Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Quali sono gli effetti dell’HIV sul corpo?

Quando una persona contrae l’HIV per la prima volta, il virus influenzerà il loro corpo in diverse fasi. Se non viene trattato, l’HIV può portare all’AIDS.

A causa dei progressi della medicina negli ultimi 30 anni, lo sviluppo dell’HIV può essere significativamente ridotto o in stallo. Con la terapia per tutta la vita, una persona con HIV è in genere in grado di condurre una vita sana e, in molti casi, non svilupperà mai l’AIDS stesso.

Effetti iniziali

L'uomo a letto con l'influenza

I primi segni di HIV di solito compaiono dopo 2-6 settimane sotto forma di sintomi simil-influenzali. Questa condizione è nota come malattia da sieroconversione. La sieroconversione è lo stadio in cui il corpo di una persona produce anticorpi contro l’HIV, il che significa che il loro sistema immunitario sta combattendo l’infezione.

I sintomi simil-influenzali che accompagnano la sieroconversione includono:

  • febbre
  • eruzione cutanea
  • gola infiammata
  • ghiandole gonfie
  • dolore articolare o muscolare

Questi sintomi di solito durano per 1-2 settimane. Una volta terminato il periodo di sieroconversione, una persona potrebbe non manifestare alcun sintomo di HIV per diversi anni.

Sebbene le persone tendano a sentirsi bene in questa fase, è importante ricordare che l’HIV è ancora attivo. Mentre continua a riprodurre e infettare nuove cellule, l’HIV danneggia anche il sistema immunitario di una persona, il che significa che non è in grado di proteggere il corpo dalla malattia.

Effetti sul sistema immunitario

L’HIV infetta una cellula connettendosi prima a, e fondendosi con, le cellule T dell’ospite. Le cellule T, note anche come cellule CD4, sono un tipo di globuli bianchi che formano una parte cruciale del sistema immunitario.

Una volta dentro le cellule ospiti, l’HIV si moltiplica. Il virus danneggia o distrugge le cellule prima di passare a infettare più cellule.

Un conteggio di CD4 è un’indicazione della salute del sistema immunitario di una persona. Un conteggio CD4 sano è compreso tra 500 e 1.500.

Cellule T

Il conteggio dei CD4 di una persona con HIV che non riceve il trattamento per l’HIV si ridurrà nel tempo. Una volta che i livelli di CD4 scendono sotto i 200, il sistema immunitario di una persona sarà probabilmente danneggiato e la persona probabilmente sperimenterà segni e sintomi definitivi di malattia.

Le persone che hanno contratto l’HIV e non stanno ricevendo un trattamento si mettono maggiormente a rischio di sviluppare sintomi, una condizione nota come HIV sintomatico. Sono anche più propensi a trasmettere il virus a un’altra persona.

Senza trattamento, una persona rischia di sviluppare l’AIDS perché il suo sistema immunitario non è più in grado di proteggere il corpo. In questa fase, anche l’infezione più piccola diventa pericolosa per la vita.

Infezioni opportunistiche e malattie che definiscono l’AIDS

Una persona con HIV può anche ammalarsi per infezioni opportunistiche. Sono chiamati opportunisti perché sfruttano il sistema immunitario indebolito.

Le infezioni opportunistiche sono generalmente causate da virus, batteri e funghi ordinari e innocui, che provocano solo malattie quando il sistema immunitario è compromesso. Molte di queste infezioni non sono pericolose per la vita di una persona sana. Per qualcuno con HIV, tuttavia, possono essere molto gravi e potenzialmente fatali.

Un’infezione opportunistica è considerata come la definizione dell’AIDS quando si diffonde oltre la regione o l’organo in cui è tipicamente trovata.

Alcune delle infezioni opportunistiche più comuni sono:

  • polmonite
  • tubercolosi
  • alcuni tipi di cancro, come il sarcoma di Kaposi
  • tordo
  • citomegalovirus
  • toxoplasmosi
  • meningite criptococcica

co-infezioni

Molte persone con HIV sviluppano coinfezioni, malattie che possono avere un effetto sull’HIV e essere affette dall’HIV.

La tubercolosi e l’epatite sono le coinfezioni più comuni dell’HIV.

Effetti del farmaco

donna con emicrania

Sebbene non vi sia una cura per l’HIV, è disponibile un trattamento medico che riduce significativamente la quantità di virus nel corpo fino al punto in cui potrebbe non essere rilevabile nel sangue.

La quantità di virus nel corpo di una persona è nota come carica virale. Una carica virale non rilevabile significa che la persona con HIV non è contagiosa e che il virus non è in grado di danneggiare il loro sistema immunitario.

Il trattamento per l’HIV è noto come terapia antiretrovirale (ART). Si raccomanda che tutti quelli a cui è stato diagnosticato l’HIV inizino immediatamente il trattamento, indipendentemente dal loro numero di CD4.

Il trattamento per l’HIV è anche indicato come terapia di associazione in quanto le persone solitamente assumono una combinazione di tre diversi farmaci contemporaneamente. La terapia di combinazione viene utilizzata perché l’HIV può adattarsi rapidamente e diventare resistente a un singolo tipo di ART.

Una “combinazione a dose fissa” è quando i farmaci ART sono stati combinati in una singola pillola, il che significa che una persona può assumere solo 1 o 2 pillole al giorno. È molto importante che le persone assumano le droghe nel modo giusto al momento giusto ogni giorno.

Le persone con HIV possono sperimentare effetti collaterali dai loro farmaci ART. Gli effetti collaterali più comuni sono:

  • mal di testa
  • stanchezza
  • diarrea
  • nausea o vomito
  • eruzione cutanea
  • alti livelli di zucchero nel sangue
  • colesterolo alto

Quando si sottopone ad ART, una persona deve essere consapevole che i suoi farmaci possono interagire con altri farmaci da prescrizione, nonché rimedi a base di erbe e droghe ricreative.

Altri possibili effetti avversi includono:

  • anemia
  • epatite
  • scarsa funzionalità renale
  • pancreas infiammato
  • intolleranza al glucosio

Una persona che assume droghe ART potrebbe scoprire effetti metabolici quali ridistribuzione dei grassi, iperlipidemia e insulino-resistenza. Possono anche sviluppare condizioni, come l’osteopenia e l’osteoporosi, che influenzano le loro ossa.

Nonostante questi problemi, ci sono ora prove della sicurezza a lungo termine di ART, che ha migliorato significativamente l’aspettativa di vita di molte persone con HIV.

Like this post? Please share to your friends: