Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Quali sono i sintomi della vitamina E bassa?

Il corpo ha bisogno di vitamina E per funzionare, rendendolo una vitamina essenziale. È liposolubile, il che significa che richiede grassi dalla dieta per essere adeguatamente assorbito. La vitamina E viene principalmente immagazzinata nel fegato prima di essere rilasciata nel flusso sanguigno per l’uso.

La mancanza è rara e tipicamente il risultato di una condizione di base. Alcuni neonati prematuri hanno anche bassi livelli.

La vitamina E si presenta in otto forme chimiche. Con un esame del sangue, un medico può imparare quanto di una forma, alfa-tocoferolo, ha una persona. Usando queste informazioni, possono determinare se il livello complessivo di vitamina E di una persona

Un livello normale è solitamente compreso tra 5,5 e 17 milligrammi per litro (mg / L). L’intervallo normale potrebbe essere diverso per neonati prematuri e bambini sotto i 17 anni. Anche i range normali possono variare leggermente tra i laboratori.

Quando un adulto ha meno di 4 mg / L di vitamina E nel sangue, di solito richiedono l’integrazione.

Segni e sintomi di carenza

Uomo anziano all'aperto che massaggia i templi a causa di mal di testa, disorientamento e problemi di vista.

Bassi livelli di vitamina E possono portare a:

  • Debolezza muscolare: la vitamina E è essenziale per il sistema nervoso centrale. È tra i principali antiossidanti del corpo e una carenza provoca uno stress ossidativo che può portare a debolezza muscolare.
  • Coordinamento e difficoltà di deambulazione: una deficienza può causare la rottura di alcuni neuroni, chiamati neuroni di Purkinje, che danneggiano la loro capacità di trasmettere segnali.
  • Intorpidimento e formicolio: il danno alle fibre nervose può impedire ai nervi di trasmettere correttamente i segnali, provocando queste sensazioni, che sono anche chiamate neuropatia periferica.
  • Degrado della vista: una carenza di vitamina E può indebolire i recettori della luce nella retina e in altre cellule dell’occhio. Ciò può portare alla perdita della visione nel tempo.
  • Problemi del sistema immunitario: alcune ricerche suggeriscono che una carenza di vitamina E può inibire le cellule immunitarie. Gli anziani potrebbero essere particolarmente a rischio.

La debolezza muscolare e le difficoltà di coordinazione sono sintomi neurologici che indicano danni al sistema nervoso centrale e periferico.

Il sistema periferico è la rete di nervi situati oltre il cervello e il midollo spinale. Questi neuroni trasmettono messaggi in tutto il corpo.

Il sistema nervoso centrale comunica tra il cervello e il midollo spinale.

Le guaine dei neuroni sono per lo più composte da grassi. Quando il corpo ha troppo poca vitamina E, contiene meno antiossidanti che proteggono questi grassi e la funzione del sistema nervoso si rompe.

Cause di carenza di vitamina E

Genetica

La carenza di vitamina E è spesso presente nelle famiglie.

L’apprendimento della storia familiare può facilitare la diagnosi di alcune malattie ereditarie rare. Due di queste malattie, l’abetalipoproteinemia congenita e la carenza di vitamina E isolata dalla famiglia, sono croniche e comportano livelli estremamente bassi di vitamina E.

Condizioni mediche

La carenza di vitamina E può anche derivare da malattie che riducono gravemente l’assorbimento dei grassi. Questo perché il corpo ha bisogno di grasso per assorbire correttamente la vitamina E.

Alcune di queste malattie includono:

  • pancreatiti cronici
  • celiachia
  • malattia epatica colestatica
  • fibrosi cistica.

La carenza è anche comune nei neonati e nei bambini nati prematuri che hanno un peso alla nascita inferiore e meno grassi.

I neonati prematuri sono particolarmente a rischio perché un tratto digerente immaturo può interferire con l’assorbimento di grasso e vitamina E.

Le carenze di vitamina E in questi bambini possono anche portare all’anemia emolitica, che distrugge i globuli rossi.

Quando vedere un dottore

Quando una persona non ha una storia di malattia genetica ma manifesta qualsiasi sintomo di una carenza di vitamina E, deve contattare un medico.

Un livello estremamente basso di vitamina E nel sangue può indicare un problema di salute di fondo. Ulteriori test aiuteranno a determinare la causa e le opzioni di trattamento.

Quali sono le opzioni di trattamento?

Dottore, presa a terra, neonato

L’integrazione di vitamina E è spesso efficace.

Neonati e bambini prematuri

La pratica attuale prevede l’integrazione di vitamina E attraverso un tubo nello stomaco. Se necessario, può anche essere somministrato per via endovenosa.

Mentre una dose può aumentare sufficientemente i livelli ematici di vitamina E, possono essere necessarie dosi multiple.

Bambini e adulti

I bambini e gli adulti con deficienze causate da condizioni ereditarie richiedono l’integrazione con alte dosi di vitamina E.

La supplementazione può fermare la progressione della malattia. Quando la carenza viene rilevata precocemente, può prevenire sintomi neurologici.

Vitamina E nella dieta

È altamente improbabile che una persona abbia bassi livelli di vitamina E a meno che non abbia una malattia cronica di base, una condizione genetica o una dieta estremamente povera di grassi. Per gli altri, la supplementazione di solito non è necessaria.

La vitamina E è abbondante in un’ampia varietà di cibi. Il corpo non può produrlo, quindi deve essere ottenuto dalla dieta o da un integratore.

Gli alimenti che contengono vitamina E includono:

  • oli vegetali, come olio di germe di grano, olio di arachidi e olio d’oliva
  • noci, semi
  • cereali integrali
  • latte
  • la maggior parte delle verdure, inclusi spinaci, bietole, peperoni rossi e avocado

complicazioni

Supplementi di olio di vitamina e capsule.

Una persona non dovrebbe assumere troppi integratori di vitamine liposolubili, comprese le vitamine A, D, E e K.

Livelli eccessivi di vitamina E possono causare sanguinamento anormale, dolori muscolari, diarrea e vomito. L’emorragia può aumentare il rischio di ictus e morte prematura.

Troppa vitamina E può anche interagire con anticoagulanti come warfarin e chemioterapia.

Una persona dovrebbe informare il medico di tutti i supplementi e le vitamine che prendono regolarmente. Non superare la dose raccomandata di integratori se non dietro indicazione di un medico.

Porta via

Quando un adulto ha una carenza di vitamina E, è probabile che una malattia cronica o una condizione genetica siano responsabili.

Una persona dovrebbe cercare un trattamento da uno specialista e un dietista qualificato che abbia esperienza con la malattia.

Quando una dieta estremamente povera di grassi è responsabile della carenza, si può rimediare aggiungendo grassi alla dieta.

Sarà necessaria un’integrazione continua di vitamina E per arrestare la progressione della malattia e prevenire le complicanze. Quando una persona viene diagnosticata precocemente e riceve un trattamento continuo, la sua prospettiva è generalmente buona.

La ricerca continua sull’integrazione di vitamina E, tossicità e limiti di sicurezza.

Like this post? Please share to your friends: