Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Quando testare l’epatite C dopo l’esposizione

Se una persona è stata infettata dal virus dell’epatite C, ci vuole un po ‘perché il suo corpo produca abbastanza anticorpi da rilevare. Questa volta è noto come periodo della finestra.

Il periodo di finestra dell’epatite C (HCV) è in genere da 6 a 9 settimane dal momento in cui la persona è stata infettata. Durante questo periodo, un test degli anticorpi contro l’epatite C può portare a un risultato negativo.

In questo articolo, vediamo come il periodo di finestra può influenzare la diagnosi di HCV e quando le persone dovrebbero prendere in considerazione l’idea di sottoporsi al test.

Quanto tempo dovresti aspettare per i test dopo l’esposizione?

Fiala di campione di sangue per il test HCV.

Quando una persona è esposta all’HCV, ci vuole tempo prima che l’organismo la riconosca come un virus e inizi a sviluppare anticorpi per combattere l’infezione.

Gli anticorpi sono sostanze chimiche rilasciate dall’organismo in risposta a un’infezione. Il corpo inizia a rilasciare anticorpi dopo che le particelle virali chiamate HCV RNA sono rilevabili.

Se il test viene eseguito troppo presto, durante il periodo di finestra potrebbe verificarsi un risultato negativo precoce. Di conseguenza, potrebbe essere necessario ripetere i test in alcune persone.

Quelli con un’infezione da HCV saranno contagiosi anche se non hanno ancora sviluppato sintomi. Se qualcuno crede di aver contratto il virus, dovrebbe parlare con un medico per determinare la necessità e i tempi per i test.

Il virus dell’HCV viene trasmesso attraverso il contatto con il sangue di una persona infetta. Può essere diffuso attraverso:

  • condivisione di attrezzature per l’iniezione di droghe contaminate, come aghi e siringhe
  • contatto sessuale se esiste il rischio di contatto con il sangue di un individuo infetto
  • gravidanza attraverso la trasmissione da madre a figlio
  • uso e riutilizzo di attrezzature mediche che non sono state sterilizzate
  • ferite da aghi, che coinvolgono il sangue di una persona infetta
  • ricevere sangue contaminato da fonti non schermate
  • condivisione di articoli per l’igiene personale, come rasoi e spazzolini da denti, se comportano il sangue di una persona infetta
  • avere un tatuaggio o un piercing in una pratica non regolata in cui l’igiene è scarsa

È importante sottolineare che il virus dell’HCV non può diffondersi attraverso latte materno, cibo, acqua, abbracci, baci o condivisione di cibo o bevande con una persona che ha il virus.

Chi dovrebbe essere testato per l’epatite C?

Alcune persone sono più a rischio di contrarre l’epatite C e dovrebbero essere sottoposte a test per la malattia. Queste persone includono:

  • quelli che sono nati tra il 1945 e il 1965
  • attuali o precedenti utilizzatori di droghe iniettabili o che usano droghe intranasali
  • quelli che sono stati trattati prima del 1987 per un disturbo della coagulazione del sangue
  • coloro che hanno ricevuto una trasfusione di sangue o un trapianto di organi prima del luglio 1992
  • quelli che stanno ricevendo l’emodialisi a lungo termine
  • quelli con anormali test di funzionalità epatica o malattia del fegato
  • coloro che svolgono professioni sanitarie o di sicurezza pubblica che sono stati esposti all’HCV da un ago o da un altro infortunio
  • quelli con HIV, in particolare uomini sieropositivi che hanno rapporti sessuali non protetti con gli uomini
  • bambini nati da madri con HCV

Se una persona sospetta o viene informata di essere stata esposta a qualcuno con HCV, deve parlare con il proprio medico di test.

Le persone che sono state in prigione o che hanno tatuaggi e piercing possono richiedere un test dell’HCV, a seconda delle circostanze.

Test per l’epatite C

Donna che ha sangue disegnato per la prova.

Sebbene siano disponibili test anticorpali rapidi per alcune persone, i medici testeranno di solito una persona con un esame del sangue chiamato test degli anticorpi contro l’epatite C.

Il test degli anticorpi anti-epatite C viene utilizzato per verificare se una persona ha effettuato anticorpi contro l’HCV. Se lo hanno, mostra che sono stati infettati a un certo punto della loro vita.

Se una persona ha un risultato del test non reattivo o negativo, la persona non sembra avere HCV. Tuttavia, se il test viene dato durante il periodo di finestra, il risultato potrebbe essere impreciso.

Quando una persona è stata esposta all’HCV nelle precedenti 6 settimane, potrebbe essere raccomandato un nuovo test.

Un risultato positivo o positivo indica al medico che qualcuno è stato infettato dall’HCV in qualche momento della sua vita. Il risultato indica che il loro corpo ha creato anticorpi per combattere il virus.

È importante sapere che questo significa solo che qualcuno è stato infettato in un dato momento e non che una persona ha ancora HCV attivo. Se l’infezione è presente, la persona potrebbe essere stata curata o eliminata dal virus, ma avrà sempre gli anticorpi.

Altri test, come un test dell’acido nucleico per l’acido ribonucleico HCV (RNA), mostreranno se è ancora presente un’infezione da HCV. Questo test misura la quantità di virus nel sangue.

Ulteriori test, come esami del sangue e una biopsia epatica, potrebbero essere necessari per determinare la salute del fegato di una persona.

Esistono sei ceppi di HCV e ognuno risponde al trattamento in modo diverso. I test possono essere raccomandati per capire quale ceppo ha una persona e per aiutare i medici a determinare le migliori opzioni di trattamento.

Sintomi

Sebbene molte persone affette da HCV non mostrino i sintomi, alcuni potrebbero sperimentare quanto segue dopo un’infezione iniziale:

  • febbre
  • fatica
  • perdita di appetito
  • nausea, vomito o dolore addominale
  • urina che è più scura del normale
  • feci di argilla o di colore grigio
  • dolori articolari
  • ingiallimento della pelle o del bianco degli occhi

Molte persone che sono state infettate con HCV e hanno un’infezione a lungo termine potrebbero non mostrare i sintomi fino a quando non si verifichino danni al fegato.

Il tempo che intercorre tra l’esposizione al virus e la prima comparsa di sintomi è noto come periodo di incubazione. Per l’epatite C, l’incubazione varia da 2 settimane a 6 mesi. In media, tuttavia, i sintomi si manifestano dopo circa 6-7 settimane.

Prevenzione

Rasoi usa e getta e crema da barba.

La prevenzione dell’HCV include l’evitare di fare cose che possono mettere una persona a più alto rischio di essere infetta. Per ridurre il rischio di infezione da HCV, le persone dovrebbero:

  • evitare l’uso di farmaci iniettabili
  • evitare di condividere aghi, siringhe, acqua o altri strumenti se si iniettano farmaci
  • evitare di condividere oggetti per l’igiene personale, come rasoi e spazzolini da denti
  • seguire le precauzioni universali di sangue e fluidi corporei in ambito sanitario
  • Praticare sesso sicuro con l’uso di preservativi in ​​lattice
  • assicurarsi che il body piercing, il tatuaggio o l’agopuntura vengano eseguiti da operatori autorizzati in un ambiente pulito

prospettiva

Alcune persone che sono infettate da HCV cancellano spontaneamente l’infezione dal loro sistema senza trattamento.

Le infezioni acute da HCV si verificano tipicamente entro i primi 6 mesi dopo l’esposizione e portano a una forma cronica della malattia. Tra coloro che sono esposti al virus, il 15-45% cancella il virus senza trattamento entro 6 mesi.

Per gli altri, è necessario un trattamento. Le infezioni croniche da HCV rimangono nel corpo di una persona per molto tempo. Molte infezioni sono permanenti e possono portare a danni al fegato significativi, incluso il cancro del fegato.

Circa il 60-80% delle persone affette da HCV svilupperà un’infezione cronica da HCV che aumenta il rischio di danni al fegato.

Attualmente non ci sono vaccinazioni contro l’epatite C. Tuttavia, ci sono nuovi farmaci approvati dalla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti che possono offrire opzioni di trattamento avanzate.

Like this post? Please share to your friends: