Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Resistenza agli antibiotici: come è diventata una minaccia globale per la salute pubblica?

“Potrebbe arrivare il momento in cui la penicillina può essere acquistata da chiunque nei negozi, quindi c’è il pericolo che l’uomo ignorante si possa facilmente sottovalutare e esponendo i suoi microbi a quantità non letali della droga, rendendoli resistenti”, ha detto Alexander Fleming, parlando nel suo discorso di accettazione del premio Nobel nel 1945.

batteri

Come previsto quasi 70 anni fa dall’uomo che ha scoperto il primo antibiotico, la resistenza ai farmaci è alle porte.

Un rapporto del 2013 del Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) ha rivelato che oltre 2 milioni di persone negli Stati Uniti si ammalano da soli ogni anno a causa di infezioni resistenti agli antibiotici e 23.000 muoiono per tali infezioni.

Nell’aprile di quest’anno, l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha pubblicato il suo primo rapporto globale sulla questione, esaminando i dati di 114 paesi.

L’OMS si è concentrata sulla determinazione del tasso di resistenza agli antibiotici a sette batteri responsabili di molte comuni infezioni, tra cui polmonite, diarrea, infezioni del tratto urinario, gonorrea e sepsi.

Le loro scoperte erano preoccupanti. Il rapporto ha rivelato che la resistenza ai batteri comuni ha raggiunto livelli “allarmanti” in molte parti del mondo, con alcune aree già fuori dalle opzioni di trattamento per le infezioni comuni.

Ad esempio, hanno scoperto che la resistenza agli antibiotici carbapenemici usati per combattere – i batteri responsabili delle infezioni acquisite in ospedale, come la polmonite e le infezioni nei neonati – si è diffusa in tutte le parti del globo.

Il dott. Keiji Fukuda, assistente direttore generale dell’OMS per la sicurezza sanitaria, ha dichiarato dei risultati del rapporto:

“Gli efficaci antibiotici sono stati uno dei pilastri che ci ha permesso di vivere più a lungo, di vivere più sani e di beneficiare della medicina moderna. A meno che non intraprendiamo azioni significative per migliorare gli sforzi per prevenire le infezioni e anche cambiare il modo in cui produciamo, prescriviamo e usiamo gli antibiotici, il mondo perdere sempre più di questi beni globali per la salute pubblica e le implicazioni saranno devastanti “.

In questa puntata, guardiamo a ciò che ha contribuito alla resistenza agli antibiotici da quando i farmaci sono stati scoperti quasi un secolo fa e cosa viene fatto su scala globale per evitare di cadere in ciò che l’OMS descrive come “un’era post-antibiotica”.

Uso eccessivo e scorretto degli antibiotici “principali fattori di resistenza”

Gli antibiotici sono farmaci che rallentano o distruggono la crescita di microrganismi, come batteri, funghi e parassiti. La resistenza agli antibiotici si verifica quando questi microrganismi si adattano al farmaco che sta tentando di attaccarlo e continuano a moltiplicarsi in sua presenza.

Dalla scoperta del primo antibiotico – penicillina – nel 1928, le successive scoperte di antibiotici si sono mosse rapidamente, in particolare dagli anni ’40 agli anni ’80. Alcune scoperte degne di nota comprendono le cefalosporine – una classe di antibiotici strutturalmente correlati alla penicillina – nel 1948, i carbapenemi del 1976 e i fluorochinoloni – antibiotici usati per trattare le infezioni del tratto urinario – nel 1980.

Il Dr. Steve Solomon, direttore dell’Ufficio di resistenza antimicrobica del CDC, ha detto che sebbene gli antibiotici abbiano trasformato la medicina moderna e abbiano salvato milioni di vite nel corso degli anni, il loro uso eccessivo è stato il principale motore della resistenza agli antibiotici.

“Negli ultimi 70 anni, i batteri hanno dimostrato la capacità di diventare resistenti a tutti gli antibiotici che sono stati sviluppati, e più si utilizzano gli antibiotici, più i batteri si sviluppano rapidamente in resistenza”, ha affermato.

“L’uso di antibiotici in qualsiasi momento in qualsiasi ambiente mette pressione biologica sui batteri che promuove lo sviluppo di resistenza.

Quando sono necessari antibiotici per prevenire o curare la malattia, devono essere sempre utilizzati. Ma la ricerca ha dimostrato che fino al 50% delle volte gli antibiotici vengono prescritti quando non sono necessari o vengono utilizzati in modo improprio (ad esempio, a un paziente viene somministrata la dose sbagliata). Questo uso inappropriato di antibiotici promuove inutilmente la resistenza agli antibiotici “.

Il dott. Charles Penn, coordinatore della resistenza antimicrobica presso l’OMS, ha detto che l’uso scorretto di antibiotici è anche un fattore alla base della resistenza.

“Uno dei tanti motivi per cui l’uso di antibiotici è così alto è che c’è una scarsa comprensione delle differenze tra batteri, virus e altri agenti patogeni, e del corretto uso e valore degli antibiotici”, ha detto.

“Gli antibiotici sono spesso prescritti per uno scopo inutile: troppi antibiotici vengono prescritti per infezioni virali come raffreddore, influenza e diarrea, ma purtroppo questi malintesi sono spesso perpetuati dai media e da altri, ad esempio attraverso l’uso di termini generici come come “germi” e “insetti”. “

Ha notato che la dipendenza dagli antibiotici per i moderni benefici medici ha contribuito alla resistenza ai farmaci.

“La chirurgia (elettiva e da trauma), il trattamento del cancro (chirurgia e terapia immunosoppressiva), la terapia intensiva, la chirurgia dei trapianti, anche la semplice gestione delle ferite diventerebbero molto più rischiose, opzioni più difficili se non potessimo usare gli antibiotici per prevenire l’infezione o trattare infezioni se si sono verificati “, ha detto.

“Allo stesso modo, ora diamo per scontato che molte infezioni siano curabili con antibiotici, come la tonsillite, la gonorrea e la polmonite batterica, ma alcuni di questi stanno diventando non curabili”.

Anche l’uso eccessivo e scorretto di antibiotici negli animali da produzione alimentare è stato un fattore chiave nella resistenza ai farmaci, poiché i batteri resistenti possono essere trasmessi agli esseri umani attraverso il cibo che mangiamo.

L’avvertimento di Fleming è stato ignorato?

Siamo ora in un punto in cui la resistenza agli antibiotici è diventata una seria minaccia per la salute pubblica globale. In una relazione all’inizio di quest’anno, la prof.ssa Dame Sally Davies, capo ufficiale medico per l’Inghilterra, ha commentato:

“Il numero crescente di infezioni resistenti agli antibiotici pone una così grande minaccia per la società che tra 20 anni potremmo essere riportati in un ambiente del 19 ° secolo in cui le infezioni quotidiane ci uccidono a seguito di operazioni di routine”.

Ma la minaccia della resistenza agli antibiotici non è nuova. Come affermato in precedenza, Fleming ha avvertito del problema circa 70 anni fa. Secondo il dottor Solomon, tali avvertimenti sono stati trascurati, in particolare quando lo sviluppo di antibiotici era al suo apice.

“Sebbene siano stati emessi molti avvertimenti sulla resistenza, i medici prescrittori sono diventati in qualche modo compiacenti nel preservare l’efficacia degli antibiotici – i nuovi farmaci sembravano sempre disponibili”, ci ha detto. “Tuttavia, la pipeline per la scoperta di nuovi antibiotici è diminuita negli ultimi 30 anni e ora si è prosciugata, poiché i batteri si sono evoluti per resistere ai nostri attuali farmaci, i medici ora vedono i pazienti con infezioni praticamente non curabili”.

Ha notato, tuttavia, che i fornitori di assistenza sanitaria hanno iniziato a diventare più vigili nella prescrizione di antibiotici.

“Una maggiore consapevolezza dell’urgenza del problema ha dato nuovo slancio ad un’attenta gestione degli antibiotici esistenti.I Prescrittori stanno ora ascoltando l’avvertimento che Fleming ha dato nel suo discorso di accettazione del Nobel per usare gli antibiotici giudiziosamente o altrimenti perderli per sempre.”

Il dott. Penn non è d’accordo sul fatto che gli avvertimenti relativi alla resistenza agli antibiotici siano stati ignorati, affermando che vi è stata una grande quantità di ricerche e monitoraggio del problema. “Il problema ora è diventato molto più serio perché la fornitura di nuovi antibiotici si sta prosciugando”, ha aggiunto, “e nonostante gli sforzi di alcuni, è chiaro che l’uso di antibiotici a livello globale sta ancora aumentando rapidamente.”

Le barriere che bloccano lo sviluppo di nuovi antibiotici

Guardando indietro negli ultimi 30 anni, c’è stata una progressione stupefacente nel mondo della medicina. Ma nonostante questo, c’è stato un significativo declino nella ricerca e nello sviluppo di nuovi antibiotici.

antibiotici

Un rapporto del 2004 della Infectious Diseases Society of America (IDSA), ad esempio, ha rilevato che tra il 1998 e il 2002 l’approvazione da parte della Food and Drug Administration (FDA) di nuovi antibiotici è diminuita del 56% rispetto all’approvazione tra il 1983 e il 1987. Inoltre, su 89 nuovi farmaci approvati dalla FDA nel 2002, nessuno di loro era antibiotico.

Di conseguenza, abbiamo fatto affidamento sugli stessi antibiotici per decenni, dando ai batteri una migliore possibilità di evolversi e sviluppare resistenza a loro. Inoltre, ci è stata presentata una serie di nuove infezioni che sono già resistenti agli antibiotici attualmente disponibili, come lo stafilococco aureo resistente alla meticillina (MRSA).

Il problema è che lo sviluppo di nuovi antibiotici è diventato un processo più complesso, costoso e lungo. In una newsletter pubblicata dall’Alleanza per l’uso prudente degli antibiotici (APUA), il dottor Brad Spellburg, assistente professore di medicina presso l’Università della California-Los Angeles (UCLA) e autore del rapporto IDSA, afferma che ” i frutti appesi sono stati strappati “quando si tratta di identificare nuovi antibiotici.

“Gli schermi dei farmaci per i nuovi antibiotici tendono a riscoprire gli stessi composti di piombo più e più volte”, ha detto. “Ci sono stati più di 100 agenti antibatterici sviluppati per l’uso negli esseri umani negli Stati Uniti dai sulfonamidi.Ogni nuova generazione che è venuta da noi ha alzato il livello di ciò che è necessario per scoprire e sviluppare la prossima generazione”.

Afferma che i fattori economici hanno interferito con lo sviluppo di nuovi antibiotici. “La più ovvia è che gli antibiotici sono terapie di breve durata, e le aziende sanno che faranno molti più soldi vendendo un farmaco che devi prendere ogni giorno per il resto della tua vita”, ha detto, aggiungendo:

“Inoltre, ci sono molti tipi di infezioni, e l’approvazione per un tipo porta a un’azienda solo una fetta della torta del mercato generale. Quando i farmaci antipertensivi sono approvati, non sono approvati per trattare l’ipertensione polmonare o l’ipertensione del rene. Sono approvati per il trattamento dell’ipertensione Quando gli antifungali sono approvati, sono approvati per il trattamento di “aspergillosi invasiva” o “candidosi invasiva”.

Sviluppo di nuovi antibiotici in corso

I leader globali sono d’accordo sul fatto che lo sviluppo di nuovi antibiotici è un modo per combattere il problema della resistenza. All’inizio di quest’anno, il primo ministro britannico David Cameron ha lanciato un appello per un’azione globale per contrastare la resistenza agli antibiotici. All’interno di questo, ha annunciato:

“Ho chiesto all’economista Jim O’Neill di lavorare con un gruppo di esperti e di riferire a me e agli altri leader mondiali su come possiamo accelerare la scoperta e lo sviluppo di una nuova generazione di antibiotici”.

L’anno scorso, il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti (HHS) ha annunciato di aver stretto un’alleanza con la società farmaceutica GlaxoSmithKline al fine di sviluppare nuovi farmaci per combattere sia la resistenza agli antibiotici sia il bioterrorismo.

“Lavorare come partner strategici con un approccio di portafoglio offre un nuovo modo per andare avanti nello sviluppo di una solida pipeline di nuovi antibiotici che affrontano le lacune nella preparazione della nostra nazione e la minaccia in evoluzione della resistenza agli antibiotici”, ha dichiarato Robin Robinson, PhD, direttore di l’Autorità di ricerca e sviluppo biomedica avanzata HHS.

Il dottor Solomon ha detto, tuttavia, che lo sviluppo di nuovi antibiotici deve essere un processo continuo per tenere a bada la resistenza:

“Poiché la resistenza agli antibiotici si verifica come parte di un processo naturale in cui i batteri si evolvono, può essere rallentata ma non completamente arrestata, pertanto saranno sempre necessari nuovi antibiotici per tenere il passo con i batteri resistenti, così come i nuovi test per monitorare lo sviluppo della resistenza “.

Sono già stati registrati alcuni progressi nella creazione di nuovi antibiotici.Recentemente abbiamo riportato uno studio di ricercatori giapponesi che affermano che un nuovo antibiotico – S-649266 – ha il potenziale per trattare i patogeni Gram-negativi che sono resistenti agli antibiotici attualmente disponibili.

All’inizio di quest’anno, uno studio dell’Università del West Anglia nel Regno Unito ha rivelato una tecnica che potrebbe impedire ai batteri di diventare resistenti ai farmaci. Co-autore di questo studio, il Prof. Changjiang Dong ci ha detto: “Questa ricerca fornisce la piattaforma per farmaci di nuova generazione urgentemente necessari”.

Che altro si può fare per combattere la resistenza agli antibiotici?

Ma lo sviluppo di nuovi antibiotici da solo non affronterà la resistenza. Ci deve essere un cambiamento drastico nel modo in cui gli antibiotici sono prescritti dai medici e usati dai pazienti, poiché questo è stato un fattore chiave per la resistenza.

lavarsi le mani

Chi raccomanda ai pazienti di usare solo antibiotici quando sono prescritti da un medico. Inoltre, i pazienti dovrebbero prendere la prescrizione completa, anche se si sentono meglio, e non dovrebbero mai condividere gli antibiotici con gli altri o usare gli antibiotici avanzati.

Quando si tratta di operatori sanitari, l’OMS dice che dovrebbero prescrivere antibiotici solo quando i pazienti ne hanno veramente bisogno e dovrebbero assicurarsi di prescrivere l’antibiotico corretto per curare la malattia.

Una strategia chiave per affrontare la resistenza agli antibiotici consiste nel prevenire le infezioni in primo luogo. “Evitare le infezioni riduce la quantità di antibiotici che devono essere utilizzati e riduce la probabilità che la resistenza si sviluppi”, ha detto il dottor Solomon. “Le infezioni resistenti ai farmaci possono essere prevenute tramite immunizzazione, azioni di prevenzione delle infezioni in contesti sanitari, preparazione e manipolazione di cibi sicuri e lavaggi generici a mano”.

Il CDC ha lanciato una serie di campagne per aiutare a educare gli operatori sanitari e il pubblico in generale sui modi migliori per prevenire le infezioni e usare gli antibiotici.

Inoltre, l’organizzazione ha lanciato un’iniziativa denominata Rileva e proteggi contro la resistenza agli antibiotici, che stabilisce quattro azioni fondamentali che devono essere affrontate:

  • Rileva e traccia i modelli di resistenza agli antibiotici
  • Rispondere alle epidemie che coinvolgono batteri resistenti agli antibiotici
  • Prevenire il verificarsi di infezioni e la diffusione di batteri resistenti ai farmaci
  • Scopri nuovi antibiotici e nuovi test diagnostici per i batteri resistenti ai farmaci.

Il dott. Penn ha detto che quest’anno l’OMS ha l’obiettivo di sviluppare un piano d’azione globale per affrontare la resistenza agli antibiotici.

“Sulla base di molte raccomandazioni, iniziative e proposte in molti anni, tra cui l’OMS, l’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura e l’Organizzazione mondiale per la salute degli animali, l’obiettivo di questo piano d’azione globale è riunirli in modo tale da creare un insieme coeso e multisettoriale di azioni, può essere implementato rispetto a una serie concordata di obiettivi e obiettivi misurabili.

L’impegno a riferire i progressi rispetto a tali obiettivi e obiettivi, da parte di tutti i paesi, dell’OMS e di tutte le altre organizzazioni e parti interessate è fondamentale per garantire un’azione sostenibile ed efficace “.

“Abbiamo consultato ampiamente questo piano”, ha proseguito, “includendo una richiesta di contributi basata sul web che ha suscitato più di 130 risposte da parte dei governi nazionali e delle loro agenzie, industria, gruppi di consumatori e altre organizzazioni, tra cui la salute degli animali e l’agricoltura. Il progetto di piano d’azione globale sarà presentato al Comitato esecutivo dell’OMS entro la fine di quest’anno e sarà aperto per ulteriori consultazioni all’inizio del prossimo anno prima di andare all’assemblea mondiale della sanità a maggio 2015. “

La resistenza agli antibiotici è una vera minaccia per la salute pubblica e deve essere presa sul serio. Sembra che gli sforzi globali per combattere questa minaccia siano in corso, ma molti esperti di salute dicono che tali sforzi devono produrre risultati rapidi.

Come dice il Dr. Spellburg:

“Se la resistenza al trattamento continua a diffondersi, il nostro mondo interconnesso e ad alta tecnologia potrebbe ritrovarsi nei tempi bui della medicina, prima che esistessero oggi i farmaci miracolosi”.

Like this post? Please share to your friends: