Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Quali sono gli usi dell’olio di primula?

L’olio di enotera è l’olio derivato dai semi della pianta della primula (). Ha un numero di usi popolari ed è ampiamente disponibile in forma di supplemento.

Uno degli ingredienti più importanti nell’olio di enotera è l’acido gamma-linolenico (GLA), che si trova anche in altri oli vegetali.

La dose raccomandata di olio di enotera è da 8 a 12 capsule al giorno, alla dose di 500 milligrammi per capsula.

Curiosità sull’olio di enotera:

  • Spesso abbreviato in EPO, l’olio di enotera è una ricca fonte di acidi grassi essenziali omega-6.
  • L’olio di enotera contiene acido linoleico e GLA: entrambi sono componenti essenziali della mielina, il rivestimento protettivo attorno alle fibre nervose e la membrana cellulare neuronale.
  • Le preparazioni commerciali di olio di enotera sono tipicamente standardizzate all’8 percento di GLA e al 72 percento di acido linoleico.
  • L’EPO è pensato per aiutare un’ampia varietà di condizioni tra cui eczema, dolore nervoso e osteoporosi.

usi

Esistono molti potenziali usi per l’olio di enotera, tra cui:

Olio di enotera per eczema

donna con eczema sul collo

Il trattamento con olio di enotera orale può aiutare a correggere un’anomalia negli acidi grassi essenziali presenti nell’eczema.

L’eczema può essere efficacemente trattato con farmaci convenzionali, ma a volte le alternative complementari, come l’olio di primula, vengono provate da persone le cui condizioni non migliorano quanto vorrebbero o che temono gli effetti collaterali.

Tuttavia, una revisione ben rispettata delle prove, condotta dal, conclude che l’olio di primula non è più efficace del placebo nel trattamento dell’eczema e può produrre effetti collaterali lievi, temporanei e principalmente gastrointestinali.

Olio di enotera per la menopausa e la sindrome premestruale

Le vampate di calore vissute dalle donne che attraversano la menopausa hanno un numero di opzioni di trattamento non ormonali, ma, secondo le prove, l’olio di primula non ha alcun effetto.

Alcune donne riferiscono che i sintomi della PMS sono attenuati dall’olio di primula, per esempio, la tenerezza del seno, i sentimenti di depressione, irritabilità e gonfiore e gonfiore dovuti alla ritenzione di liquidi.

Tuttavia, non ci sono prove attuali a supporto di un ruolo per l’olio di primula nell’alleviare la sindrome premestruale (PMS).

Olio di enotera per il dolore nervoso

Il dolore nervoso associato al diabete è stato trattato con olio di enotera, quando i trattamenti convenzionali non hanno funzionato o sono stati inadatti.

Risultati positivi sono stati evidenziati negli studi clinici e l’assunzione di olio di enotera per 6-12 mesi può migliorare i sintomi del danno ai nervi causato dal diabete.

In un piccolo trial randomizzato pubblicato, per esempio, c’è stato un miglioramento statisticamente significativo nei punteggi della neuropatia, inclusi i test di conduzione nervosa, per le persone che assumono capsule di olio di primula per 6 mesi rispetto al placebo.

Olio di enotera per l’osteoporosi

L’olio di enotera è preso con olio di pesce e calcio dagli anziani con osteoporosi; la combinazione sembra ridurre la perdita ossea e aumentare la densità ossea.

Sono necessarie ulteriori ricerche per determinare il ruolo che l’olio di primula stessa potrebbe svolgere indipendentemente dagli altri integratori.

Scleroderma e fenomeno di Raynaud

Lo scleroderma è una malattia autoimmune del tessuto connettivo caratterizzata da ispessimento e indurimento di vari tessuti, tra cui la pelle e altri organi.

Il fenomeno di Raynaud, che può causare intorpidimento e freddo alle dita, a volte è associato allo scleroderma.

L’olio di enotera è stato studiato come trattamento in numerosi studi; tuttavia, tutti gli studi finora sono stati piccoli. Sono necessarie ulteriori ricerche prima che l’olio possa essere raccomandato.

Olio di enotera per altre condizioni

I rimedi di erbe tendono ad essere associati a numerose indicazioni sulla salute perché la regolamentazione di questi prodotti è meno rigorosa rispetto ai farmaci da prescrizione.

Si dice che molte condizioni siano attenuate dall’olio di enotera. Di seguito mancano prove a sostegno:

  • asma
  • ADHD
  • epatite B
  • colesterolo alto
  • cancro al fegato
  • dolore al seno
  • obesità
  • psoriasi
  • artrite psoriasica

Le seguenti condizioni hanno “evidenza insufficiente” per sostenere l’olio di enotera come trattamento: sindrome da stanchezza cronica, dermatite da pannolino, secchezza oculare, dislessia, disprassia, ittiosi, sviluppo infantile, complicanze della gravidanza, artrite reumatoide, schizofrenia, sindrome di Sjogren, colite ulcerosa, cancro, acne, sclerosi multipla, malattie cardiache e morbo di Alzheimer.

Regolamento

In Gran Bretagna, l’olio di enotera era approvato per il trattamento dell’eczema e del dolore al seno. Tuttavia, nel 2002, il regolatore del farmaco concluse che non c’erano prove sufficienti dell’efficacia dell’enagra di serate per questi usi.

Sicurezza

pillole di aspirina

Esistono alcuni potenziali pericoli per EPO:

È possibile essere allergici all’EPO o alle sue forme. La FDA non controlla gli integratori e deve essere prestata attenzione alla scelta di un marchio che conosca la purezza, l’accuratezza della dose e la qualità.

Sanguinamento delle interazioni farmacologiche

C’è un effetto diluente del sangue con l’olio di enotera, quindi c’è un maggior rischio di sanguinamento per le persone che assumono il warfarin diluente del sangue. Pertanto, questi pazienti non dovrebbero usare l’olio.

Altri farmaci che fluidificano il sangue possono anche essere un problema a fianco dell’olio, inclusi clopidogrel e aspirina.

Convulsioni

Le persone con epilessia o altri disturbi convulsivi dovrebbero evitare l’assunzione di olio di primula in quanto potrebbe aumentare le probabilità di avere un attacco. Inoltre, le persone affette da schizofrenia trattate con determinati farmaci potrebbero essere a rischio di convulsioni, pertanto è necessario consultare un medico.

Anestesia

L’olio di enotera non deve essere assunto entro 2 settimane dall’anestesia generale a causa dell’aumento del rischio di crisi.

Like this post? Please share to your friends: