Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Quanta influenza ha l’alcol sulla fertilità femminile?

Sebbene l’astinenza dall’alcol sia ampiamente raccomandata quando si cerca di rimanere incinta, le sue implicazioni esatte per la fertilità di una donna non sono note. Un nuovo studio pubblicato in grafici l’interazione in un nuovo dettaglio.

[Donna incinta che beve vino]

Si stima che il 24% delle coppie nei paesi sviluppati impieghi più di 12 mesi per concepire.

Poiché bere alcolici è una parte pervasiva della vita moderna, il suo impatto sulla fertilità è di grande interesse.

Si stima che il 18,2% delle donne americane di età compresa tra i 18 e i 44 anni si impegnino in binge drinking (più di quattro drink in una seduta), tre volte al mese.

Più di un drink al giorno durante la gravidanza è stato collegato a basso peso alla nascita, disturbi dello spettro alcolico fetale e parto prematuro.

Tuttavia, anche se è noto che l’alcol influenza i sistemi riproduttivi maschili e femminili e il feto non nato, la sua influenza sulla fertilità non è ben compresa

Alcol e fertilità rivisitati

Le linee guida ufficiali nel Regno Unito, negli Stati Uniti e in un certo numero di altri paesi raccomandano che le coppie si astengano dall’alcol quando cercano di rimanere incinte.

Sebbene tagliare l’alcol quando si cerca di concepire sia una raccomandazione sensata, l’associazione tra l’assunzione di alcol precocezione e il tempo necessario per rimanere incinta non è stata documentata in modo dettagliato.

Ad oggi, i risultati di studi che hanno esaminato l’impatto dell’alcol sulla fertilità femminile sono stati contraddittori; alcuni legami diminuiscono la fertilità con il consumo di alcool da basso a moderato, alcuni non mostrano alcuna correlazione e altri ancora riportano un leggero aumento della fertilità.

Un team di ricercatori danesi ha progettato uno studio prospettico di coorte per riesaminare questa associazione.

Il team ha utilizzato i dati di 6.120 donne di età compresa tra 21 e 45 anni. Tutti i partecipanti erano in relazioni stabili e cercavano attivamente di rimanere incinta. Nessuno è stato coinvolto in trattamenti di fertilità.

L’alcol veniva misurato in porzioni standard: 1-3, 4-7, 8-13 e 14 o più unità a settimana; hanno anche raccolto informazioni sul tipo specifico di alcol: birra, vino rosso o bianco, vino da dessert o liquori.

I partecipanti hanno completato i questionari due volte al mese per 1 anno o fino al concepimento; i ricercatori hanno posto loro domande riguardanti lo stato della gravidanza, l’uso di alcol, i cicli mestruali, la frequenza dei rapporti e il fumo.

Complessivamente, 4.210 partecipanti (69%) hanno raggiunto la gravidanza durante lo studio.

Misurare l’impatto dell’alcol sul concepimento

Le donne nel gruppo con più alto consumo di alcol (14 unità o più alla settimana) avevano 37 gravidanze in 307 cicli, e quelli che non bevevano avevano 1.381 gravidanze in 8.054 cicli. Queste cifre equivalgono ad una diminuzione del 18% nella probabilità che le donne concepirebbero.

Gli autori concludono:

“Il consumo di meno di 14 porzioni di alcolici a settimana sembrava non avere alcun effetto visibile sulla fertilità.Non è stata osservata una differenza apprezzabile nella fecondabilità dal livello di consumo di birra e vino.”

Quando i tipi di alcol – birra, vino, liquori – venivano considerati, non c’erano differenze misurabili nella capacità di concepire.

Quindi, anche se la differenza tra il gruppo senza alcol e il gruppo delle unità 14+ era significativa, nessuna delle differenze tra le altre categorie era. Come scrivono gli autori: “i risultati non hanno sostenuto un effetto del consumo di alcol a livelli più moderati (da uno a sette dosi alla settimana).”

Il documento è pubblicato insieme ad un editoriale scritto dalla dottoressa Annie Britton dell’Università University di Londra, esperta in epidemiologia dell’alcool; lei crede che i risultati “offrono alcune rassicurazioni”.

“L’astinenza totale potrebbe non essere necessaria per massimizzare i tassi di concepimento […] se l’alcol viene consumato moderatamente, sembra che questo non influenzi la fertilità.”

Dott.ssa Annie Britton, tutor laureati, Dipartimento di Epidemiologia e Sanità pubblica

Britton conclude anche con una nota di cautela: “Tuttavia, sarebbe saggio evitare il binge drinking, sia per la potenziale interruzione dei cicli mestruali, sia per i potenziali danni a un bambino durante la gravidanza, se una coppia ha difficoltà a concepire , ha senso per entrambi i partner ridurre l’assunzione di alcol “.

Lo studio ha alcune carenze. Sebbene abbia impiegato un numero elevato di partecipanti, solo l’1,2% delle donne è caduto nel gruppo più alto di consumo di alcol. Inoltre, lo studio non ha tenuto conto di come e quando l’alcol è stato consumato, ad esempio, binge drinking rispetto a bevande regolarmente distanziate durante la settimana.

Un’altra preoccupazione sollevata dagli autori è che il consumo di alcol del partner non è stato misurato. Poiché è noto che l’alcol influisce sul conteggio dello sperma nei maschi, questo potrebbe essere stato un altro fattore di influenza.

Come studio osservazionale, i risultati non possono dimostrare causa ed effetto; gli autori chiedono ulteriori ricerche per confermare i risultati.

Leggi di uno studio che afferma che un po ‘di alcol in gravidanza mette a rischio le generazioni future.

Like this post? Please share to your friends: