Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Quali sono i benefici per la salute di essere sociale?

Gli esseri umani nascono in gruppi sociali e vivono la loro intera vita come una parte della società, quindi l’elemento sociale non può essere facilmente rimosso dall’evoluzione di un individuo. Ma in che modo il contatto sociale influisce sulla nostra salute?

gruppo di persone felici

Come esseri umani, sogniamo, impariamo, cresciamo e lavoriamo come parte della società. La società in cui nasciamo e le società che navighiamo attraverso le nostre vite plasmano le nostre identità personali.

E infatti, siamo così inclini a comunicare tra loro, anche al di là dei limiti geografici, che abbiamo sviluppato una miriade di strumenti per aiutarci a raggiungere questo obiettivo, tra cui carta e penna, telegrafo, telefono e Internet.

Quando ho chiesto ai miei colleghi nell’ufficio quali benefici – se ce ne sono – pensavano che derivassero dalla connessione sociale, la maggior parte di loro ha affermato di aver trovato un certo grado di conforto nell’interazione sociale.

Alcuni colleghi hanno detto di apprezzare le esperienze condivise, mentre altri hanno spiegato che gli amici li hanno tenuti motivati ​​a fare “alcune attività salutari di tanto in tanto”. Altri hanno detto che stare con gli amici li ha aiutati a “destare e mettere le cose in prospettiva”.

Anche i più introversi tra noi bramano il contatto sociale di volta in volta. Ma perché è così, e il fatto di essere sociale ci porta benefici reali alla salute?

In questo Riflettore, indaghiamo perché gli esseri umani prosperano nella società e in che modo l’interazione sociale influisce sul nostro benessere mentale e fisico.

Perché siamo una specie sociale?

Potrebbe essere intuitivo affermare che essere socievoli ha aiutato la nostra specie non solo a sopravvivere, ma anche a prosperare per milioni di anni. Ma perché è così?

Uno studio del 2011, che è stato pubblicato sulla rivista, sostiene che l’essere sociale divenne una forza chiave per gli antenati primati degli umani quando passavano dal cercare cibo per la notte (in modo che potessero usare l’oscurità come scudo) per portare avanti il ​​loro attività di giorno (che li ha resi più vulnerabili a una più ampia gamma di predatori).

Un altro studio più recente – anche nella rivista – suggerisce che i primi ominidi potrebbero aver evoluto una forma base del linguaggio perché avevano bisogno di una comunicazione più avanzata per condividere idee. Questo, dicono, ha aiutato i nostri antenati a sviluppare strumenti che permettessero loro di vivere meglio e di evolvere ulteriormente.

I ricercatori hanno anche suggerito che gli esseri umani sono esseri innatamente compassionevoli e che la nostra compassione ed empatia ci sono serviti bene, poiché la capacità di prendersi cura e condividere è molto apprezzata dagli individui che cercano un compagno.

Dopotutto, affinché una specie sopravviva, i suoi membri devono non solo procreare, ma anche essere in grado di proteggere la loro progenie dai danni e proteggere i compagni dalle ferite, in modo che possano trarre forza dalla collaborazione di fronte alle avversità.

“Il contatto faccia a faccia è come un vaccino”

La psicologa Susan Pinker afferma che il contatto diretto da persona a persona innesca parti del nostro sistema nervoso che rilasciano un “cocktail” di neurotrasmettitori incaricato di regolare la nostra risposta allo stress e all’ansia.

In altre parole, quando comunichiamo con le persone faccia a faccia, potrebbe aiutarci a renderci più resilienti ai fattori di stress nel lungo periodo.

“I contatti faccia a faccia rilasciano un’intera cascata di neurotrasmettitori e, come un vaccino, ti proteggono ora, nel presente e nel futuro, così semplicemente […] agitando le mani, dando a qualcuno un cinque è sufficiente per rilasciare ossitocina, che aumenta il tuo livello di fiducia, e abbassa i livelli di cortisolo, così abbassa lo stress. “

Susan Pinker

Aggiunge che, come risultato dell’interazione sociale, “anche la dopamina viene generata, il che ci dà un po ‘di potenza e uccide il dolore, è come una morfina prodotta naturalmente”.

Questa idea è corroborata dai risultati di uno studio coperto lo scorso anno, che ha concluso che il tocco di un partner romantico può effettivamente aiutare ad alleviare il dolore fisico.

Un altro studio dello scorso anno ha mostrato che coloro che si sottopongono alla chemioterapia per cancro tendono a migliorare se hanno accesso al supporto sociale e all’interazione, suggerendo che semplicemente trovandosi in famiglia, amici o colleghi che attraversano esperienze simili può rafforzarci sia mentalmente che fisicamente.

Motivazione sociale e potere del cervello

La ricerca ha dimostrato che interagendo con gli altri, ci alleniamo davvero il nostro cervello. La motivazione sociale e il contatto sociale possono aiutare a migliorare la formazione della memoria e richiamare e proteggere il cervello dalle malattie neurodegenerative.

due cervelli con ingranaggi

Il Prof. Matthew Lieberman, della University of California, Los Angeles, è specializzato nella meccanica di ciò che definisce il nostro “cervello sociale”, che è l’attività neurale legata all’interazione sociale e ai benefici cerebrali che ne derivano.

Ad esempio, ha visto che “se impari per insegnare a qualcun altro, allora impari meglio che se impari per fare un test”.

Questo va contro le credenze prominenti nei moderni sistemi educativi, in cui l’apprendimento da soli, per accumulare conoscenze e abilità, è in genere preferito.

Invece, il Prof. Lieberman nota che “quando sei socialmente motivato a imparare, il cervello sociale può fare l’apprendimento e può farlo meglio della rete analitica che tipicamente attivi quando tenti di memorizzare”.

Uno studio pubblicato l’anno scorso ha anche scoperto che il mantenimento di amicizie più strette più avanti nella vita potrebbe aiutare a prevenire il declino mentale.

La ricerca – condotta da scienziati del neurologo cognitivo e del morbo di Alzheimer presso la Northwestern University Feinberg School of Medicine di Chicago, IL – ha scoperto che “SuperAgers”, definiti come persone di età superiore agli 80 anni ma con l’agilità mentale di molti giovani, sembra avere una cosa in comune: amici intimi.

“Mentre sia SuperAgers che [i loro coetanei con prestazioni cognitive medie] hanno sostenuto alti livelli di benessere psicologico”, spiegano gli autori, “i SuperAgers hanno sostenuto livelli più elevati di relazioni sociali positive rispetto ai loro coetanei cognitivi della media età”.

Il contesto sociale determina abitudini salutari

Diversi studi recenti hanno anche collegato la connessione sociale con benefici per la salute fisica e abitudini migliori con uno stile di vita più salutare. I ricercatori del Medical Center dell’Università di Maastricht nei Paesi Bassi hanno notato che gli individui socialmente attivi hanno un rischio ridotto di diabete di tipo 2.

Al contrario, le persone che non partecipavano ad attività sociali, come uscire con gli amici o entrare in un club, avevano un rischio maggiore del 60 per cento di sviluppare una condizione chiamata “prediabete”, che di solito precede il diabete.

Potrebbe essere che il solo essere intorno a persone che ci incoraggiano a mantenere abitudini salutistiche o raggiungere obiettivi di stile di vita sfidanti potrebbe aiutarci a rimanere consapevoli del nostro mangiare, esercizio e altre abitudini legate allo stile di vita.

Uno studio recente ha anche rilevato che le persone che si esercitavano in un gruppo piuttosto che da sole avevano diminuito i livelli di stress e avevano un migliore benessere mentale e fisico alla fine di un programma di fitness di 12 settimane.

I loro coetanei che hanno partecipato a sessioni di fitness da solista o che si sono esercitati con un solo partner, non hanno riscontrato gli stessi miglioramenti.

“I benefici comuni di stare insieme con amici e colleghi e fare qualcosa di difficile, incoraggiati l’un l’altro, rendono i dividendi oltre l’esercizio da soli”, osserva l’autore principale dello studio.

Uno strumento per la felicità e la longevità

Infine, il fatto di godere di stretti legami sociali – con amici, partner o familiari – può renderci felici e migliorare la nostra soddisfazione generale della vita a lungo termine.

anziano sorridente

Gli studi hanno dimostrato che coloro che amano le amicizie più strette durante la loro adolescenza non sono semplicemente felici come adolescenti; hanno anche un più basso tasso di depressione o ansia più tardi nella vita.

Tendenze simili sono state osservate nel caso degli anziani. Una ricerca pubblicata nel 2016 ha rivelato che gli anziani che “vivono una vita socialmente attiva e hanno priorità [e] obiettivi sociali [hanno] maggiore soddisfazione nella tarda età”.

È interessante notare che i ricercatori che hanno studiato gli abitanti delle cosiddette Blue Zone in tutto il mondo – luoghi con un alto numero di SuperAger che vivono in età avanzata, pur mantenendo una buona salute e funzioni cognitive – hanno notato che mentre altri elementi legati alla dieta e stile di vita variava ampiamente, sembravano tutti dedicati all’essere altamente socialmente attivi.

La dottoressa Archelle Georgiou, che ha studiato SuperAgers sull’isola isolata di Ikaria in Grecia, ha visto che erano costantemente circondati da familiari, vicini e altri membri della loro comunità e che tutti si sostenevano attivamente l’un l’altro.

Ikarians, scoprì il dottor Georgiou, si riuniva quasi ogni sera per destabilizzare e abbandonare il carico di preoccupazioni della giornata.

Allo stesso modo, gli autori di, che hanno intervistato i supercentenari del villaggio Ogimi – nella prefettura giapponese di Okinawa – hanno visto che essere socialmente connessi era la chiave nella vita di queste persone.

“E ‘consuetudine in Okinawa formare legami stretti all’interno delle comunità locali: A è un gruppo informale di persone con interessi comuni che si guardano l’un l’altro, per molti, servire la comunità diventa parte del loro [scopo di vita]”.

Gli autori spiegano che i membri di un “mantengono la stabilità emotiva e finanziaria”, come tutti gli altri membri del loro gruppo li aiutano se sono nei guai o stanno attraversando momenti difficili.

Certo, essere socialmente attivi non è necessariamente qualcosa che tutti noi possiamo fare sempre. Abbiamo solo bisogno di un po ‘di spazio a volte, e questo è O.K .; godere della nostra compagnia ci aiuta a conoscerci meglio ea sviluppare alcuni dei nostri punti di forza interiori.

Tuttavia, almeno occasionalmente, socializzare con le persone – che siano i nostri amici intimi o le nuove conoscenze – può permetterci di uscire un po ‘dalla nostra testa e ottenere nuove intuizioni sul mondo.

Essere più felici, imparare meglio e vivere più a lungo sono tutti vantaggi che dovrebbero motivare anche i più solitari dei solitari ad uscire e socializzare. Ora chiudi il browser e dai una telefonata a quel vecchio amico.

Abbiamo scelto gli articoli collegati in base alla qualità dei prodotti ed elencato i pro e i contro di ciascuno per aiutarti a determinare quale funzionerà meglio per te. Collaboriamo con alcune delle aziende che vendono questi prodotti, il che significa che Healthline UK e i nostri partner potrebbero ricevere una parte dei ricavi se si effettua un acquisto utilizzando un link (s) di cui sopra.

Like this post? Please share to your friends: