Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Questi alimenti possono ritardare la tua menopausa

Una nuova ricerca condotta da scienziati dell’Università di Leeds nel Regno Unito suggerisce che una dieta ricca di legumi e pesce può rimandare l’inizio naturale della menopausa, mentre i cibi ricchi di carboidrati possono accelerarla.

legumi

L’età in cui una persona sperimenta la menopausa può avere un impatto sulla salute in vari modi.

Infatti, oltre all’incapacità di rimanere incinta, la menopausa precoce (o la menopausa prima dei 40 anni) o la menopausa precoce (che si verificano a 40-45 anni) possono portare con sé numerose complicazioni.

Una perdita di densità ossea, un più alto rischio di malattie cardiache e una perdita di desiderio sessuale sono solo alcune delle conseguenze della menopausa precoce o precoce.

L’esperienza della menopausa in età avanzata, d’altra parte, potrebbe avere alcuni benefici per la salute. Ad esempio, uno studio recente ha suggerito che una successiva insorgenza della menopausa potrebbe tenere a bada il declino cognitivo nelle donne anziane.

Dati questi effetti sulla salute, è importante sapere quali fattori influenzano l’inizio della menopausa.

Questo è ciò che ha spinto Yashvee Dunneram, ricercatore presso la School of Food Science and Nutrition dell’Università di Leeds nel Regno Unito, e colleghi a condurre uno studio sul legame tra l’inizio della dieta e la menopausa.

Le loro scoperte sono state pubblicate nel

Studio della dieta e della menopausa

Dunneram e colleghi hanno esaminato i dati disponibili dal Women’s Cohort Study del Regno Unito – un’indagine su oltre 35.000 donne con base in Inghilterra di età compresa tra i 35 e i 69 anni.

Oltre alle informazioni sull’età in cui queste donne hanno avuto la loro menopausa, lo studio ha incluso informazioni su potenziali fattori confondenti come il peso e la storia riproduttiva, i livelli di attività fisica e l’uso di terapia ormonale sostitutiva.

Utilizzando i dati tratti dai questionari sulla frequenza degli alimenti, i ricercatori sono stati in grado di stimare l’assunzione giornaliera di 217 prodotti alimentari consumati dai partecipanti.

Di tutte le donne, 914 hanno sperimentato la menopausa naturalmente tra i 40 ei 65 anni.

Come carboidrati, pesce, legumi influenzano la menopausa

In media, l’età alla quale la donna ha avuto la menopausa era di 51 anni e lo studio ha rilevato che alcuni alimenti erano legati al momento in cui si verificavano tali esiti.

Nello specifico, ogni porzione di carboidrati, come pasta e riso, consumata al giorno, era correlata all’esperienza della menopausa 1,5 anni prima.

Al contrario, per ogni porzione giornaliera di pesce e legumi freschi, come piselli e fagioli, il ritardo nell’insorgenza della menopausa era di oltre 3 anni. Inoltre, un consumo giornaliero più elevato di vitamina B-6 e zinco era anche associato alla menopausa successiva.

Confrontando i vegetariani con i mangiatori di carne, i ricercatori hanno scoperto che il consumo di carne era legato a un ritardo di 1 anno nell’insorgenza della menopausa.

Tra le donne che non avevano avuto figli, una maggiore assunzione di uva e pollame era legata alla menopausa successiva.

Come Dunneram e i suoi colleghi concludono:

“I nostri risultati confermano che la dieta può essere associata con l’età alla menopausa naturale, che può essere rilevante a livello di salute pubblica poiché l’età alla menopausa naturale può avere implicazioni sui futuri risultati di salute”.

I radicali liberi possono avere un ruolo

Questo era uno studio osservazionale, quindi non può spiegare la causalità. Tuttavia, gli scienziati speculano su alcuni meccanismi potenziali dietro le associazioni che hanno trovato.

La loro spiegazione coinvolge specie reattive dell’ossigeno, che sono radicali liberi, o molecole contenenti ossigeno che si ritiene danneggino il nostro DNA.

La maturazione delle uova e il loro rilascio, dice il team, sono influenzate negativamente dalle specie reattive dell’ossigeno. Ma i legumi contengono antiossidanti, che potrebbero contrastare questi effetti negativi e ritardare l’inizio della menopausa.

Inoltre, si pensa che gli acidi grassi omega-3, che si possono trovare nei pesci grassi, attivino l’attività antiossidante all’interno del corpo umano.

Al contrario, i carboidrati raffinati sono considerati un fattore di rischio per l’insulino-resistenza, che, a sua volta, può aumentare la produzione di estrogeni, portando a un inizio precoce della menopausa.

Like this post? Please share to your friends: