Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Revisione tra pari: cos’è e perché lo facciamo?

La revisione tra pari è una misura di controllo della qualità per la ricerca medica. Nella revisione tra pari, i professionisti esaminano il lavoro di ciascuno per assicurarsi che sia accurato, pertinente e significativo.

La ricerca scientifica mira a migliorare le conoscenze mediche e a trovare modi migliori per curare le malattie. La pubblicazione di risultati su riviste mediche consente ad altri scienziati di condividere gli sviluppi, testare i risultati e proseguire le indagini.

La revisione tra pari è una parte centrale del processo di pubblicazione delle riviste mediche. È considerato il miglior modo disponibile per garantire che la ricerca presentata dagli scienziati sia affidabile e che i trattamenti medici che sostengono siano sicuri ed efficaci per i pazienti.

Fatti veloci sulla revisione tra pari:

Ecco alcuni punti chiave sulla revisione tra pari. Maggiori dettagli sono nell’articolo principale.

  • Un articolo peer-reviewed è stato controllato da un altro professionista che non è stato coinvolto nel progetto. Se la ricerca riguarda un nuovo farmaco, ad esempio, questo è importante per la sicurezza del paziente.
  • Il processo aiuta le riviste a massimizzare la qualità della ricerca nelle loro pubblicazioni.
  • Pubblicazioni diverse hanno diversi modi di condurre la revisione tra pari, e questo può corrispondere alla loro visione editoriale.
  • A volte un autore sarà invitato a fare più ricerche prima che il loro lavoro possa essere pubblicato.

Perché è necessaria la revisione tra pari?

I ricercatori devono far revisionare il loro lavoro prima della pubblicazione, per assicurarsi che sia accurato e pertinente.

La revisione tra pari aiuta a impedire la pubblicazione di documenti di ricerca medica difettosi.

La ricerca difettosa include:

  • Risultati inventati e risultati falsi che non sono supportati da un’adeguata ricerca scientifica
  • Conclusioni pericolose, raccomandazioni e risultati che potrebbero danneggiare i pazienti
  • Lavoro plagiato, quando un autore prende idee o risultati da altri ricercatori.

La revisione tra pari ha anche altre funzioni. Ad esempio, può guidare le decisioni in merito alle sovvenzioni per il finanziamento della ricerca medica.

Cosa comporta?

Per riviste mediche, peer review significa chiedere agli esperti dello stesso settore degli autori del paper di aiutare gli editori a decidere se pubblicare o rifiutare un manoscritto, fornendo una critica del lavoro.

Non esiste uno standard di settore per dettare i dettagli di un processo di revisione tra pari, ma la maggior parte delle principali riviste mediche seguono le indicazioni del Comitato internazionale degli editori di riviste mediche.

Il codice offre regole di base, come ad esempio “I commenti dei revisori devono essere costruttivi, onesti e educati”.

Il comitato per l’etica delle pubblicazioni (COPE) è un’altra associazione che offre linee guida etiche per i revisori dei pari medici. COPE ha anche una grande adesione tra le riviste.

Queste associazioni non stabiliscono regole per le singole riviste da seguire. Ricordano regolarmente ai revisori di consultare i direttori delle riviste.

Il codice riepiloga il ruolo di un revisore peer come segue:

“L’editore sta studiando per loro la conoscenza delle materie, il buon giudizio e una valutazione onesta ed equa dei punti di forza e di debolezza del lavoro e del manoscritto.”

Il processo di revisione tra pari è solitamente “cieco”. Ciò significa che ai revisori non è stata comunicata l’identità degli autori e di solito gli autori non sanno chi esegue la revisione tra pari.

Rendere la revisione anonima può aiutare a ridurre i pregiudizi. Il revisore valuterà la carta, non l’autore.

Per motivi di trasparenza, alcune riviste, tra cui la, hanno un sistema aperto, ma scoraggiano il contatto diretto tra i revisori e gli autori è scoraggiato.

La revisione paritetica aiuta gli editori a decidere se rigettare una carta a titolo definitivo o a chiedere vari livelli di revisione prima della pubblicazione. La maggior parte delle riviste mediche chiede agli autori almeno revisioni minori.

Qualità, pertinenza e importanza

I compiti esatti di un peer reviewer per una rivista medica variano ampiamente, a seconda della rivista per cui lavorano.

Tutti i revisori dei peer aiutano gli editori a decidere se un documento debba essere pubblicato, ma i diversi periodici hanno criteri diversi.

Vengono affrontate tre aree comuni con domande di esempio simili:

  • Qualità: quanto è stata svolta la ricerca e quanto sono affidabili le sue conclusioni? Questo mette alla prova la credibilità e l’accuratezza della scienza che viene valutata.
  • Rilevanza: il documento è di interesse per i lettori di questo diario, ed è appropriato per questo campo di lavoro?
  • Importanza: quale impatto clinico potrebbe avere la ricerca? I risultati aggiungono qualcosa di nuovo?

L’editore può decidere se un documento è pertinente, se ha spazio per esso, o se sarebbe meglio in un altro giornale.

Se gli editori decidono che è rilevante, possono chiedere le opinioni dei revisori dei pari sui punti più fini di interesse scientifico.

Gli editori prendono la decisione finale. I processi di peer review sono lì per informare la decisione dell’editore. Le raccomandazioni dei revisori dei pari non devono essere accettate dal giornale.

Diversi modi di fare la revisione tra pari

Riviste diverse hanno obiettivi diversi e titoli individuali possono essere visti come “marchi”. La posizione editoriale della rivista influenza i criteri utilizzati per decidere se pubblicare un articolo.

Ad esempio, il focus si concentra sui risultati rilevanti e importanti per la gestione attuale della malattia. Dicono, “Il pari rivede tutto il materiale che riceve. Diamo priorità agli articoli che aiuteranno i medici a prendere decisioni migliori”.

Lo stato afferma che “dà la priorità alle relazioni di ricerche originali che potrebbero cambiare la pratica clinica o pensare a una malattia”. Tuttavia, pone anche una certa priorità sulle carte che possono essere comprese dal “lettore generale” al di fuori della specialità medica dell’autore.

Una rivista medica può pubblicare in dettaglio la particolare forma di revisione che utilizza. Questo di solito appare nelle linee guida per gli autori.Queste politiche sono un altro modo per stabilire standard per la qualità dei rapporti di ricerca.

Cosa cercano i revisori?

Delinea ciò che i suoi editori medici valutano prima di inviare documenti ai revisori dei pari.

Questo “passaggio iniziale” verifica i seguenti punti:

  • Materiale attuale e originale
  • Chiara scrittura
  • Metodi di studio appropriati
  • Dati validi
  • Conclusioni ragionevoli supportate dai dati.

Le informazioni devono essere importanti e l’argomento deve essere di interesse medico generale.

Come rispondono le riviste?

Le riviste possono rispondere alle richieste in diversi modi.

Ad esempio, i redattori, ad esempio, utilizzano tre risposte, a parte il rifiuto definitivo, dopo aver preso decisioni basate sulla revisione da parte dei colleghi.

Questi sono:

  • Revisione importante: la rivista è “interessata” nel manoscritto, ma è necessaria una revisione perché è “non accettabile” per la pubblicazione nella sua forma attuale.
  • Revisione minore: “Alcune revisioni” sono necessarie prima che la presentazione possa essere accettata per la pubblicazione.
  • Rifiuto volontario: gli autori devono “condurre ulteriori ricerche o raccogliere ulteriori dati” per rendere il manoscritto adatto alla pubblicazione.
Like this post? Please share to your friends: