Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

“Respira solo” è sufficiente per diffondere l’influenza

Solo l’espirazione – senza tossire o starnutire – è sufficiente per una persona con l’influenza di diffondere il virus, secondo una nuova ricerca condotta dall’Università del Maryland a College Park.

un uomo che respira a basse temperature

“Le persone con l’influenza”, spiega l’autore senior Donald K. Milton, professore di salute ambientale presso l’Università del Maryland, “generano aerosol infettivi (piccole gocce che rimangono sospese nell’aria per lungo tempo) anche quando non tossiscono, e soprattutto durante i primi giorni di malattia. “

La convinzione comune è che l’influenza si diffonda attraverso tosse e starnuti da individui infetti e da superfici toccanti contaminate dal virus.

Tuttavia, il nuovo studio rivela che le persone con l’influenza possono liberare il virus infettivo nell’aria circostante semplicemente respirando.

“Quindi”, afferma il prof. Milton, “quando qualcuno sta arrivando con l’influenza, dovrebbe andare a casa e non rimanere sul posto di lavoro e infettare gli altri”.

Lui ei suoi colleghi riportano i loro risultati nel.

L’influenza stagionale varia ampiamente

L’influenza, o influenza, è una malattia respiratoria infettiva che è causata da virus. La malattia varia da lieve a grave e può portare al ricovero in ospedale e persino alla morte.

Le persone a più alto rischio di gravi complicazioni da influenza includono bambini piccoli, anziani, donne incinte e persone con determinate condizioni, come cancro, HIV / AIDS, malattie cardiache, ictus, asma e diabete.

Il peso dell’influenza stagionale negli Stati Uniti varia notevolmente da un anno all’altro, a seconda di quali virus stanno circolando, quando la stagione inizia e finisce, quanto bene funziona il vaccino e quante persone ne hanno.

Dal 2010, il numero di persone che hanno contratto l’influenza ogni anno negli Stati Uniti è variato da 9,2 milioni a 35,6 milioni; il numero ricoverato è compreso tra 140.000 e 710.000, e il numero che è morto è stato tra 12.000 e 56.000.

I Centri per la prevenzione e il controllo delle malattie (CDC) consigliano a tutti i bambini di età pari o superiore a 6 mesi negli Stati Uniti di ricevere una vaccinazione antinfluenzale ogni anno per prevenire la diffusione dell’influenza stagionale.

Nel nuovo studio, i ricercatori hanno valutato il virus dell’influenza in 142 individui a cui è stata confermata l’influenza. Hanno prelevato campioni da ciascun partecipante durante i primi 3 giorni dopo la comparsa dei sintomi.

L’influenza si diffonde senza tossire, starnutire

In tutto, il team è stato in grado di utilizzare dati validi da 218 campioni di fiato espirato e 218 “tamponi nasofaringei”, in cui i campioni vengono prelevati attraverso il naso o la parte posteriore del naso e della gola. I campioni di respiro espirato comprendevano campioni prelevati durante la respirazione naturale, tosse spontanea e starnuti.

Per raccogliere i campioni del respiro espirato, i ricercatori hanno invitato i partecipanti a respirare normalmente in un campionatore di aerosol a forma di cono per 30 minuti mentre hanno recitato l’alfabeto una volta a 5, 15 e 25 minuti. Hanno raccolto due tipi di campioni di aerosol: grossolano e fine.

Dei 23 campioni di aerosol fini raccolti durante la respirazione normale senza tossire, l’analisi ha mostrato che 11 campioni – o quasi la metà – contenevano tracce rilevabili di RNA virale, di cui otto con virus infettivo. Ciò suggerisce che la normale respirazione contribuisce in modo considerevole allo spargimento di virus influenzale attraverso il respiro espirato.

Inoltre, i partecipanti non hanno starnutito molto e, quando lo hanno fatto, gli starnuti non sono stati associati in particolare a una maggiore presenza di RNA virale, sia in campioni di aerosol grossolani che fini. Ciò suggerisce che starnutire non è un fattore importante nel rilascio di aerosol del virus influenzale attraverso il respiro espirato.

Da questi risultati, i ricercatori concludono che “starnutire è raro e non importante per – e che la tosse non è richiesta per – aerosol del virus dell’influenza”.

“Abbiamo scoperto che i casi di influenza hanno contaminato l’aria circostante con virus infettivo respirando, senza tossire o starnutire”.

Prof. Donald K. Milton

Suggeriscono che le loro scoperte potrebbero aiutare a migliorare i modelli di computer che analizzano i rischi di trasmissione dell’influenza attraverso mezzi aerei. Ciò potrebbe infine migliorare l’efficacia delle iniziative di sanità pubblica dell’influenza per controllare e ridurre le pandemie e le epidemie.

I risultati suggeriscono anche che il miglioramento della ventilazione negli uffici, nelle scuole e in altri luoghi pubblici – come le carrozze della metropolitana – potrebbe anche aiutare a ridurre la diffusione dell’influenza.

Il seguente video della School of Public Health dell’Università del Maryland riassume lo studio:

Like this post? Please share to your friends: