Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Quello che devi sapere sull’ipogonadismo maschile

L’ipogonadismo maschile, noto anche come carenza di testosterone, è un fallimento dei testicoli a produrre l’ormone sessuale maschile testosterone, sperma o entrambi.

Può essere dovuto a una malattia testicolare o il risultato di un processo patologico che coinvolge l’ipotalamo e la ghiandola pituitaria.

L’ipogonadismo può influenzare molte funzioni organiche e può avere un impatto negativo sulla qualità della vita.

I segni e i sintomi dipendono da quando inizia, quanto grave è la carenza e se c’è o meno una diminuzione delle principali funzioni dei testicoli.

Fatti veloci sull’ipogonadismo maschile

Ecco alcuni punti chiave sull’ipogonadismo maschile. Maggiori dettagli sono nell’articolo principale.

  • L’ipogonadismo può verificarsi a qualsiasi età e le conseguenze variano a seconda di quando inizia.
  • Se l’ipogonadismo si verifica prima della pubertà, la pubertà non progredisce. Se si verifica dopo la pubertà, ci possono essere infertilità e disfunzione sessuale.
  • Negli uomini adulti, i sintomi iniziano entro poche settimane dall’inizio della carenza di testosterone.
  • L’ipogonadismo può aumentare il rischio di malattie cardiovascolari, diabete di tipo 2, sindrome metabolica, morte prematura negli uomini anziani e malattia di Alzheimer.

Sintomi

Un uomo è seduto depresso sul bordo del letto.

Una mancanza di testosterone può causare una vasta gamma di sintomi.

Questi dipendono da:

  • l’età di esordio
  • il grado di deficit di testosterone
  • per quanto tempo si è verificata la perdita

Adolescenti e giovani adulti che non hanno ancora completato la pubertà appaiono più giovani della loro età cronologica.

Possono anche avere piccoli genitali, mancanza di peli sul viso, incapacità della voce di approfondirsi e difficoltà a guadagnare massa muscolare, anche con l’esercizio.

L’ipogonadismo ad esordio puberale può portare a:

  • compromissione dello sviluppo sessuale
  • diminuzione della dimensione del testicolo
  • seno allargato

I sintomi dell’ipogonadismo ad insorgenza nell’età adulta includono:

  • disfunzione erettile
  • basso numero di spermatozoi
  • umore depresso
  • diminuzione della libido
  • letargo
  • disturbi del sonno
  • diminuzione della massa e della forza muscolare
  • perdita di peli sul corpo (pubica, ascellare, facciale)
  • osteoporosi e diminuzione della densità minerale ossea
  • aumento del grasso corporeo
  • disagio al seno e ingrossamento
  • vampate
  • sudorazione
  • scarsa concentrazione e diminuzione dell’energia

Le cause

L’ipogonadismo in un maschio si riferisce a una diminuzione di una o di entrambe le funzioni principali dei testicoli: produzione di spermatozoi e produzione di testosterone.

Questo può accadere per una serie di motivi.

Immagine dell'anatomia urogenitale maschile.

Nell’ipogonadismo primario, i testicoli non rispondono alla stimolazione ormonale. Ciò può essere dovuto a un disturbo congenito come la sindrome di Klinefelter o acquisito a seguito di trattamento con radiazioni, chemioterapia, parotite, tumori o traumi ai testicoli.

Nell’ipogonadismo secondario, uno stato patologico interferisce con l’ipotalamo o la ghiandola pituitaria, le ghiandole principali che rilasciano gli ormoni per stimolare i testicoli a produrre testosterone.

Le situazioni che possono causare ipogonadismo secondario includono:

  • malnutrizione
  • malattia sistemica
  • stress
  • effetti collaterali del farmaco
  • cirrosi epatica
  • tossine (alcol e metalli pesanti)
  • obesità patologica.

L’andropausa viene talvolta utilizzata per descrivere la diminuzione del testosterone a causa del normale processo di invecchiamento. I livelli di testosterone nei maschi aumentano fino all’età di 17 anni. Quindi, a partire da circa 40 anni, i livelli di testosterone iniziano a diminuire all’1,2-2% all’anno.

I fattori di rischio per l’ipogonadismo includono diabete di tipo 2, obesità, insufficienza renale, HIV, ipertensione, broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e assunzione di terapia con glucocorticoidi (steroidi), oppioidi o antipsicotici.

Trattamento

Un uomo è seduto guardando allegro.

La terapia sostitutiva con testosterone (TRT) è il trattamento raccomandato per l’ipogonadismo maschile.

Normalmente viene somministrato come gel topico, cerotto transdermico o per iniezione. Non si usano forme orali di testosterone a causa dell’elevato rischio di effetti collaterali, come lo stomaco sottosopra.

La TRT può eliminare molti, se non tutti, i segni e i sintomi dell’ipogonadismo maschile.

I vantaggi includono:

  • aumento della libido
  • miglioramento dell’umore
  • aumento della densità minerale ossea
  • miglioramento generale della qualità della vita

Tuttavia, ci sono alcuni rischi associati ad esso.

Può portare ad un peggioramento dell’iperplasia prostatica benigna (IPB), all’accelerazione del carcinoma prostatico preesistente e al peggioramento sia dell’apnea notturna che dell’insufficienza cardiaca congestizia. TRT non dovrebbe essere avviato senza prima partecipare a queste condizioni.

Tutti i maschi che utilizzano TRT richiedono una valutazione medica continua per determinare una risposta adeguata al trattamento. Ciò includerà regolari esami del sangue e esami periodici digitali rettali.

TRT è controindicato negli uomini con eritrocitosi, una condizione che coinvolge una percentuale elevata di globuli rossi nel sangue.

La risposta alla TRT è individualizzata e i livelli di testosterone non sono un indicatore di chi risponderà alla TRT e chi no. Vale anche la pena notare che mentre può alleviare i sintomi dell’ipogonadismo, la TRT non ripristina la fertilità.

Ipogonadismo femminile

L’ipogonadismo può colpire anche le femmine. Nelle donne con ipogonadismo, le ovaie producono bassi livelli di ormoni sessuali femminili. Ciò influisce sul funzionamento delle ovaie e sul sistema riproduttivo.

I sintomi includono la pubertà ritardata e la mancanza di mestruazioni o mestruazioni irregolari. I seni potrebbero non svilupparsi completamente e l’altezza potrebbe essere compromessa. Ciò può essere dovuto a un problema genetico, una condizione autoimmune o una serie di fattori ambientali.

Dopo la pubertà, una vasta gamma di fattori può portare a ipogonadismo, inclusi tumori, disturbi alimentari, problemi genetici e chirurgia, come l’isterectomia.

I sintomi comprendono vampate di calore, cambiamenti di umore, cambiamenti nei livelli di energia e interruzione delle mestruazioni.

Rimedi

Alcuni cambiamenti dello stile di vita possono aiutare a migliorare i livelli di testosterone.

Questi includono:

  • perdere peso
  • esercizio
  • gestire lo stress
  • dormire bene
  • evitare l’alcol
  • smettere di fumare.

Le misure possono aiutare a mantenere normali livelli di testosterone.

Diagnosi

Se un individuo è a rischio o può avere un ipogonadismo, un medico prenderà una storia medica approfondita ed effettuerà un esame obiettivo, compresi gli esami del sangue.

Devono essere eseguiti due esami del sangue chiave per confermare la presenza di ipogonadismo:

  • siero totale
  • testosterone libero

La gamma normale di questi esami del sangue ha una certa variabilità, ma una lettura compresa tra 300 e 1.000 nanogrammi per decilitro (ng / dL) è considerata normale. I livelli saranno al di sotto del range normale in una persona con ipogonadismo.

Per precisione, l’analisi del sangue deve essere tracciata tra le 7.00 e le 11.00 del mattino in almeno due occasioni. Ulteriori test possono essere necessari per confermare una diagnosi di ipogonadismo.

Porta via

La consapevolezza dell’ipogonadismo maschile sta crescendo, ma molti uomini adulti con la condizione rimangono non diagnosticati e non trattati. Questo può influenzare negativamente sia la loro qualità di vita negli uomini che la loro durata della vita.

Qualsiasi maschio che pensa di avere bassi livelli di testosterone dovrebbe consultare un medico, poiché il trattamento può invertire la maggior parte dei sintomi e dei rischi dell’ipogonadismo maschile.

Tuttavia, prima di iniziare il trattamento con TRT, tutti gli uomini dovrebbero discutere i rischi e i benefici con il loro fornitore di assistenza sanitaria.

Like this post? Please share to your friends: