Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Ricostruzione del lembo del dorso di Latissimus: cosa aspettarsi

Dopo aver rimosso un seno o un seno, molte donne scelgono di sottoporsi a chirurgia ricostruttiva.

Sebbene siano disponibili diverse opzioni ricostruttive, la ricostruzione del lembo dorsale è una buona opzione per molte donne che non sono candidate ad altre procedure ricostruttive.

In questo articolo, diamo uno sguardo a cosa succede nella ricostruzione del lembo dorsale, tra cui quello che le donne possono aspettarsi dall’intervento e che potrebbero trarne beneficio.

Cos’è la ricostruzione del lembo di dosso latissimus?

Il gran dorsale è uno dei muscoli più grandi del corpo. Situato sotto la spalla e dietro l’ascella, il muscolo consente a una persona di muoversi in un movimento di torsione, come quando si muove una racchetta o una mazza da golf.

[donna che si riprende dal cancro]

In una ricostruzione del lembo miocutaneo (LDMF) del muscolo gran dorsale, i chirurghi prendono un ampio lembo di pelle, contenente alcuni, grasso, muscoli e vasi sanguigni da questa zona della schiena.

Uno dei lembi più affidabili utilizzati nella chirurgia ricostruttiva, è noto per il suo uso nella chirurgia della parete toracica e nella ricostruzione dopo la rimozione del seno. È particolarmente efficace a causa della sua vicinanza al torace ea causa dei vasi sanguigni che fanno circolare il sangue.

Durante l’intervento chirurgico di ricostruzione del lembo del dorso latissimus, il chirurgo esegue un’incisione nella parte posteriore vicino alla scapola e passa la sezione ovale di pelle, grasso, vasi sanguigni e muscoli attraverso un tunnel sotto la pelle e il braccio verso il petto. Una volta sul posto, la massa è scolpita a forma di seno.

I vasi sanguigni rimangono attaccati al loro apporto di sangue originale nella parte posteriore. Se uno qualsiasi di questi vasi sanguigni viene reciso durante la procedura, il chirurgo li associa ai vasi sanguigni nel torace e utilizza un microscopio (microchirurgia) per ricollegarli.

Nella maggior parte dei casi, il chirurgo posizionerà un impianto nel seno per ottenere la forma, le dimensioni e la proiezione desiderate. L’intera procedura chirurgica dura tra 3 e 4 ore.

Cosa aspettarsi

È importante che le persone seguano le istruzioni che il loro medico gli assegna all’appuntamento pre-operatorio. Alcune istruzioni possono includere l’analisi del sangue, una radiografia del torace o un test per verificare l’attività elettrica del cuore chiamata elettrocardiogramma (ECG).

Prima dell’intervento chirurgico, la maggior parte delle persone dovrà interrompere l’assunzione di aspirina, fluidificanti del sangue, qualsiasi cosa con vitamina E e qualsiasi farmaco antinfiammatorio non steroideo (NSAID). Inoltre, l’uso di un emolliente per le feci aiuterà a costipazione che spesso si verifica dopo l’intervento a causa dei narcotici utilizzati.

Inoltre, una donna dovrebbe prepararsi per un intervento chirurgico da:

  • Smettere di fumare. Il fumo può aggiungere complicazioni all’intervento e alcuni chirurghi si rifiuteranno di operare con un fumatore. Una donna dovrebbe smettere di fumare non appena viene diagnosticato un cancro al seno per aiutare a eliminare i potenziali rischi.
  • Preparare la casa per il recupero. Ciò può includere la preparazione di un letto con supporti e cuscini, lo spostamento del letto e altri elementi essenziali al piano terra per evitare le scale e la messa a portata di cose, come medicinali e altri oggetti importanti.
  • Preparazione per il comfort dopo l’intervento chirurgico. Questo può includere indossare abiti più aderenti, trovare un assistente e avere sandali disponibili da indossare, in quanto sono più facili da indossare rispetto alle scarpe normali.

La preparazione più importante è chiedere a un medico cosa aspettarsi e prepararsi per una lunga guarigione.

Chi dovrebbe avere la ricostruzione del lembo del dorso latissimus?

Sebbene sia una buona opzione per alcune donne, la ricostruzione del lembo dorsale non è l’unica opzione disponibile.

Una ricostruzione del lembo dorsale ha alcuni vantaggi, ad esempio la vicinanza al sito del donatore e ai vasi sanguigni necessari. Forse, il candidato ideale per questo intervento chirurgico è una donna che ha il seno piccolo o medio, in quanto il lembo del dorso del latissimus è limitato.

Questo tipo di ricostruzione è una buona opzione per le donne che potrebbero non essere adatte ad altri tipi di chirurgia ricostruttiva. Alcuni motivi per cui una donna potrebbe non essere un candidato ideale per altri trattamenti includono:

  • i lembi precedenti hanno fallito, quindi è necessario un metodo secondario
  • non c’è abbastanza tessuto in altre parti del corpo, in particolare nell’addome, da utilizzare nella ricostruzione
  • non hanno accesso a un chirurgo plastico qualificato in grado di eseguire la microchirurgia che richiede il lembo del dorsale

Effetti collaterali e recupero

La ricostruzione del lembo dorsale di Latissimus presenta rischi simili ad altri interventi chirurgici di ricostruzione. Alcune delle aree più comuni di preoccupazione sono:

  • Perdita parziale di forza o movimento che rende difficile sollevare oggetti e torcere. Nei casi in cui sia necessario ricostituire entrambi i seni, il lembo del dorsale del dorso non è la scelta migliore in quanto ciò potrebbe causare debolezza muscolare su entrambi i lati del corpo.
  • Molte donne hanno bisogno di un impianto insieme a un lembo del dorso del latissimus. Alcune donne sentono che l’impianto si sente più solido del tessuto davanti.
  • Il grasso nel lembo del dorso di latissimus è più solido rispetto ad altri grassi corporei. Di conseguenza, il seno ricostruito si sentirà più saldo dell’altro seno.

Le donne tendono ad essere trasferite in una stanza di recupero dopo l’intervento chirurgico e probabilmente resteranno lì per qualche tempo. Durante questo periodo di recupero, i membri dello staff dell’ospedale monitoreranno la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna e la temperatura corporea della donna.

Non è raro che le donne sentano dolore o malessere dall’anestesia. I farmaci sono disponibili per il trattamento di entrambe queste condizioni, tuttavia.

Una volta liberato dalla stanza di recupero, la donna si trasferirà in una stanza standard dell’ospedale, dove rimarrà per circa 4 giorni. Il periodo di tempo in cui la donna rimane in ospedale, tuttavia, dipende da quanto bene sta guarendo.

Prima di andare a casa, un medico fornirà alla donna istruzioni, farmaci e idee su cosa aspettarsi.

[dottore che aiuta una donna con riabilitazione]

Un medico fornirà anche alcuni suggerimenti per la cura su come prendersi cura di:

  • punti di sutura
  • condimento
  • graffette
  • scarichi chirurgici

Il tempo di recupero completo varierà da donna a donna. Un recupero tipico richiederà circa 4 settimane.

È importante per le donne che hanno subito questa procedura ricordare che hanno due aree di cui occuparsi: la ricostruzione del seno e la schiena. Entrambi avranno bisogno di molta attenzione per prevenire eventuali complicazioni, come l’infezione da parte dei siti di incisione.

Altri tipi di ricostruzione

Ci sono molte opzioni aggiuntive per la ricostruzione del seno dopo la rimozione del seno o altre procedure sul seno.

Due dei più comuni metodi di ricostruzione che utilizzano i flap sono:

Lembo di perforazione dell’arteria epigastrica inferiore profonda (DIEP)

Il DIEP è una tecnica a lembo più recente. Un chirurgo usa la pelle e il tessuto adiposo dall’addome inferiore per ricostruire un seno. I muscoli sono rimasti intatti.

La procedura ha un effetto dimagrante sull’addome inferiore, che alcune donne considerano un ulteriore vantaggio. Tuttavia, è meglio che le donne seguano la raccomandazione del loro medico per il miglior metodo di ricostruzione.

Lembo del muscolo retto addominale trasversale (TRAM)

TRAM è un’altra tecnica che utilizza un lembo di tessuto ottenuto dall’addome inferiore. In questo caso, a differenza del DIEP, il chirurgo rimuove pelle, tessuto adiposo e muscoli per ricostruire il seno.

Esistono due diversi metodi per completare un TRAM. Un metodo consiste nel lasciare il lembo collegato alla sua riserva di sangue originale, ma spostandolo verso il torace usando un tunnel sotto la pelle. L’altro metodo prevede di scollegare il lembo e spostarlo sul torace prima di riattaccarlo alla fonte di sangue.

Ulteriori opzioni per la ricostruzione includono:

Lembo superiore del tessuto perforante dell’arteria glutea (SGAP)

In una ricostruzione del lembo SGAP, il tessuto proviene dalla parte superiore dei glutei. Il chirurgo rimuove il tessuto dai glutei e lo usa per creare la forma del seno. Le donne saranno lasciate con una cicatrice su entrambi i glutei e il seno.

Patta lembo superiore del tessuto gracile (TUG)

Il lembo TUG è tessuto situato nella parte superiore della coscia vicino all’inguine e il muscolo gracile, che si trova nella parte superiore della gamba. Durante questa procedura, il chirurgo ricostruisce il nuovo seno dal lembo di tessuto rimosso dalla gamba.

Questa procedura è ideale per le donne con seno piccolo in quanto richiede meno volume per far sembrare naturale la mammella. La cicatrice sulla coscia è ben nascosta a causa della posizione.

Dopo la ricostruzione, il muscolo gracile non funzionerà molto bene, ma poche donne riportano effetti significativi sul loro comfort o funzione da questo cambiamento.

Ogni procedura ha i suoi vantaggi e svantaggi. Non tutte le opzioni sono giuste per tutti, quindi è importante che le donne discutano con il loro medico quale opzione le soddisfa meglio.

Like this post? Please share to your friends: