Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Quali sono gli effetti della lesione cerebrale traumatica nei bambini?

Lesione cerebrale traumatica in un grave problema di salute, specialmente tra bambini e adolescenti. Una nuova ricerca svela gli effetti a lungo termine delle lesioni traumatiche cerebrali sui bambini.

[orsetto con testa fasciata]

Una lesione cerebrale traumatica (TBI) è una lesione alla testa che interferisce con il normale funzionamento del cervello. Questo può essere un colpo violento o un urto, che può provocare una scossa improvvisa o una lesione penetrante che perfora il cranio e il tessuto cerebrale.

I TBI possono variare da lieve (comunemente noto come una commozione cerebrale) a grave, potenzialmente con conseguente perdita di coscienza o perdita di coscienza.

I bambini che partecipano a sport scolastici hanno un rischio particolarmente elevato di sperimentare TBI. I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) riportano che nel 2009, quasi 250.000 bambini e adolescenti di età compresa tra 19 e più giovani hanno ricevuto cure per traumi e traumi cerebrali legati allo sport e alla ricreazione.

Il CDC nota anche che tra il 2001 e il 2009, il numero di persone sotto i 19 anni diagnosticate con TBI o concussioni legate allo sport e alle attività ricreative è aumentato del 57%.

Circa 435.000 bambini di età compresa tra 0 e 14 visitano il pronto soccorso a seguito di TBI ogni anno.

Gli effetti a lungo termine del TRI includono difficoltà nel ragionamento, nella lingua, o nelle emozioni e sensazioni. L’encefalopatia traumatica cronica – una malattia neurodegenerativa associata a TBI ripetuti – si colloca anche tra i possibili effetti a lungo termine.

Un nuovo studio, presentato all’incontro annuale dell’Associazione dei fisiatri accademici di Las Vegas, riporta i risultati di due decenni di ricerca sugli effetti a lungo termine del TBI sui bambini, nonché i possibili interventi per il recupero.

Il ruolo dell’ambiente familiare nel recupero del TBI

La ricerca, condotta da scienziati del Cincinnati Children’s Hospital Medical Center (CCHMC), esamina l’impatto del TBI sui bambini per una media di 7 anni dopo l’evento traumatico.

Alcune delle scoperte hanno fatto luce sul ruolo delle pratiche genitoriali e dell’ambiente domestico sul recupero da TBI.

I bambini con lesioni cerebrali da lievi a moderate hanno il doppio delle probabilità di sviluppare problemi di attenzione rispetto alle loro controparti in buona salute, e quelli con TBI grave hanno cinque volte più probabilità di avere ADHD secondario, hanno scoperto i ricercatori.

Tuttavia, i bambini con TBI grave mostrano meno sintomi se crescono in ambienti familiari ottimali, mentre i bambini con lesioni lievi spesso mostrano sintomi persistenti se provengono da una famiglia socialmente svantaggiata o caotica.

Nel complesso, molti bambini non mostrano alcun deficit. Tuttavia, quelli che mostrano effetti dannosi a lungo termine su abilità come la velocità e l’elaborazione delle informazioni, l’inibizione e il ragionamento.

L’effetto degli interventi familiari sul recupero del TBI

Nel corso degli ultimi due decenni, gli scienziati del CCHMC hanno anche studiato possibili interventi per migliorare la cognizione e il comportamento di coloro che sono affetti da TBI.

I ricercatori ritengono che una risposta precoce da parte della famiglia sia cruciale per risultati positivi a lungo termine sulla salute. Essi suggeriscono che un’efficace genitorialità è un intervento iniziale chiave per il recupero del TBI.

Pertanto, gli scienziati hanno sviluppato un programma basato sul web che offre formazione alle famiglie che si occupano di TBI. Il programma include corsi di formazione per la risoluzione di problemi, la comunicazione e l’autoregolamentazione.

Diversi studi randomizzati di tali programmi hanno mostrato una diminuzione dei problemi comportamentali e un miglioramento del funzionamento cognitivo esecutivo nei bambini più grandi con TBI. Un processo computerizzato, ad esempio, ha mostrato miglioramenti nel sostenere l’attenzione nei bambini tra i 12 e i 17 anni.

I programmi basati sul Web hanno anche migliorato l’interazione tra genitori e figli.

Ricerca futura

Poco si sa sull’interazione tra i geni, l’ambiente e il loro ruolo nel recupero del TBI.

A tal fine, i ricercatori del CCHMC raccoglieranno campioni di DNA dalla saliva di oltre 330 bambini arruolati negli Approcci e nelle Decisioni nella prova TBI acuta in età pediatrica, oltre a continuare a studiare il ruolo di fattori ambientali come la famiglia e l’ambiente domestico, la genitorialità stili e stato socioeconomico.

L’esito principale sulla salute esaminato sarà il funzionamento complessivo a 3, 6 e 12 mesi dopo l’infortunio e l’esito secondario sarà una valutazione completa del funzionamento cognitivo e comportamentale a 1 anno dalla lesione.

I ricercatori stanno anche usando tecniche di neuroimaging per capire la struttura cerebrale e l’attività cerebrale dietro i sintomi persistenti post-TBI. Ad esempio, uno studio CCHMC che non è stato ancora pubblicato esamina la connettività neurale dopo esercizio aerobico, nel tentativo di migliorare i sintomi a lungo termine del TBI.

Scopri come tornare presto a giocare dopo un trauma cranico può essere dannoso per i giovani atleti.

Like this post? Please share to your friends: