Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Quanto sono diversi i cervelli di uomini e donne?

In un mondo di uguali diritti, lacune salariali e giocattoli specifici per genere, una questione rimane centrale per la nostra comprensione dei due sessi biologici: il cervello di uomini e donne è cablato in modo diverso? Se sì, come e in che modo?

concetto artistico di testa maschile e femminile

Ci sono molti studi che hanno lo scopo di esplorare la questione delle differenze sottostanti tra il cervello di uomini e donne. Ma i risultati sembrano variare selvaggiamente, o le interpretazioni date ai principali risultati sono in disaccordo.

Negli studi esistenti, i ricercatori hanno esaminato le differenze fisiologiche tra il cervello di uomini e donne. Hanno quindi studiato i modelli di attivazione nel cervello dei partecipanti di entrambi i sessi per vedere se uomini e donne si relazionano agli stessi stimoli esterni e ai compiti cognitivi o motori nello stesso modo.

Infine, la domanda che emerge è: alcune di queste differenze influiscono sul modo in cui uomini e donne svolgono gli stessi compiti? E tali differenze influenzano gli uomini rispetto alla suscettibilità delle donne a diversi disturbi del cervello?

Spesso, non ci sono risposte chiare e gli scienziati tendono a non essere d’accordo su alcuni degli aspetti più basilari – come se ci siano notevoli differenze fisiologiche tra il cervello di uomini e donne.

In questo articolo, esaminiamo alcuni degli studi più recenti che trattano di queste domande e forniamo una panoramica di dove si trova la ricerca attuale.

Ci sono “differenze hardwired?”

Sempre più spesso, gli articoli online ei libri di scienze popolari fanno appello a nuovi studi scientifici per fornire spiegazioni rapide e semplici di “perché gli uomini vengono da Marte e le donne vengono da Venere”, per parafrasare un noto bestseller sulla gestione delle relazioni eterosessuali.

Uno di questi esempi è un libro dell’Istituto Gurian, che sottolinea che le bambine e i bambini dovrebbero essere trattati in modo diverso a causa delle loro differenze neurologiche di fondo. L’educazione dei figli non differenziata, suggeriscono gli autori, alla fine potrebbe essere malsana.

Automobili per ragazzi, orsacchiotti per ragazze?

Il dottor Nirao Shah, che è professore di psichiatria e scienze comportamentali alla Stanford University in California, suggerisce anche che ci sono alcuni “comportamenti fondamentali [che] sono essenziali per la sopravvivenza e la propagazione”, relativi alla riproduzione e all’autoconservazione, che sono diverso in uomini e donne.

Questi, aggiunge, sono “innati piuttosto che appreso […] [negli animali], quindi i circuiti coinvolti dovrebbero essere cablati in modo evolutivo nel cervello, e questi circuiti dovrebbero differire a seconda del sesso che stai guardando”.

scimmie rhesus

Alcuni esempi su queste “differenze innate” provengono spesso da studi su primati diversi, come le scimmie Rhesus. Un esperimento offriva scimmie maschili e femminili tradizionalmente giocattoli “girly” (“peluche”) o “fanciulleschi” (“a ruote”) e osservava quali tipi di giocattoli preferirebbero ciascuno.

Questo team di ricercatori ha scoperto che le scimmie rhesus maschi sembravano naturalmente favorire i giocattoli “a ruote”, mentre le femmine giocavano prevalentemente con giocattoli “peluche”.

Questo, sostenevano, era un segnale che “i ragazzi e le ragazze [possono] preferire attività fisiche diverse con diversi tipi di comportamenti e diversi livelli di dispendio energetico”.

Reperti simili sono stati riportati da ricercatori del Regno Unito su ragazzi e ragazze tra 9 e 32 mesi – un periodo in cui, alcuni ricercatori suggeriscono, i bambini sono troppo giovani per formare stereotipi di genere.

Le apparenti differenze nelle preferenze sono state spiegate attraverso un hardwiring differenziale nel cervello femminile rispetto a quello maschile. Tuttavia, anche le critiche a questa prospettiva abbondano.

Rifiutando gli studi nelle scimmie, alcuni specialisti sostengono che, non importa quanto siano simili agli esseri umani da un punto di vista biologico, le scimmie e altri animali non sono ancora umani, e guidare la nostra comprensione di uomini e donne dall’istinto di animali maschi e femmine è erronea.

Per quanto riguarda gli studi su neonati e bambini piccoli, i ricercatori spesso identificano le insidie. Ragazzi e ragazze, alcuni sostengono, possono già sviluppare stereotipi di genere all’età di 2 anni, e il loro gusto per i giocattoli “girly” o “fanciulleschi” può essere influenzato da come i loro genitori li socializzano, anche se i genitori stessi non sono sempre consapevoli di perpetuare stereotipi .

La prospettiva che le preferenze “gendered” possano essere spiegate attraverso l’attività ormonale e le differenze nel cervello di uomini e donne rimane, quindi, controversa.

Diversi modelli di attivazione cerebrale

Tuttavia, ci sono un certo numero di studi che individuano diversi modelli di attivazione nel cervello degli uomini rispetto alle donne che hanno ricevuto lo stesso compito o esposti agli stessi stimoli.

Navigazione

Uno di questi studi ha valutato l’attività cerebrale specifica del sesso nel contesto della navigazione visuospaziale. I ricercatori hanno utilizzato la risonanza magnetica funzionale (fMRI) per monitorare il modo in cui il cervello maschile e femminile ha risposto a un compito di labirinto.

Nella loro data attività, i partecipanti di entrambi i sessi hanno dovuto trovare la via per uscire da un complesso labirinto virtuale.

donna che sta uscendo da un labirinto

È stato osservato che negli uomini l’ippocampo sinistro, che è stato associato alla memoria dipendente dal contesto, si è illuminato di preferenza.

Nelle donne, tuttavia, le aree attivate durante questo compito erano la corteccia parietale posteriore destra, che è associata alla percezione spaziale, al controllo motorio e all’attenzione, e alla corteccia prefrontale destra, che è stata collegata alla memoria episodica.

Un altro studio ha scoperto “differenze piuttosto robuste” tra l’attività del cervello a riposo negli uomini e nelle donne. Quando il cervello è in uno stato di riposo, significa che non risponde a nessun compito diretto, ma ciò non significa che non sia attivo.

Scansionare un cervello “a riposo” ha lo scopo di rivelare qualsiasi attività che sia “intrinseca” a quel cervello e che avvenga spontaneamente.

Osservando le differenze tra cervello maschile e femminile “a riposo”, gli scienziati hanno visto un “modello complesso, suggerendo che diverse differenze tra maschi e femmine nel comportamento potrebbero avere le loro fonti nell’attività del cervello a riposo”.

Tuttavia, ciò che queste differenze di comportamento potrebbero essere, è una questione di dibattito.

Segnali sociali

Un esperimento mirato alla risposta di uomini e donne alla minaccia percepita, ad esempio, ha evidenziato una migliore valutazione della minaccia da parte delle donne.

Lo studio, che ha utilizzato la risonanza magnetica per analizzare l’attività cerebrale di adolescenti e adulti di entrambi i sessi, ha rilevato che le donne adulte avevano una forte risposta neurale a segnali di minaccia visiva non ambigua, mentre gli uomini adulti e gli adolescenti di entrambi i sessi mostravano una risposta molto più debole.

L’anno scorso, inoltre, è stato riportato uno studio che indicava diversi modelli di cooperazione tra uomini e donne, con possibili spiegazioni neurali sottostanti.

Gruppi di coppie maschio-maschio, femmina-femmina e maschio-femmina sono stati osservati mentre eseguivano lo stesso semplice compito che comportava cooperazione e sincronizzazione.

Nel complesso, le coppie omosessuali hanno fatto meglio delle coppie di sesso opposte. Ma la coerenza interbrainica – cioè la sincronizzazione relativa dell’attività neurale nel cervello di una coppia che svolge un compito cooperativo – è stata osservata in diverse posizioni nel cervello di soggetti maschi-maschi contro femmine.

Un altro studio con fMRI ha anche evidenziato differenze significative tra il modo in cui il cervello di uomini e donne organizza la propria attività. Ci sono diversi modelli di attivazione nelle reti cerebrali di maschi e femmine, spiegano i ricercatori, che sono correlati a differenze sostanziali nel comportamento degli uomini e delle donne.

Differenti schemi di attivazione, ma cosa significa?

Uno studio più recente, tuttavia, non concorda sul fatto che vi siano differenze funzionali fondamentali, sebbene la metodologia di questa ricerca sia stata messa in discussione. Gli autori di questo lavoro hanno analizzato le scansioni MRI di oltre 1.400 cervelli umani, provenienti da quattro diversi set di dati.

un dottore guardando scansioni cerebrali

Le loro scoperte suggeriscono che, quali che possano esistere differenze fisiologiche tra il cervello degli uomini e delle donne, esse non indicano modelli di comportamento e socializzazione sottostanti e specifici del sesso.

I volumi di materia bianca e grigia nel cervello di persone appartenenti a entrambi i sessi non differiscono in modo significativo, lo studio ha trovato.

Inoltre, gli scienziati hanno sottolineato che “la maggior parte degli esseri umani possiede un mosaico di tratti di personalità, atteggiamenti, interessi e comportamenti”, coerente con i tratti fisiologici individuali e incoerente con una visione dualistica di “mascolinità” e “femminilità”.

“La mancanza di coerenza interna nel cervello umano e le caratteristiche di genere mina la visione dimorfica [dualistica] del cervello umano e del comportamento […] Nello specifico, dovremmo passare dal pensare al cervello come a due classi, uno tipico dei maschi e il altro tipico delle femmine, per apprezzare la variabilità del mosaico del cervello umano. “

Suscettibilità ai disturbi cerebrali

Detto questo, molti scienziati continuano a puntare all’evidenza che i diversi modelli fisiologici del cervello maschile e femminile conducano a una suscettibilità differenziata alle malattie neurocognitive, nonché ad altri problemi di salute.

Uno studio recente, ad esempio, suggerisce che le microglia – che sono cellule specializzate che appartengono al sistema immunitario del cervello – sono più attive nelle donne, il che significa che le donne sono più esposte al dolore cronico rispetto agli uomini.

Un’altra analisi delle scansioni cerebrali per entrambi i sessi suggerisce che le donne mostrano una maggiore attività cerebrale in più regioni del cervello rispetto agli uomini.

Secondo i ricercatori, questa maggiore attivazione – specialmente della corteccia prefrontale e delle regioni limbiche, legata al controllo degli impulsi e alla regolazione dell’umore – significa che le donne sono più suscettibili a disturbi dell’umore come depressione e ansia.

Condizioni “di parte maschile” e “di parte femminile”

Una meta-analisi di studi relativi a differenze basate sul sesso nel cervello conferma che uomini e donne sono suscettibili a disturbi cerebrali in gran parte diversi.

“Esempi di condizioni di pregiudizi maschili includono autismo, disturbo da deficit di attenzione / iperattività, disturbo della condotta, compromissione del linguaggio specifico, sindrome di Tourette e dislessia, ed esempi di condizioni di pregiudizi femminili includono depressione, disturbo d’ansia e anoressia nervosa.”

Gli autori suggeriscono che è importante tenere conto delle differenze fisiologiche al fine di migliorare approcci e trattamenti preventivi.

una donna che stringe a sé la sua compagna

Uno studio precedente aveva anche rilevato modelli differenziati di suscettibilità ai disturbi cerebrali tra i sessi, ma ha anche riconosciuto alcune limitazioni significative.

In primo luogo, hanno detto gli autori, molti studi precedenti non sono riusciti a reclutare un numero simile di partecipanti di ciascun sesso, il che potrebbe aver portato a pregiudizi di genere. Inoltre, hanno spiegato, “poiché le donne possono cercare un trattamento più degli uomini, potrebbe essere più facile per un ricercatore reclutare femmine”.

“Entrambi questi fattori possono portare a un campione di pazienti predisposti a una distribuzione disomogenea di genere”, ammettono gli autori, ma la loro conclusione rimane ferma.

“La corrispondenza di endors [G] è essenziale negli studi di imaging funzionale clinico e supporta l’idea di esplorare le popolazioni maschili e femminili come gruppi distinti”, insistono gli scienziati, citando la ricchezza di studi che indicano la stessa interpretazione.

Quindi, le differenze cerebrali sono fondamentali per il funzionamento di uomini e donne? La risposta è forse. Mentre molti studi hanno rilevato diversi pattern di attivazione nel cervello, questi non necessariamente equivalgono a differenze nelle prestazioni di determinati compiti.

Allo stesso tempo, dal punto di vista sanitario, può essere importante prendere in considerazione le differenze basate sul sesso, così da escogitare i migliori piani di trattamento possibili per individui diversi.

Like this post? Please share to your friends: