterolo

Il colesterolo è un tipo di grasso che le persone spesso considerano negativo per la loro salute.

È vero che mangiare troppo colesterolo fa male al cuore. Tuttavia, molte persone non sono consapevoli del fatto che il colesterolo gioca un ruolo significativo nel cervello di una persona.

Senza colesterolo, le cellule del cervello non sopravviverebbero.

Circa il 25 percento del colesterolo del corpo è contenuto nelle cellule cerebrali.

Porta via

A causa della complessità dell’organo, gli scienziati stanno ancora imparando a conoscere il cervello.

L’idea che una persona utilizzi solo il 10 percento del cervello è un mito. Le scansioni fMRI mostrano che anche le attività più semplici richiedono che quasi tutto il cervello sia attivo.

Mentre c’è ancora molto da imparare sul cervello, i ricercatori continuano a colmare le lacune tra realtà e finzione.

Like this post? Please share to your friends: