Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Quali alternative ai FANS sono disponibili?

I farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) possono aiutare ad alleviare il dolore e l’infiammazione. Tuttavia, possono anche causare effetti collaterali o interagire con determinate condizioni che indicano che un’alternativa potrebbe ottenere gli stessi effetti calmanti con un minor numero di reazioni indesiderate.

Le decisioni possono essere più facili per i problemi a breve termine che per quelli di lunga data. Per il dolore cronico, è importante consultare un medico o un farmacista sui farmaci. Le scelte nel considerare i farmaci antidolorifici possono essere riassunte come se prendere:

  • Un FANS
  • Un’opzione di droga alternativa
  • Un’opzione nondrug, che potrebbe essere un’alternativa al trattamento medico del dolore o qualcosa per andare con esso
  • Niente di niente

Guardare le etichette è uno dei modi migliori per valutare un farmaco che probabilmente è il migliore per un singolo bisogno di dolore. Le etichette mostrano anche avvertenze su quando non scegliere un particolare farmaco. I farmacisti sono un aiuto importante per queste decisioni.

I medici hanno anche consigli importanti sulle opzioni, soprattutto se la scelta del trattamento del dolore richiede una prescrizione. Possono prescrivere farmaci più potenti quando necessario.

Non è pratico elencare tutte le potenziali preoccupazioni per ogni decisione sui farmaci FANS disponibili da banco o su prescrizione medica e le loro alternative.

Quando si tratta di valutare i FANS e le loro alternative, alcune preoccupazioni possono essere esaminate con due esempi chiave che comportano dolore: mal di testa e dolore lombare.

Alternative ai FANS per il mal di testa

Con l’esempio del mal di testa, i FANS sono disponibili al banco sia nelle farmacie che nei negozi normali. Questi sono farmaci relativamente sicuri confezionati a dosaggi più bassi.

I FANS come l’ibuprofene sono un’opzione per il mal di testa a fianco dell’opzione del paracetamolo.

Il FANS potrebbe essere preferito perché il mal di testa è accompagnato da sintomi come quelli di un raffreddore, quando ci sono altri fastidi e dolori o una temperatura che accompagna il mal di testa. Un altro esempio potrebbe essere quando si verifica un mal di testa insieme al dolore del periodo. Le etichette forniscono informazioni importanti e possono aiutare con la decisione, così come i professionisti della farmacia.

Ulteriori domande possono sorgere al di là della scelta iniziale del farmaco, soprattutto dopo il periodo di trattamento a breve termine:

Una donna con un mal di testa beve un po 'd'acqua.

  • Quando il mal di testa diventa qualcosa vissuto troppo spesso?
  • È qualcosa che un medico dovrebbe verificare non è un problema cronico o ha un’altra condizione sottostante?
  • Quali sono gli effetti collaterali dei farmaci e c’è un potenziale rischio a lungo termine per la sicurezza dei farmaci?
  • Il problema con il mal di testa è che trattamenti non medici potrebbero aiutare a evitare, ridurre o trattare?

Cefalea quotidiana cronica (CDH) – un problema che colpisce le persone che soffrono di mal di testa in più giorni rispetto al solito è solo un esempio di un disturbo di mal di testa che richiederebbe cure mediche. I medici definiscono CDH come più di 15 mal di testa al giorno al mese per 3 mesi o più.

C’è una serie di possibili spiegazioni dietro CDH che hanno bisogno dell’aiuto di medici e talvolta di specialisti del nervo.

I problemi che portano alla CDH possono includere mal di testa tipo tensione o emicrania, e questi possono essere aggravati quando più frequenti e persistenti mal di testa in realtà sono associati con troppi farmaci.

Gli antidolorifici usati per trattare il mal di testa, siano essi FANS o altri farmaci, possono diventare parte del problema.

In tal caso, i reclami nuovi e peggiorati sono noti come “mal di testa da uso eccessivo di farmaci” – chiamato anche mal di testa di rimbalzo.

Le opzioni di gestione per CDH possono includere tecniche di rilassamento e terapia comportamentale cognitiva oltre a cambiamenti di farmaci e persino il taglio di farmaci dalla farmacia del tutto. Queste alternative ai FANS dipendono dall’individuo.

Sviluppi nelle alternative di trattamento del dolore da notizie MNT

La stimolazione della struttura cerebrale profonda può alleviare il dolore cronico

Gli scienziati, il cui studio è stato pubblicato sulla rivista nel gennaio 2016, avevano utilizzato un dispositivo wireless per fornire una stimolazione elettrica a una struttura cerebrale profonda solitamente associata a ricompensa e abuso di droghe. Hanno detto che questo potrebbe essere un modo non efficace per trattare il dolore, affrontando le sensazioni del dolore e le vie percettive nel cervello.

L’agopuntura ‘sicura ed efficace’ per il dolore cronico nei bambini

Mentre questo studio, pubblicato sulla rivista nel dicembre 2015, aveva i gravi limiti di mancanza di un gruppo di controllo e di randomizzazione per tenere conto di qualsiasi effetto placebo o altro pregiudizio, ha trovato un’associazione con l’agopuntura per ridurre i sintomi del dolore nei bambini con condizioni di dolore cronico.

Meditazione: potrebbe sostituire la droga per alleviare il dolore?

Questo studio, pubblicato nel novembre 2015, ha confrontato la meditazione di consapevolezza con il trattamento farmacologico per il dolore (usando un farmaco oppiaceo, quindi non un confronto con l’analgesia NSAID).

Alternative ai FANS per la lombalgia

La lombalgia è un classico esempio in cui i FANS sono disponibili per la riduzione dei sintomi. Sono particolarmente convenienti per problemi nuovi o a breve termine. Ma le domande sulle droghe e sulle scelte di non droga diventano particolarmente rilevanti quando i reclami arretrati diventano a lungo termine.

Alcuni casi di lombalgia a lungo termine potrebbero beneficiare di interventi volti a modificare aspetti del lavoro, ad esempio:

[lavoratore informatico in sedia ergonomica]

  • Adattare parti del posto di lavoro, come scrivanie e sedie
  • Regolazioni delle attività lavorative
  • Modifiche all’orario di lavoro

La terapia cognitivo comportamentale (CBT), comprese le sessioni individuali e di gruppo, può anche aiutare con “l’allenamento delle capacità di recupero”. Ciò può impedire che i dolorosi problemi alla zona lombare peggiorino e conducano a invalidità non necessarie e ulteriori danni di routine.

L’approccio CBT per il mal di schiena è quello di affrontare il modo in cui i comportamenti e le convinzioni sanitarie possono spesso continuare un problema a lungo termine e doloroso. L’approccio mira ad aiutare con fattori quali:

  • Troppa poca attività fisica
  • Troppa attività
  • Rendere il dolore sembra peggio di quello che è
  • Comportamenti di evitamento – non fare cose che possono effettivamente aiutare, a causa della paura del dolore

Vari professionisti sanitari possono assistere, inclusi psicologi, terapisti occupazionali, infermieri e fisioterapisti.

Identificare e modificare i pensieri negativi sui problemi con il mal di schiena fa parte dell’aiuto psicologico della CBT. Ci può essere anche l’educazione per il mal di schiena e aiutare a sviluppare abilità come:

  • Fare attività graduale
  • Stimolare le cose
  • Tecniche per il relax

Piani di gestione del dolore

Un approccio multiforme che intensifica le opzioni di trattamento può essere raccomandato da medici e specialisti del dolore in condizioni di dolore difficili che diventano a lungo termine. Organismi esperti dietro tali raccomandazioni includono l’Associazione internazionale per lo studio del dolore (IASP) e la British Pain Society (BPS).

Immagine di qualcuno che tiene diverse pillole.

La cura a lungo termine per il dolore a lungo termine include la gestione dei domini “biopsicosociali”. Un tale approccio è raccomandato nelle linee guida BPS, ad esempio. Come per gli interventi di mal di schiena di cui sopra, altri operatori sanitari possono entrare. Tuttavia, i medici sono al centro di aiutare a gestire i problemi.

L’idea di questo approccio alla gestione è che tiene conto dei diversi livelli dell’esperienza di un paziente nel dolore a lungo termine e della loro risposta ad esso. È consigliato per problemi di durata superiore a 3 mesi, senza includere il dolore da cancro.

Un approccio simile fornisce uno schema di “soluzioni di assistenza per la misurazione basate su misurazioni” in un documento pubblicato su una rivista dello IASP.

Questo documento cita il modello del dolore cronico di Loeser. Questo modello dice che l’angoscia di condizioni come la lombalgia a lungo termine comprende tre elementi oltre la reale stimolazione dei nervi del dolore:

  • Dolore
  • Sofferenza
  • Comportamento del dolore

L’approccio a cura intensa offre una serie di misure che i medici potrebbero adottare per affrontare questi elementi di dolore cronico. Questi passaggi possono essere presi anche in diagnosi per la gestione. L’approccio può includere:

  • Misurare il dolore – usando domande di valutazione su due scale, una per l’intensità e un’altra per il livello di interferenza con la qualità della vita
  • Misurare l’umore – utilizzando valutazioni di disagio psicologico, ansia, depressione e screening per problemi come il DPTS
  • Valutare l’effetto del dolore sul sonno – per il dolore cronico trattato con oppiacei, questi farmaci sono stati associati a disturbi come l’apnea notturna, quindi ci può essere anche una valutazione per questo
  • Valutazione e gestione dei rischi, compresi i rischi di farmaci
Like this post? Please share to your friends: