Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Questo composto “bloccante la metastasi” può fermare la diffusione del cancro

Utilizzando un nuovo approccio, gli scienziati hanno individuato un composto che blocca la diffusione di tumori del seno, del pancreas e della prostata nei topi.

cellule tumorali in blu

Il composto – che chiamano metarrestin – distrugge una struttura unica all’interno del nucleo delle cellule tumorali che può diffondersi e formare nuovi tumori.

Un articolo sul lavoro – in cui i ricercatori del National Institutes of Health (NIH) hanno collaborato con quelli della Northwestern University Feinberg School of Medicine di Chicago, IL – è stato pubblicato nel.

Nel descrivere come funziona il metacarpo, l’autore dello studio co-corrispondente Sui Huang, che lavora come professore associato di biologia cellulare e molecolare alla Scuola di Medicina Feinberg della Northwestern University, lo paragona a una “sporca bomba contro il cancro”.

“Potrebbe potenzialmente portare a un risultato migliore per i pazienti con tumori solidi tumorali con un alto potenziale di diffusione ad altri organi”, aggiunge.

Metastasi – “l’ultima frontiera”

Il cancro non sarebbe una malattia potenzialmente grave se non fosse capace di metastasi, che è un processo complesso in cui le cellule tumorali sfuggono al tumore primario e invadono il tessuto vicino o distante per formare nuovi tumori secondari.

“Ciò che uccide le persone”, spiega il prof. Huang, “è quando il cancro si diffonde ad altri organi, come quando il cancro al seno si diffonde al cervello, al fegato, ai polmoni o alle ossa”.

La metastasi viene a volte definita “l’ultima frontiera della ricerca sul cancro”. Rappresenta circa il 90 per cento delle morti per cancro e questa cifra non è cambiata molto in mezzo secolo.

Una volta che il cancro raggiunge la fase metastatica, diventa molto difficile trattare con i metodi attuali, che sono molto più efficaci nell’affrontare il tumore primario.

“Molti farmaci”, spiega l’autore dello studio co-corrispondente, il dott. Juan Jose Marugan, capogruppo del Chemical Genomics Center presso il National Center for Advancing Translational Sciences di Rockville, nel Maryland, “mirano a fermare la crescita del cancro e ad uccidere le cellule tumorali. “

Ma finora, non è stato approvato nessun farmaco progettato specificamente contro la metastasi, aggiunge.

Metarrestin uccide i compartimenti perinucleolari

La metarrestinica distrugge una struttura poco conosciuta all’interno del nucleo delle cellule tumorali che è noto come “compartimento perinucleare (PNC)”.

Test su cellule tumorali da laboratorio e cellule prelevate da tumori umani hanno dimostrato che “i PNC si formano selettivamente nelle cellule da tumori solidi”.

Inoltre, in precedenti lavori, il Prof. Huang e il suo team avevano scoperto che la probabilità di diffusione del cancro era maggiore quando le cellule tumorali avevano più PNC.

Ciò ha portato il team a chiedersi se l’attacco ai PNC potrebbe ridurre la diffusione del cancro e migliorare le prospettive dei pazienti.

In questo studio, gli scienziati hanno usato “screening ad alto rendimento seguito da ottimizzazione chimica” per valutare quale composto, da un elenco di almeno 140.000, potrebbe avere il più grande potere di distruggere i PNC nelle cellule tumorali metastatiche.

Hanno ridotto la lista a 100 composti, e ne hanno identificato uno che distruggeva i PNC nelle cellule di cancro alla prostata metastatico.

Una versione modificata del composto divenne metarrestin, che “inibì significativamente le metastasi” nei topi innestati con cancro del pancreas, della mammella e della prostata umani. I topi trattati hanno anche vissuto più a lungo dei topi non trattati.

I ricercatori intendono fare domanda per il metarrestino per entrare nella Food and Drug Administration (FDA), nuovo processo di indagine sui farmaci entro la fine dell’anno, dopo aver eseguito più test preclinici e raccolto i dati richiesti.

“I nostri risultati mostrano che la metarrestinia è un agente molto promettente che dovremmo continuare a indagare contro le metastasi”.

Dr. Juan Jose Marugan

Like this post? Please share to your friends: