Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Quali sono semplici crisi parziali?

Un semplice attacco parziale avviene su un lato del cervello. Di solito, le persone che stanno vivendo un semplice attacco parziale non perdono coscienza o consapevolezza.

Le crisi parziali semplici sono di tipo convulsivo in cui inizialmente viene colpito un lato del cervello. A volte l’attività convulsiva rimarrà su questo lato, mentre altre volte l’attività convulsiva si diffonderà e diventerà parzialmente complessa o secondariamente generalizzata nel tipo.

I medici possono anche chiamare semplici attacchi parziali “convulsioni focalizzate” o “semplici attacchi focali”.

Se una persona sperimenta ripetute crisi parziali semplici, un medico potrebbe diagnosticarle con l’epilessia, che è un continuo attacco epilettico. Si stima che dal 2 al 12 per cento di tutti i bambini con epilessia sperimentino crisi parziali semplici.

Le cause

Modello di cervello con stetoscopio per dimostrare semplici crisi parziali.

Si verifica un sequestro quando una persona sperimenta un disturbo nella normale attività del suo cervello. Il cervello comunica tramite “segnali” elettrici, quindi quando questi segnali vengono interrotti, una persona può avere un attacco.

Semplici attacchi parziali si verificano in persone che hanno un’anomalia elettrica in una parte specifica del loro cervello e sono inclini a questi segnali disturbati.

I medici non sanno cosa causa molti tipi di disordini parziali semplici, ma pensano che possano esserci fattori genetici.

Le cause delle crisi parziali semplici includono lesioni cerebrali traumatiche, che possono causare una cicatrice sul cervello che può disturbare i normali segnali elettrici cerebrali e scatenare le convulsioni. Inoltre, l’irritazione cerebrale dovuta a chirurgia, ictus o tumore può interferire con l’attività elettrica cerebrale e causare semplici crisi parziali.

Le persone con diabete possono manifestare un tipo di crisi parziali semplici continue chiamate epilessia partialis continua (EPC). Affrontare e correggere livelli molto elevati di zucchero nel sangue può aiutare a trattare questa rara condizione. Qualsiasi altra anomalia strutturale del cervello può anche causare EPC.

tipi

Altri tipi di crisi includono crisi parziali complesse, che comportano la perdita di conoscenza da parte di una persona. Questo perché l’attività elettrica anormale coinvolge entrambi i lati del cervello e le regioni che sono importanti nella consapevolezza.

Un altro tipo è un attacco generalizzato, che si verifica quando viene colpito l’intero cervello di una persona. Le persone che hanno un attacco generalizzato perdono conoscenza. I sintomi includono convulsioni tonico-cloniche (grandioso) in cui vi è uno strappo delle braccia e delle gambe, o piccoli incantesimi fissi in cui l’individuo non risponde alle direttive da nessuno intorno a loro.

Sintomi

La donna non si sente male a causa del semplice attacco al paramedico.

I medici spesso classificano semplici attacchi parziali in quattro tipi in base all’area del cervello interessata. La posizione del sequestro di solito determina anche i sintomi vissuti.

Le crisi parziali semplici motori e sensoriali non possono cambiare la consapevolezza o la coscienza. Tuttavia, alcune crisi parziali possono essere semplici o complesse ed essere associate a problemi autonomici o psichici.

Qui ci sono maggiori dettagli su queste quattro semplici categorie di sequestro parziale:

  • Motore: un attacco motorio induce una persona a perdere il controllo dell’attività muscolare, di solito nel braccio, nella faccia, nel piede o in un’altra parte del corpo. A causa del modo in cui i nervi motori attraversano il cervello, se una persona perde il controllo sul lato destro del cervello, causerà problemi sul lato sinistro del corpo e viceversa.
  • Sensoriale: le crisi sensoriali causeranno cambiamenti all’udito, alla vista o all’olfatto di una persona. Questo può causare allucinazioni e difficoltà di udito. Inoltre, come nelle crisi motorie, una concentrazione di crisi sul lato destro del cervello può causare intorpidimento o formicolio sul lato sinistro del corpo.
  • Autonomo: le crisi autonome influenzano parti del cervello che si occupano delle funzioni del corpo che una persona non controlla con il proprio pensiero. I sintomi potrebbero includere cambiamenti nel ritmo cardiaco, nella pressione sanguigna e nella funzione intestinale.
  • Psichico: un attacco psichico induce una persona a provare improvvisi cambiamenti emotivi, come sentimenti di paura, ansia o persino déjà vu.

Alcuni sintomi generali di semplici attacchi parziali che possono verificarsi da soli o in combinazione in una data persona senza perdita di coscienza includono:

  • essere disattenti ma ancora in grado di seguire i comandi
  • cambiamenti nella visione (spesso una parte o l’altra)
  • difficoltà a parlare o non parlare per qualche tempo
  • sentirsi come se la pelle stesse strisciando (spesso colpendo una parte o l’altra)
  • intorpidimento o formicolio su un lato del corpo (se l’intero lato o solo parte)
  • sudorazione o sensazione di ansia
  • movimento diminuito su un lato del corpo (se l’intero lato o solo parte)
  • movimenti oculari insoliti, come gli occhi che si spostano rapidamente da un lato all’altro o fissi lo sguardo in una direzione

In alcune persone, un semplice attacco parziale è un attacco di avvertimento che può indicare che un altro attacco sta per verificarsi. Possono essere un avvertimento di un attacco generalizzato, che colpisce l’intero cervello e fa perdere conoscenza alla persona.

La maggior parte delle convulsioni non dura più di 1-2 minuti. Tuttavia, una persona può continuare a sentirsi confusa o avere difficoltà a pensare chiaramente dopo che si è verificato un attacco.

Se un attacco dura più di 5 minuti, i medici lo considerano un’emergenza medica.

Trattamento

Quando una persona ha avuto più crisi, i medici prescrivono di solito anti-convulsivi come prima linea di trattamento.

Tuttavia, altre opzioni di trattamento includono:

  • trattamento di alti livelli di zucchero nel sangue per diminuire le crisi focali dovute al diabete
  • il trattamento del gonfiore del cervello causato da un tumore, ad esempio, può ridurre le dimensioni di una regione del cervello che può innescare un attacco
  • il trattamento della causa di un’infezione cerebrale, come l’encefalite da herpes, può anche ridurre il rischio di una persona che ha un attacco

Tuttavia, i farmaci per le convulsioni o questi altri trattamenti potrebbero essere inefficaci nell’arrestare le convulsioni.

Altri trattamenti includono:

Dieta

Un’opzione per trattare alcune forme di crisi parziali semplici nei bambini è una dieta specializzata nota come dieta chetogenica. Molti medici suggeriscono la dieta chetogenica per i bambini che non hanno risposto ad altri trattamenti convulsivi. Questa dieta è una dieta altamente ricca di grassi e basso contenuto di carboidrati che a volte può essere difficile da seguire per i bambini. Una dieta chetogenica richiede la supervisione di un dietologo.

Chirurgia

Alcune persone possono richiedere un intervento chirurgico per fermare i loro attacchi. La chirurgia comporta la rimozione di una zona del cervello che sta causando una persona ad avere convulsioni. Queste aree includono tessuto cicatriziale, un tumore o altre anomalie. La chirurgia è generalmente considerata l’ultima risorsa. Potrebbe essere effettuato su persone che non hanno risposto ai farmaci, e quelli in cui la causa dei sequestri è facilmente accessibile.

Stimolatore del nervo vago

Le persone che non sono candidate alla chirurgia ma che non rispondono bene ai loro farmaci antiepilettici possono beneficiare di un dispositivo chiamato stimolatore del nervo vago (VNS).

Un VNS è una piccola unità posta sotto la pelle del torace e attaccata al nervo vago del collo. Quel nervo vago arriva fino al cervello e i segnali elettrici rilasciati dal VNS modificano l’attività elettrica nel cervello che causa le convulsioni.

farmaci

C’è una gamma di farmaci disponibili che mirano a ridurre la frequenza delle crisi. Ognuno dei farmaci funziona in modo diverso, ea volte un medico prescrive più di un tipo di farmaco anticonvulsivo.

Le opzioni di trattamento includono:

  • carbamazepina (Tegretol)
  • lamotrigina (Lamictal)
  • oxcarbazepine (Trileptal)
  • fenitoina (Dilantin)
  • valproato (Depakote)

Se una persona assume farmaci anti-convulsivi, non deve improvvisamente smettere di prenderli.

Per prevenire un attacco, il corpo deve contenere una certa quantità di farmaci anti-convulsivi. L’interruzione improvvisa dell’assunzione del farmaco può causare rapidamente un attacco.

Quando vedere un dottore

Persona che ha EEG.

Se una persona avverte qualche sintomo che può essere un semplice attacco parziale, deve rivolgersi immediatamente al medico.

A volte, i sintomi di un semplice attacco parziale possono essere fraintesi. Ad esempio, un insegnante o un altro dirigente scolastico può scambiare i sintomi di un semplice attacco parziale in un bambino come pigrizia in classe o non prestare attenzione.

Un medico diagnosticherà spesso l’epilessia considerando i sintomi di una persona. Chiederanno ad amici e familiari i sintomi che hanno osservato.

Il medico può ordinare test per escludere altre cause. Questo potrebbe includere esami del sangue, test del fegato o test della tiroide.

A volte, il medico può ordinare un test noto come elettroencefalogramma o EEG. Questo test misura le onde cerebrali e il funzionamento. Se una persona ha un attacco mentre è monitorata da un EEG, il medico raccoglierà informazioni specifiche sul tipo di crisi.

I medici possono anche ordinare scansioni di immagini come una TAC o una risonanza magnetica per identificare le aree che potrebbero causare attacchi.

È importante notare che tutti i test, compreso l’esame neurologico eseguito dal medico, possono essere normali, tuttavia l’individuo può ancora avere un disturbo convulsivo o l’epilessia.

prospettiva

Un primo passo critico nella diagnosi di una persona che si ritiene abbia avuto una o più crisi parziali semplici è determinare se una persona ha un’anomalia cerebrale. Questa anormalità potrebbe essere un problema nella struttura del cervello, come un tumore, o potrebbe essere che una regione specifica del cervello sia elettricamente anormale e causi le crisi parziali semplici.

I bambini che hanno crisi parziali semplici a volte “superano” i sequestri e non li vivranno da adulti.

Altri potrebbero aver bisogno di prendere farmaci anti-sequestro per tutta la vita.

Semplici attacchi parziali possono essere trattati in diversi modi, come il trattamento di una patologia di base o la prescrizione di un farmaco specifico. A volte, semplici crisi parziali possono segnalare l’inizio di una più pericolosa (generalizzata) malattia convulsiva.

Chiunque abbia sintomi di un possibile semplice attacco parziale dovrebbe consultare il proprio medico per una diagnosi e un trattamento definitivi.

Like this post? Please share to your friends: