Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Quali sono le lesioni ossee? Tipi e trattamento

Le lesioni ossee sono aree ossee modificate o danneggiate. Le cause delle lesioni ossee comprendono infezioni, fratture o tumori.

Quando le cellule all’interno dell’osso iniziano a dividersi in modo incontrollabile, a volte vengono chiamate tumori ossei.

La maggior parte delle lesioni ossee sono benigne, nel senso che non sono cancerose. Alcune lesioni ossee sono cancerose, tuttavia, e questi sono noti come tumori ossei maligni.

Quali sono le lesioni ossee?

Dottore guardando a raggi x della colonna vertebrale in ufficio, accanto al modello di scheletro umano.

Le lesioni ossee possono interessare qualsiasi parte del corpo e svilupparsi in qualsiasi sezione dell’osso, dalla superficie al midollo osseo al centro.

Sono causate da cellule dell’osso che iniziano a dividersi e moltiplicarsi in modo incontrollabile, causando un nodulo o una massa di tessuto anormale.

Una lesione in crescita può distruggere il tessuto sano e indebolire l’osso, rendendolo più vulnerabile alle fratture.

La maggior parte delle lesioni ossee sono benigne, non pericolose per la vita e non si diffondono ad altre parti del corpo.

Alcune lesioni ossee, tuttavia, sono maligne, il che significa che sono cancerose. Queste lesioni ossee possono a volte metastatizzare, che è quando le cellule tumorali si diffondono ad altre parti del corpo.

I tumori ossei maligni sono divisi in due tipi:

  • Cancro osseo primario, che è il cancro che inizia nell’osso.
  • Cancro osseo secondario, che è quando il cancro inizia da qualche altra parte e si diffonde fino all’osso.

Cause e trattamento

La causa di una lesione ossea dipende dal fatto che sia benigna o cancerosa, oltre ad altri fattori.

Lesioni ossee benigne

La maggior parte delle lesioni ossee sono benigne, nel senso che non sono cancerose o potenzialmente letali. Ci sono anche alcune malattie e condizioni che assomigliano a lesioni ossee.

Le cause delle lesioni ossee benigne includono:

  • fibroma non ossificante
  • ciste ossea unicamerale (semplice)
  • osteocondroma
  • tumore a cellule giganti
  • enchondroma
  • displasia fibrosa
  • condroblastoma
  • cisti ossea aneurismatica
  • osteoma osteoide

Se la lesione è benigna, un medico può raccomandare un periodo di monitoraggio con raggi X regolari. Alcune lesioni, specialmente quelle nei bambini, possono scomparire nel tempo.

Altre lesioni ossee possono essere trattate con successo con i farmaci. In alcuni casi, potrebbe essere necessario rimuovere chirurgicamente la lesione per ridurre il rischio di frattura ossea.

Le lesioni benigne possono tornare dopo il trattamento. in rari casi, possono diffondersi o diventare maligni.

Tumori ossei maligni

Le cause dei tumori ossei maligni o delle lesioni ossee cancerose dipendono dal fatto che il tumore sia primario o secondario.

Le cause più comuni di lesioni al cancro osseo primario sono:

Mieloma multiplo

Micrografia di neoplasia di mieloma multiplo da biopsia del midollo osseo

Il mieloma multiplo è un tumore maligno del midollo osseo, che è il tessuto molle nel mezzo delle ossa responsabili della produzione di cellule del sangue.

Può colpire qualsiasi osso del corpo ed è il più comune tumore osseo primario, colpendo circa sei persone ogni 100.000 ogni anno. La maggior parte delle persone con mieloma multiplo ha tra i 50 ei 70 anni.

Il mieloma multiplo viene solitamente trattato con chemioterapia e radioterapia. Occasionalmente può essere necessario un intervento chirurgico.

Il tasso di sopravvivenza a 5 anni per il mieloma multiplo è del 49%. Ciò significa che poco meno della metà delle persone diagnosticate con questa condizione saranno in vita 5 anni dopo la diagnosi.

osteosarcoma

L’osteosarcoma è il secondo tumore osseo primario più comune. È ancora raro che si verifichi tra due e cinque persone ogni milione ogni anno.

La maggior parte dei casi di osteosarcoma sono visti entrambi i lati del ginocchio nel femore o stinco di adolescenti e bambini. A volte può anche accadere nell’anca o nella spalla.

Il trattamento di solito comporta la chemioterapia e la chirurgia. Il tasso di sopravvivenza a 5 anni è del 70% per i bambini e i giovani con osteosarcoma in un unico luogo quando vengono diagnosticati.

Le normali opzioni di trattamento per l’osteosarcoma sono la chemioterapia, la chirurgia e le radiazioni.

Ewing sarcoma

I bambini e i giovani di età compresa tra 5 e 20 hanno più probabilità di sperimentare il sarcoma di Ewing.

La parte superiore e inferiore della gamba, il bacino, la parte superiore del braccio o le costole tendono ad essere le ossa colpite da questo tipo di tumore. Può anche svilupparsi nei tessuti molli che circondano un osso.

Mentre il sarcoma di Ewing può svilupparsi a qualsiasi età, più della metà di quelli diagnosticati ha tra i 10 ei 20 anni.

Il tasso di sopravvivenza globale a 5 anni per i bambini e i giovani con sarcoma di Ewing che non si è diffuso è di circa il 70%. Se il tumore si è già diffuso al momento della diagnosi, la prognosi non è altrettanto buona.

condrosarcoma

Il condrosarcoma è un tumore maligno costituito da cellule che producono cartilagine. È visto principalmente nelle persone tra i 40 ei 70 anni. Questi tumori tendono a svilupparsi nell’area dell’anca, del bacino o della spalla.

Il condrosarcoma viene solitamente trattato con un intervento chirurgico, ma il tipo di operazione necessaria dipenderà dallo stadio e dalla gravità del tumore.

Durante l’intervento di preservazione degli arti, la parte dell’osso interessata viene rimossa e sostituita con una sostituzione di metallo o innesto osseo.

Occasionalmente, se le cellule tumorali si sono diffuse dall’osso ai nervi e ai vasi sanguigni, potrebbe essere necessario amputare l’area interessata.

Il condrosarcoma è un tumore a crescita lenta e la maggior parte dei casi è di basso grado al momento della diagnosi.

Lesioni del cancro osseo secondario

I tipi di cancro che iniziano in altre parti del corpo e possono diffondersi nell’osso includono:

  • Seno
  • polmone
  • tiroide
  • renale
  • prostata

Nel caso del tumore osseo secondario che si è diffuso da altrove, le opzioni e le prospettive di trattamento dipenderanno dal tipo e dalla gravità del tumore primario.

Sintomi

L'uomo si tiene la schiena dolorante, appoggiata al muro.

A volte, le lesioni ossee possono causare dolore nella zona interessata. Questo dolore è solitamente descritto come opaco o dolente e può peggiorare durante l’attività. La persona può anche sperimentare febbre e sudorazioni notturne.

Oltre al dolore, alcune lesioni tumorali ossee possono causare rigidità, gonfiore o dolorabilità nell’area interessata. Il dolore può andare e venire e può essere peggiore o migliore di notte.

Non tutte le persone sperimenteranno questi sintomi ma potrebbero invece notare una massa indolore da qualche parte sul loro corpo.

Le lesioni ossee possono indebolire il tessuto osseo rendendolo vulnerabile alle fratture. Pertanto, una persona con una lesione ossea può rompere un osso senza avere alcuna lesione.

Diagnosi

Un medico effettuerà una valutazione fisica completa e diversi test per diagnosticare la causa di una lesione ossea. Potrebbero chiedere informazioni sulla salute generale, sui farmaci e sui sintomi, nonché su qualsiasi storia familiare di lesioni o cancro.

Durante un esame fisico, un medico cercherà il gonfiore o la tenerezza, eventuali cambiamenti nella pelle, la presenza di una massa e se c’è qualche effetto sulle articolazioni vicine.

Ordineranno anche test di imaging, che possono includere radiografie, risonanze magnetiche (MRI) o scansioni di tomografia computerizzata (CT).

Potrebbe essere necessaria anche una biopsia per fare una diagnosi. Durante una biopsia, un piccolo campione della lesione verrà rimosso per l’esame al microscopio. Possono essere eseguiti anche esami del sangue e delle urine.

prospettiva

Le prospettive per le persone con una lesione ossea dipenderanno dal tipo di lesione ossea che hanno.

Le lesioni benigne possono richiedere solo un’attesa vigile o un trattamento con farmaci, sebbene possano ritornare dopo un trattamento efficace.

Le persone con lesioni ossee maligne devono visitare il proprio medico regolarmente, di solito ogni pochi mesi, dopo il trattamento e essere monitorate per segni di recidiva.

Like this post? Please share to your friends: