Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Quali sono le fasi della malattia di Alzheimer?

La malattia di Alzheimer è una malattia degenerativa progressiva che peggiora nel tempo. Comporta una graduale perdita di memoria, oltre a cambiamenti nel comportamento, nel pensiero e nelle abilità linguistiche.

La malattia di Alzheimer è la forma più comune di demenza. Colpisce più di 5 milioni di persone negli Stati Uniti.

Sebbene ogni persona viva l’Alzheimer in modo diverso, il modo in cui la malattia progredisce può essere raggruppato in una serie di fasi.

È importante assicurarsi che qualcuno con demenza viva bene con la condizione e che i loro bisogni siano soddisfatti, piuttosto che concentrarsi su quale fase possano essere.

Quanto velocemente progredisce il morbo di Alzheimer?

L’Alzheimer sembra svilupparsi lentamente rispetto ad altri tipi di demenza, ma il tasso di progressione varia tra gli individui.

La persona anziana cammina il proprio cane in un parco

L’aspettativa di vita media per una persona con questa malattia è 8-10 anni dopo la diagnosi, ma le persone possono vivere con l’Alzheimer per 20 anni o più.

Diversi fattori possono influenzare la progressione della malattia.

Questi includono:

  • Età: le persone con sintomi di Alzheimer che si sviluppano prima dei 65 anni possono avere una progressione più rapida
  • Geni: i geni di una persona possono influenzare il tasso di progressione
  • Salute fisica: le persone con malattie cardiache o diabete mal gestiti, che hanno avuto diversi ictus o hanno ripetuto infezioni, possono deteriorarsi più rapidamente

Mantenersi attivi, essere coinvolti in attività e fare regolarmente esercizio fisico può aiutare l’individuo a mantenere le proprie abilità più a lungo.

Altri importanti fattori includono:

  • Mantenere una dieta sana
  • Dormire abbastanza
  • Prendendo tutti i farmaci prescritti correttamente
  • Smettere di fumare
  • Non bere troppo alcol
  • Andando a controlli regolari

Se una persona con malattia di Alzheimer manifesta un improvviso cambiamento di capacità o comportamento, potrebbe avere un altro problema di salute o un’infezione. È importante chiedere il parere di un medico il più presto possibile.

fasi

Guardare il morbo di Alzheimer può dare un’idea più chiara dei cambiamenti che potrebbero verificarsi.

Le fasi sono una guida approssimativa. I sintomi che ha una persona, e quando appaiono, varieranno. Esistono diversi modi per mappare la malattia di Alzheimer. Alcune persone si riferiscono a sette fasi, mentre altre si riferiscono a solo tre.

Questo articolo, tuttavia, esaminerà cinque fasi della malattia di Alzheimer:

  1. Malattia di Alzheimer preclinica
  2. Deficit cognitivo lieve dovuto al morbo di Alzheimer
  3. Demenza lieve dovuta al morbo di Alzheimer
  4. Demenza moderata dovuta al morbo di Alzheimer
  5. Grave demenza dovuta al morbo di Alzheimer

La demenza osservata negli stadi da 3 a 5 descrive l’insieme di sintomi che influenzano la memoria, il pensiero, la risoluzione dei problemi o il linguaggio e sono abbastanza gravi da influire sulla vita quotidiana.

Il tempo medio tra l’insorgenza dei sintomi dell’Alzheimer e il raggiungimento di una diagnosi è di circa 2,8 anni.

Fase 1: Malattia di Alzheimer preclinica

I cambiamenti funzionali associati all’Alzheimer sono pensati per iniziare anni o addirittura decenni prima della diagnosi.

Questa lunga fase è nota come stadio preclinico della malattia di Alzheimer. Durante questa fase, non ci saranno sintomi clinici evidenti.

Sebbene non vi siano sintomi evidenti nella fase preclinica, le tecnologie di imaging possono individuare depositi di una proteina chiamata beta amiloide.

Nelle persone con malattia di Alzheimer, questa proteina si aggrega e forma placche. Questi gruppi proteici possono bloccare la segnalazione da cellula a cellula e attivare le cellule del sistema immunitario che attivano l’infiammazione e distruggono le cellule disabili.

Esistono altri indicatori biologici, o biomarker, che mostrano un aumento del rischio di malattia, oltre a test genetici che possono rilevare se una persona ha un rischio maggiore.

L’utilizzo della tecnologia di imaging per localizzare i gruppi beta di amiloide, il rilevamento dei biomarker e i test genetici potrebbero essere importanti in futuro con lo sviluppo di nuovi trattamenti per l’Alzheimer.

I ricercatori stanno studiando questo stadio preclinico per capire quali fattori possono predire il rischio di progressione dalla normale cognizione allo stadio 2 della progressione del morbo di Alzheimer, che comporta un lieve deterioramento cognitivo.

I ricercatori sperano anche che i loro studi aiuteranno le persone con l’Alzheimer a farsi curare in una fase molto più precoce.

Le terapie modificanti la malattia possono essere più efficaci nelle fasi iniziali della malattia di Alzheimer e possono rallentare la progressione della malattia.

Fase 2: lieve deterioramento cognitivo dovuto al morbo di Alzheimer

Un lieve deterioramento cognitivo si verifica tra il declino cognitivo che è previsto come una parte normale dell’invecchiamento e il più grave declino della demenza.

stringa rossa su un dito da ricordare

Una persona con lievi disturbi cognitivi può notare cambiamenti sottili nel loro modo di pensare e nella loro capacità di ricordare le cose. Possono mostrare errori di memoria quando si tratta di conversazioni recenti che hanno avuto, eventi recenti o appuntamenti in cui sono stati.

Tuttavia, le modifiche alla memoria e al pensiero in questa fase non sono abbastanza gravi da causare problemi nella vita quotidiana o nelle attività abituali.

Poiché le persone invecchiano, è normale che la dimenticanza aumenti leggermente o che le persone impieghino più tempo a pensare a una parola oa ricordare un nome. Se il problema è più grave, potrebbe essere un segno di lieve deterioramento cognitivo.

I sintomi di decadimento cognitivo lieve includono:

  • Dimenticare le cose più spesso
  • Dimenticando appuntamenti, conversazioni o eventi recenti
  • Incapacità di prendere decisioni o sentirsi sopraffatti nel farlo
  • Diventando sempre più in grado di giudicare il tempo o la sequenza di passaggi per completare un compito
  • Essere più impulsivo o mostrare un giudizio sempre più scadente
  • Amici e parenti che hanno notato i cambiamenti di cui sopra

Le persone con lievi disturbi cognitivi possono anche sperimentare depressione, irritabilità, aggressività, apatia e ansia.

Non tutti i soggetti con lievi disturbi cognitivi svilupperanno la demenza. La ricerca suggerisce che circa il 10-15% degli anziani con lieve decadimento cognitivo svilupperà la demenza ogni anno.

Al momento non ci sono farmaci o terapie specificamente approvate che siano in grado di trattare un danno cognitivo lieve.

Tuttavia, sono in corso studi per identificare trattamenti che possono aiutare a migliorare i sintomi o prevenire o ritardare la loro progressione verso la demenza.

Fase 3: lieve demenza dovuta al morbo di Alzheimer

La fase di demenza lieve è il punto tipico in cui i medici potrebbero diagnosticare la malattia di Alzheimer.

Oltre agli amici e alla famiglia che notano che la persona sta avendo problemi con la memoria e il pensiero, questi problemi potrebbero anche iniziare a influenzare la vita quotidiana.

I sintomi di lieve demenza dovuta alla malattia di Alzheimer includono:

  • Difficoltà a ricordare le informazioni appena apprese
  • Facendo ripetutamente la stessa domanda
  • Risolvi i problemi risolvendo e completando le attività
  • Motivazione ridotta per completare le attività
  • Sperimentare un errore nel giudizio
  • Divenire ritirato o insolitamente irritabile o arrabbiato
  • Difficoltà a trovare le parole corrette per descrivere un oggetto o un’idea
  • Perdersi o smarrire gli oggetti

Fase 4: demenza moderata dovuta al morbo di Alzheimer

Durante la fase di demenza moderata dovuta al morbo di Alzheimer, la persona diventa sempre più confusa e dimentica. Possono aver bisogno di aiuto con le attività quotidiane e l’assistenza per prendersi cura di se stessi.

I sintomi di demenza moderata dovuta alla malattia di Alzheimer includono:

  • Perdere traccia di posizione e dimenticare la strada, anche in luoghi familiari
  • Vagando alla ricerca di ambienti che si sentono più familiari
  • Non riescono a ricordare il giorno della settimana o della stagione
  • Confondere familiari e amici intimi o scambiare estranei per famiglia
  • Dimenticando le informazioni personali come indirizzo, numero di telefono, a quali scuole sono andate
  • Ripetere i ricordi preferiti o inventare storie per colmare le lacune che hanno nella loro memoria
  • Hai bisogno di aiuto per prendere decisioni su cosa indossare per il tempo o la stagione
  • Hai bisogno di assistenza per fare il bagno e la toelettatura
  • Occasionalmente perdendo il controllo della vescica o dell’intestino
  • Diventare indebitamente sospettosi di amici e familiari
  • Vedere o sentire cose che non ci sono
  • Diventare irrequieti o agitati
  • Visualizzazione di esplosioni aggressive o fisiche

Fase 5: Grave demenza dovuta al morbo di Alzheimer

L'uomo più vecchio viene confortato da sua moglie

Durante questa fase, il funzionamento mentale della persona continua a diminuire. Il movimento e le capacità fisiche possono peggiorare in modo significativo.

I sintomi della grave demenza dovuta alla malattia di Alzheimer includono:

  • Incapacità di parlare e comunicare coerentemente
  • Avere bisogno di assistenza completa con cura personale, mangiare, vestirsi e usare il bagno
  • Mancanza di camminare senza aiuto, incapace di sedersi o tenere la testa alta
  • Muscoli rigidi e riflessi anormali
  • Perdita della capacità di deglutire, incapacità di controllare i movimenti della vescica e dell’intestino

Una persona con grave malattia di Alzheimer ha un’alta probabilità di morire di polmonite. La polmonite è una causa comune di morte in chi soffre di Alzheimer perché, poiché la persona perde la capacità di deglutire, cibo e bevande possono entrare nei polmoni e causare infezioni.

Altre cause comuni di morte tra le persone con malattia di Alzheimer possono includere disidratazione, malnutrizione e altre infezioni.

prospettiva

La malattia di Alzheimer è attualmente la sesta causa di morte negli Stati Uniti. Circa 1 su 3 anziani muoiono di Alzheimer o di un altro tipo di demenza. Uccide più persone di cancro al seno e cancro alla prostata combinati.

L’aspettativa di vita per le persone con malattia di Alzheimer varia a seconda di molti fattori. Se i sintomi di una persona compaiono quando hanno 60 o 70 anni, è probabile che vivano per 7-10 anni. Tuttavia, se i sintomi di una persona iniziano nei loro anni ’90, è probabile che vivano per circa altri 3 anni.

Tra le prime 10 principali cause di morte negli Stati Uniti, l’Alzheimer è l’unica malattia che non può essere rallentata, curata o prevenuta.

Poiché la causa del morbo di Alzheimer è sconosciuta, non esiste un modo noto per prevenire la malattia. La ricerca è in corso. Farmaci per il trattamento della malattia possono aiutare per un po ‘con i sintomi della memoria e altri tali cambiamenti cognitivi.

Le azioni che possono contribuire alla riduzione del rischio di demenza – o eventualmente ritardarne l’esordio – includono smettere di fumare, ridurre l’alcol, seguire una dieta sana, mantenere un peso sano, rimanere fisicamente in forma e mentalmente attivi.

Like this post? Please share to your friends: