Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Radiazioni per il cancro alla prostata: cosa comporta?

La radioterapia è comunemente raccomandata per le persone con la prostata e altri tipi di cancro.

Le radiazioni per il cancro alla prostata sono comunque un’opzione terapeutica complessa e presentano rischi ed effetti collaterali oltre a benefici.

Capire quali radiazioni per il cancro alla prostata coinvolge è essenziale per chiunque voglia prendere una decisione informata sul loro trattamento.

Come funziona?

L’uso della radioterapia per il trattamento del cancro alla prostata comporta l’esposizione di cellule tumorali ad alte dosi di radiazioni.

[macchina radiazioni]

Le cellule tumorali si sviluppano e si dividono molto più velocemente delle cellule sane. Il trattamento con radiazioni può interrompere il DNA nelle cellule tumorali, impedendo loro di moltiplicarsi. Oltre a fermarne la diffusione, può ucciderli completamente.

Le radiazioni possono essere utilizzate per “curare” il corpo del cancro e questo è noto come trattamento curativo. Può essere usato da solo o insieme ad altri trattamenti.

Se il cancro alla prostata è troppo avanzato per essere rimosso completamente, la radioterapia può essere utilizzata per controllarla.

Può anche alleviare alcuni dei sintomi. Questo è noto come trattamento palliativo.

Iniziare la radiazione per il cancro alla prostata

Come con la maggior parte dei tumori, un team di esperti sarà assegnato a una persona con cancro alla prostata per aiutare a determinare il trattamento migliore.

Con la radiazione per il cancro alla prostata, questa squadra può includere un radiologo oncologo e un infermiere di radioterapia oncologica. Gli oncologi sono specialisti del cancro.

Altri professionisti del settore medico possono includere un dosimetristo, che calcolerà la dose di radiazione utilizzata e un terapista della radiazione, che gestisce l’apparecchiatura di radiazione.

Tutti questi professionisti lavoreranno insieme per raccomandare e pianificare il trattamento con radiazioni per chi ha il cancro alla prostata.

tipi

Esistono diversi tipi di trattamento delle radiazioni disponibili per il cancro alla prostata. Si tratta di radiazioni esterne, radiazioni interne e radiazioni sistematiche.

Radiazione del fascio esterno

Nella radioterapia a raggio esterno, o EBRT, viene utilizzata una grande macchina per dirigere i raggi X sulla ghiandola prostatica dall’esterno del corpo.

Il team di radiazioni preparerà la radioterapia prendendo misure e calcolando il corretto dosaggio della radiazione da utilizzare. Ciò può comportare la scansione TC e MRI come parte dei test di imaging.

L’EBRT può durare per diverse settimane. Questo perché la quantità di radiazione necessaria per uccidere le cellule tumorali è solitamente troppo alta per essere somministrata in una volta sola. Invece, è distribuito su diverse sessioni per evitare di danneggiare le cellule sane o aumentare il rischio di effetti collaterali.

Per garantire che le cellule sane non siano soggette a danni permanenti, una pausa di 2 giorni tra ogni trattamento è una pratica standard.

Radiazione interna

La radioterapia interna è talvolta nota come brachiterapia o IRT. Questo tipo di radiazioni per il carcinoma della prostata comporta l’inserimento di granuli radioattivi di dimensioni seme all’interno della prostata. In alcuni casi, un pellet può essere più grande perché contiene una dose maggiore di radiazioni.

Esistono variazioni temporanee e permanenti di IRT. La versione temporanea delle palline radioattive può essere inserita solo per un breve periodo, da pochi minuti a un paio di giorni. I pallini permanenti dovranno essere rimossi quando non sono più radioattivi.

Prima dell’inserimento del pellet radioattivo, a un individuo verrà somministrato un anestetico generale o locale.

Come con EBRT, anche le scansioni a raggi X o MRI possono essere eseguite. Il team medico userà questi per garantire l’inserimento accurato del pellet di radiazioni.

Radiazioni sistematiche

[l'uomo anziano che giace in un letto d'ospedale]

Un terzo tipo di radiazioni utilizzate per il cancro alla prostata è la radiazione sistematica.

Un liquido composto da sostanze radioattive viene assunto per via orale o somministrato attraverso una vena. Il liquido si muoverà intorno al corpo, attraverso il sangue, fino al sito del cancro.

In alcuni casi, è possibile che più di un tipo di radioterapia venga raccomandato per periodi diversi durante il trattamento di una persona. Se un tipo non ha successo, un altro può essere provato.

A volte la radioterapia può essere utilizzata a fianco della chemioterapia per contrastare il cancro in modo più efficace. La chemioterapia può rendere le cellule tumorali più ricettive alle radiazioni, ottenendo così risultati migliori.

Radioterapia contro chirurgia

La chirurgia è anche un’opzione terapeutica per il cancro alla prostata accanto alle radiazioni. Noto come intervento chirurgico per la prostatectomia radicale, questo trattamento prevede la rimozione completa della stessa prostata e, in alcuni casi, delle vescicole seminali. Questi sono i tubi che secernono il fluido che fa parte dello sperma.

Esistono tre tipi distinti di chirurgia della prostatectomia radicale:

  • prostatectomia robotica assistita
  • prostatectomia retropubica
  • prostatectomia perineale

Se la chirurgia è raccomandata o meno dipende da diversi fattori. Un team medico baserà la propria raccomandazione sull’individuo e sul progresso del proprio cancro.

Se il cancro si trova solo nella prostata, la chirurgia può essere l’opzione migliore. Se si è diffuso oltre la prostata, la chirurgia potrebbe non essere abbastanza efficace da giustificare il rischio.

In alcune situazioni, saranno raccomandate sia la radioterapia che la chirurgia. Questo è raro e viene scelto solo quando la combinazione di trattamenti offre il massimo beneficio.

Ci sono altre opzioni di trattamento disponibili oltre alla chirurgia e alle radiazioni per il cancro alla prostata. Questi includono ultrasuoni a fuoco ad alta intensità, o trattamento HIFU, così come il trattamento ormonale, che può essere raccomandato nei casi di carcinoma prostatico avanzato.

Effetti collaterali

Danni alle cellule sane

Uno dei problemi che pone la radioterapia è il danneggiamento di cellule normali e sane.

La radiazione non può distinguere cellule cancerogene e sane. Ciò significa che le normali cellule della pelle possono essere danneggiate durante la radioterapia per il cancro alla prostata.Tuttavia, le cellule tumorali non possono riparare se stesse dopo l’esposizione alle radiazioni, ma le cellule sane possono spesso ripararsi.

[terapia di gruppo per il cancro alla prostata]

Pelle sensibile

La sensibilità della pelle al sito della radiazione è un effetto collaterale frequente. Lozioni possono essere date da un medico per trattare questo. Di solito si consiglia anche di evitare sbalzi di temperatura estremi.

Fatica

La radioterapia per il cancro alla prostata può essere un processo di drenaggio fisico, oltre che emotivamente drenante. Le persone malate di cancro sottoposte a trattamento con radiazioni sono spesso incoraggiate a cercare consulenza o unirsi a gruppi di terapia.

Anche il riposo è essenziale, per garantire che il corpo e la mente possano continuare il trattamento.

rischi

Esiste un limite alla quantità di radiazioni che il corpo può sopportare senza subire effetti collaterali irreversibili a lungo termine.

In alcuni casi, quando la radioterapia per il cancro alla prostata è stata provata in precedenza, non sarà raccomandata di nuovo per evitare di superare questo limite di radiazioni.

Con ogni tipo di radioterapia per il cancro alla prostata, una persona è radioattiva per un po ‘di tempo. Per questo motivo, potrebbero dover rimanere al centro di trattamento per un paio di giorni fino a quando le radiazioni si esauriscono.

Diversi tipi di radioterapia pongono rischi di radiazioni variabili. Con EBRT, una persona che lo riceve non rappresenta un rischio per gli altri. Con IRT, tuttavia, c’è un rischio di radiazioni da considerare.

Si suggerisce sempre che una persona parli con il proprio team medico di eventuali effetti collaterali o rischi prima di sottoporsi a radioterapia. Il team medico può aiutare a gestire e ridurre i potenziali effetti collaterali, oltre a spiegare chiaramente i rischi.

Il trattamento con radiazioni per il cancro alla prostata sarà raccomandato solo se i medici ritengono che i benefici superino i rischi e gli effetti collaterali.

Chiunque abbia un cancro alla prostata dovrebbe parlare con il proprio medico delle opzioni di trattamento disponibili, prima di decidere quale avere.

Like this post? Please share to your friends: