Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Quanto dura “chemio cerebrale”?

I sopravvissuti al cancro hanno a lungo lamentato un declino cognitivo dopo la chemioterapia. Questo effetto è stato studiato in modo approfondito, ma, per la prima volta, i ricercatori chiedono quanto possano durare questi deficit.

[Donna sottoposta a chemioterapia]

Man mano che i trattamenti per il cancro migliorano, i tassi di sopravvivenza aumentano, così come il numero di sopravvissuti al cancro.

Questa crescente popolazione di persone che è passata attraverso il cancro e ha vissuto per raccontare la storia spesso riporta deficit cognitivi.

Il cervello chemio, o nebbia chemio, come è stato soprannominato, è stato segnalato per la prima volta da sopravvissuti al cancro al seno.

Colpisce la memoria, la concentrazione e la capacità di un individuo di multitasking, tra le altre riduzioni di funzione.

Alcune donne con chemio cerebrale riferiscono che la loro capacità di seguire le conversazioni è compromessa e che sono più facilmente affaticate e confuse.

Una revisione che ha esaminato la prevalenza di chemio cerebrale ha stimato che colpisce il 17-50 per cento dei sopravvissuti al cancro al seno femminile.

Sebbene la ricerca abbia stabilito che la chemioence sia una vera conseguenza della chemioterapia, ci sono ancora molte domande a cui è necessario rispondere. Una di queste domande chiede quanto a lungo dura la chemio cerebrale.

Misurare la lunghezza della chemio cerebrale

Uno studio, condotto presso l’Università dell’Illinois e pubblicato sulla rivista, si proponeva di indagare sugli effetti della chemio cerebrale per un periodo di tempo più lungo. A tale scopo, il team ha progettato un modello murino che aiuterà i ricercatori del futuro a indagare su questo problema e, potenzialmente, a correggerlo.

L’autrice principale dello studio, Catarina Rendeiro, ha lavorato con un gruppo di ricercatori in tutta l’università, tra cui Justin Rhodes, professore di psicologia e William Helferich, professore di nutrizione.

“La qualità della vita dopo la chemioterapia è di fondamentale importanza e la chemio cerebrale è significativa in questi sopravvissuti”.

Prof. William Helferich

Ricerche precedenti hanno dimostrato che l’intenso bilancio fisico della chemioterapia è responsabile dei deficit a breve termine delle capacità cognitive riscontrate nella chemioterapia. Come dice il Prof. Rhodes: “La domanda è, dopo che si sono completamente ripresi dall’assalto acuto della chemioterapia, molti mesi o anni dopo, hanno ancora problemi cognitivi?”

I ricercatori hanno utilizzato un modello di topo femmina progettato per imitare le donne in post-menopausa il più vicino possibile. Per misurare i potenziali effetti a lungo termine del chemio cerebrale, hanno misurato il modo in cui la chemioterapia ha avuto un impatto sull’apprendimento e sulla memoria. Inoltre, hanno tracciato la formazione di nuovi neuroni nell’ippocampo – una parte del cervello importante nella memoria, tra gli altri ruoli.

I topi sono stati messi alla prova usando un Morris Water Maze. Questo tipo di studio è stato ampiamente utilizzato nelle neuroscienze comportamentali per studiare memoria e apprendimento spaziale dai primi anni ’80. Si tratta di posizionare un mouse in una piscina circolare e cronometrarlo mentre cercano una piattaforma sommersa.

I topi sottoposti a chemioterapia sono stati trovati a impiegare sostanzialmente più tempo per imparare il compito.

Quando sono stati esaminati i cervelli dei topi trattati con chemioterapia, sono stati trovati per avere il 26 per cento in meno di neuroni ippocampali sopravvissuti creati durante il corso del trattamento, e generato il 14 per cento in meno di neuroni ippocampali nei 3 mesi direttamente dopo la chemioterapia.

Tre mesi per un topo corrispondono a circa 10 anni in termini umani. Se questi risultati possono essere estrapolati all’uomo, dimostrano che gli effetti della chemioterapia portano effettivamente a deficit a lungo termine.

Trattamenti futuri per chemio cerebrale

Anche se potrebbe essere possibile progettare farmaci per ridurre gli effetti cognitivi della chemioterapia, ciò porterebbe con sé la preoccupazione che ulteriori sostanze chimiche possano interagire con la chemioterapia stessa, causando altri effetti indesiderati o impedendo che funzioni come è necessario.

Invece, la squadra spera che possano essere scoperti interventi naturali che possano scongiurare il danno derivante dal chemio cerebrale.

A tal fine, i ricercatori hanno studiato se una dieta con acidi grassi omega-3 aggiuntivi potrebbe aiutare a ridurre gli effetti cognitivi della chemioterapia sui topi. Sfortunatamente, questo intervento non ha prodotto risultati significativi.

Lo studio attuale è il primo a produrre un modello animale che mostri gli effetti a lungo termine della chemioterapia sul cervello. In futuro, il team spera che il modello sarà utilizzato per studiare altri potenziali componenti nutrizionali e tracciare i loro effetti sul chemio cerebrale.

Scopri quali farmaci chemioterapici causano il peggiore chemio cerebrale.

Like this post? Please share to your friends: