Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Quello che devi sapere su norovirus

I Norovirus, noti anche come insetti da vomito invernale, sono una causa comune di malattia e diarrea (gastroenterite).

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), i norovirus causano 19-21 milioni di infezioni, 56.000-71.000 ricoveri ospedalieri e 570-800 decessi ogni anno negli Stati Uniti.

Sebbene i norovirus colpiscano più comunemente durante i mesi invernali, possono comparire in qualsiasi momento dell’anno.

L’infezione da Norovirus è talvolta chiamata “influenza dello stomaco”. Il termine medico è gastroenterite e non è associato a influenza, un’infezione respiratoria.

Fatti veloci su norovirus

Ecco alcuni punti chiave su norovirus. Maggiori dettagli e informazioni di supporto sono nell’articolo principale.

  • Circa il 90% dei casi non batterici di gastroenterite in tutto il mondo sono ritenuti causati da norovirus.
  • Sebbene sia conosciuto come l’insetto del vomito invernale, il norovirus può colpire in qualsiasi momento dell’anno.
  • Le epidemie di Norovirus sono più frequenti nelle comunità affollate o chiuse.
  • Si ritiene che la causa più comune di norovirus sia il cibo contaminato.
  • Semplici misure di igiene personale e alimentare possono ridurre sostanzialmente la trasmissione del norovirus.

Cos’è il norovirus?

Norovirus scritto in un libro accanto a pillole e stetoscopio.

I Norovirus includono i virus Norwalk, Snow Mountain e Hawaii. Si ritiene che circa il 90 percento di tutti i focolai non batterici di gastroenterite siano causati dai norovirus a livello globale.

I norovirus sono versati nelle feci (feci) e vomito di persone e animali infetti.

L’infezione può essere trasmessa da:

  • consumare cibi contaminati
  • bere acqua contaminata
  • toccando una persona infetta con la mano e poi toccando la bocca
  • toccando una superficie contaminata con la mano e poi toccando la bocca

Non è facile eliminare i norovirus perché possono sopravvivere a temperature calde e fredde e sono resistenti a molti disinfettanti.

Poiché i norovirus subiscono continuamente cambiamenti genetici, gli esseri umani tendono a contrarre l’infezione più di una volta durante la loro vita. Normalmente, se si hanno infezioni ricorrenti, i sintomi sono meno gravi ogni volta.

Le epidemie di infezione da Norovirus sono più frequenti nelle comunità affollate o chiuse, come le navi da crociera, le strutture di assistenza a lungo termine, le carceri, i campi notturni e i dormitori, luoghi in cui il virus può diffondersi rapidamente da uomo a uomo.

Sintomi

Una donna è sdraiata a letto con uno stomaco doloroso.

I sintomi tipici includono:

  • nausea, di solito il primo sintomo
  • vomito, a volte violento e improvviso
  • mal di stomaco e dolore addominale
  • crampi addominali
  • diarrea acquosa o allentata
  • sentirsi male e letargico (malessere)
  • febbre e brividi, solitamente miti
  • mialgie o dolori muscolari
  • mal di testa

Durante il breve periodo in cui i sintomi sono presenti, le persone possono sentirsi molto male e vomitare, spesso violentemente senza preavviso, molte volte al giorno.

Segni e sintomi, che di solito durano da 1 a 3 giorni, appaiono circa 24-48 ore dopo l’infezione iniziale – in alcuni casi, il periodo di incubazione può essere solo di 12 ore. A volte, la diarrea può durare più di 3 giorni.

Secondo il Centers for Disease Control and Prevention (CDC), il virus può trovarsi nelle feci e nel vomito di una persona infetta dal giorno in cui iniziano a sentirsi male fino a 2 settimane dopo che si sentono meglio.

Trattamenti e fattori di rischio

Non esiste una terapia specifica per la gastroenterite da norovirus, quindi la gestione è principalmente per prevenire la disidratazione e fornire il controllo dei sintomi.

Gli esperti dicono che il digiuno non accelererà il recupero. Pertanto, i pazienti dovrebbero seguire una dieta leggera con cibi facili da digerire, come riso, pane, zuppe o pasta. I bambini dovrebbero ricevere ciò che dovrebbero mangiare di solito.

È importante sostituire i liquidi che si perdono con il vomito o la diarrea, specialmente con bambini molto piccoli e persone anziane.

La velocità della disidratazione può essere improvvisa e in alcuni casi pericolosa per la vita. I bambini piccoli e i pazienti anziani sono particolarmente suscettibili alla disidratazione, il che significa che la disidratazione è un componente importante a cui prestare attenzione, perché i sintomi si manifestano così bruscamente. I pazienti che non sono in grado di bere abbastanza liquidi possono aver bisogno di ricevere liquidi per via endovenosa.

I seguenti fattori di rischio possono aumentare la probabilità di una persona di contrarre il norovirus:

  • Sistema immunitario indebolito – le persone il cui sistema immunitario è compromesso, come i trapiantati di organi o le persone con AIDS hanno un rischio più elevato di contrarre l’infezione e di sviluppare sintomi.
  • Igiene alimentare: vivere in una casa in cui le procedure di igiene alimentare non sono correttamente osservate può provocare infezioni.
  • Bambini – vivere con un bambino che va in un asilo nido o frequenta la scuola materna può aumentare il rischio di infezione.
  • Alloggio – soggiornando in hotel, navi da crociera, villaggi turistici dove ci sono molte persone insieme aumenta il rischio di infezione.
  • Disposizioni abitative isolate – vivere in comunità chiuse o semichiuse, come case di cura, ospedali o centri di pensionamento può rendere più probabile l’infezione.

Dopo essere stati infettati da un norovirus, le persone hanno una protezione immunitaria temporanea, che di solito dura non più di 14 settimane.

Le cause

Il Dipartimento di salute e servizi umani degli Stati Uniti informa che le cause più comuni delle infezioni da norovirus umano sono:

  • alimenti contaminati
  • mollusco
  • alimenti pronti al consumo che sono stati gestiti da lavoratori infetti (insalate, ghiaccio, biscotti, frutta e panini)
  • qualsiasi cibo contaminato con le feci o il vomito di una persona infetta

Il norovirus può diffondersi attraverso il contatto umano con una persona infetta, attraverso il contatto con superfici o oggetti contaminati o consumando acqua o cibo contaminati.

Rischi di focolaio

Secondo il CDC, la maggior parte dei focolai di infezione da norovirus di origine alimentare si verificano molto probabilmente attraverso la contaminazione diretta del cibo da parte di un operatore infetto immediatamente prima del suo consumo.

Le epidemie sono state spesso collegate al consumo di cibi freddi, tra cui insalate, panini e prodotti da forno. Tali elementi liquidi come condimenti per l’insalata o glassa per dolci sono stati anche implicati come cause di focolaio. A volte, le ostriche da acque contaminate sono state collegate a focolai di gastroenterite diffusa.

I focolai di infezione da norovirus trasportati dall’acqua in comunità sono stati comunemente causati dalla contaminazione dei liquami di pozzi e acqua ricreativa, afferma il CDC.

Prevenzione

persona che spinge un carrello della spesa pieno di norovirus.

Il modo migliore per prevenire la diffusione di norovirus alimentari è quello di praticare un’adeguata manipolazione degli alimenti. Una buona igiene delle mani e pulizia degli alimenti sono importanti per prevenire la trasmissione di norovirus.

I Norovirus possono sopravvivere al congelamento, così come temperature fino a 140 ° F (60 ° C). Alcune persone possono anche essere infette dopo aver mangiato i frutti di mare cotti al vapore. I Norovirus possono sopravvivere fino a 10 parti per milione di cloro, livelli molto più alti di quelli riscontrati negli attuali sistemi idrici pubblici.

Nonostante queste caratteristiche, gli esperti affermano che misure relativamente semplici di igiene personale e alimentare riducono sostanzialmente la trasmissione di norovirus trasmessa per via alimentare.

Sono noti i seguenti passaggi per ridurre il rischio di infezione da norovirus:

  • Lavarsi le mani: lavarsi le mani frequentemente e accuratamente con sapone e acqua calda, soprattutto dopo essere andati in bagno, aver cambiato un pannolino e prima di preparare i pasti.
  • Pulizia delle superfici – preferibilmente con un detergente per la casa a base di candeggina. Quando possibile, lasciare che la candeggina rimanga sulla superficie per circa 10 minuti. Le persone infette possono spesso vomitare violentemente, senza preavviso (il vomito è contagioso). Qualsiasi superficie vicino al vomito dovrebbe essere accuratamente pulita prontamente.
  • I cibi crudi e il cibo in generale – evitare i molluschi che potrebbero provenire da acque contaminate e tutti gli alimenti che potrebbero essere stati preparati da qualcuno che era malato dovrebbero essere buttati fuori. Frutta e verdura devono essere lavate e lavate accuratamente.
  • Feci e vomito infetti – assicurarsi che vengano lavati via e pulire immediatamente l’area circostante con un detergente per la casa a base di candeggina.
  • Abbigliamento e biancheria da letto: se potevano essere contaminati, lavare con acqua calda e sapone.
  • Tenere il sedile del WC abbassato – quando si lava il WC, tenendo il sedile del WC abbassato si impedisce ai microbi infetti di entrare nell’aria.
  • Se infetto, rimani a casa, specialmente per i pazienti il ​​cui lavoro richiede la manipolazione del cibo.
  • Asciugamani monouso: se sei particolarmente vulnerabile alle infezioni, ad es. ti stai prendendo cura di una persona infetta, usa asciugamani di carta usa e getta per asciugarti le mani piuttosto che quelle di stoffa; il virus potrebbe sopravvivere per qualche tempo sugli oggetti.
  • Strutture sanitarie: ad esempio, gli ospedali dovrebbero concentrarsi sui metodi per limitare la trasmissione isolando i pazienti.
  • Viaggiare: chi viaggia verso luoghi in cui i servizi igienico-sanitari sono sospetti dovrebbe bere solo acqua in bottiglia, anche per lavarsi i denti. Inoltre, è consigliabile evitare buffet e cibi non cotti.

complicazioni

Nella stragrande maggioranza dei casi, un’infezione da norovirus si risolve in pochi giorni e non ha complicazioni.

Meno comunemente, possono verificarsi le seguenti complicanze:

  • malnutrizione
  • stipsi
  • dispepsia
  • riflusso

Alcune persone non sono in grado di bere abbastanza liquidi per sostituire quelli persi con il vomito o la diarrea e possono diventare disidratati e richiedere cure mediche speciali. I bambini piccoli, gli anziani e gli individui di qualsiasi età che non sono in grado di prendersi cura di se stessi sono particolarmente vulnerabili.

Esempi di fluidi per la reidratazione orale (ORF) includono: Infalyte, Kao Lectrolyte, Naturalyte, Oralyte e Pedialyte.

Like this post? Please share to your friends: