Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Questo semplice test può rivelare la tua vera età biologica

Dimentica le zampe di gallina, ridi le rughe e contando le candeline sulla torta di compleanno o le macchie sulle mani; ora c’è un modo migliore, più accurato per dire quanto il tuo corpo è invecchiato. Nel prossimo futuro, potrebbe rallentare il processo di invecchiamento che molti di noi danno per scontato.

bella signora anziana

Con alcune eccezioni pazze di Botox, la maggior parte delle persone si rassegnano all’imminente realtà dell’invecchiamento ad un certo punto della loro vita – e ragionevolmente.

A parte “la morte e le tasse”, nella vita ci sono pochissime cose certe quanto la realtà dei nostri corpi invecchiati e i complessi processi biologici che ne sono alla base.

Tuttavia, forse ottenere una migliore comprensione di tali processi ci consentirà presto di intervenire e invertire l’irreversibile.

Questo è qualcosa che Aubrey de Grey e altri rappresentanti del movimento anti-invecchiamento sembrano credere. I ricercatori anti-invecchiamento considerano l’invecchiamento una malattia che può e deve essere interrotta e un test di recente sviluppo può offrire a questi scienziati uno strumento affidabile per aiutarli a misurare il modo in cui le terapie anti-invecchiamento vanno contro queste aspirazioni.

Un team di scienziati cinesi ha progettato un semplice test delle urine in grado di capire quanto i nostri corpi hanno invecchiato misurando un marker di danno cellulare.

Pur sapendo con precisione che l’età biologica del tuo corpo può sembrare deprimente per alcuni, il test di recente sviluppo potrebbe essere uno strumento utile per predire il rischio di malattie legate all’età e mortalità.

Jian-Ping Cai, ricercatore presso il National Center of Gerontology a Pechino, in Cina, ha guidato la ricerca dietro questo nuovo strumento di “invecchiamento diagnostico”, ei risultati sono stati pubblicati sulla rivista

Danno cellulare e test di invecchiamento

Quanto le nostre cellule si danneggiano con il tempo dipende da vari fattori, tra cui la genetica e lo stile di vita.

Secondo la (piuttosto controversa) “teoria dei radicali liberi dell’invecchiamento”, il danno ossidativo è la causa principale dell’invecchiamento. Come spiega Cai, “I sottoprodotti dell’ossigeno prodotti durante il normale metabolismo possono causare danni ossidativi alle biomolecole nelle cellule, come il DNA e l’RNA.”

“Con l’avanzare dell’età”, continua, “subiamo un aumento del danno ossidativo, e così i livelli dei marcatori ossidativi aumentano nel nostro corpo”. Uno di questi marcatori – chiamato “8-oxoGsn” – è il risultato dell’ossidazione dell’RNA.

La precedente ricerca sugli animali condotta da Cai e dai suoi colleghi ha rilevato che i livelli di 8-oxoGsn tendono ad aumentare con l’età e possono essere rilevati con un semplice test delle urine.

Nel nuovo studio, quindi, volevano vedere se lo stesso si applicava agli umani. Quindi, utilizzando una tecnica rapida chiamata cromatografia liquida ad altissime prestazioni, i ricercatori hanno analizzato campioni di urina da 1.228 partecipanti cinesi di età compresa tra 2 e 90.

Cai riassume i risultati, dicendo: “Abbiamo riscontrato un aumento dipendente dall’età di 8-oxoGsn urinario nei partecipanti di 21 anni e più […] Pertanto, l’urinario 8-oxoGsn è promettente come un nuovo marker di invecchiamento.”

“L’urinario 8-oxoGsn può riflettere la reale condizione dei nostri corpi meglio della nostra età cronologica e può aiutarci a prevedere il rischio di malattie legate all’età”.

Jian-Ping Cai

Inoltre, i livelli di 8-oxoGsn non sembrano differire tra uomini e donne. Tuttavia, le donne in postmenopausa avevano livelli più alti del marcatore. Questo, ipotizzano gli autori, potrebbe essere dovuto al calo degli estrogeni dopo la menopausa. L’estrogeno è un antiossidante naturale.

Nel complesso, conclude Cai, il test può offrire uno strumento tanto necessario per valutare quanto bene i nostri corpi far fronte all’invecchiamento.

E questo è molto utile, indipendentemente dal fatto che scegliamo di vedere l’invecchiamento come una malattia che deve essere sradicata o solo una parte naturale della vita.

Like this post? Please share to your friends: