Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Rilevante legame intrigante tra vitamina D e controllo delle nascite

I ricercatori hanno scoperto che le donne che assumono pillole anticoncezionali a base di estrogeni hanno quantità più elevate di vitamina D circolante; allo stesso modo, le donne che smettono di prendere questi contraccettivi affrontano un calo significativo dei livelli di vitamina D.

[Donna incinta che si rilassa]

Il ruolo principale della vitamina D è quello di mantenere i livelli corretti di calcio e fosforo nel sangue.

Aiuta anche il corpo ad assorbire il calcio, un componente essenziale delle ossa.

Gli alimenti tra cui pesce e uova sono ricchi di vitamina D, tuttavia, circa il 90% della vitamina D viene prodotta nella pelle attraverso una reazione chimica dopo l’esposizione alla luce solare.

La carenza di vitamina D può portare a rachitismo e osteomalacia (ammorbidimento delle ossa).

Poiché la vitamina D è vitale nella formazione delle ossa, è particolarmente importante durante la gravidanza.

Il Dr. Quaker E. Harmon, dell’Istituto Nazionale di Salute Ambientale dell’Istituto Nazionale della Salute nel Research Triangle Park, NC, ha deciso di indagare su eventuali cambiamenti nei livelli di vitamina D associati all’assunzione di contraccettivi orali.

Vitamina D e contraccezione

I ricercatori hanno effettuato un’analisi trasversale dei dati dello studio di ambiente, stile di vita e fibromi (SELF), un’indagine sulla salute riproduttiva. Il progetto ha utilizzato quasi 1.700 donne afro-americane che vivono a Detroit e nei dintorni, MI, 23-34 anni.

Lo studio ha chiesto alle donne il loro uso di contraccettivi e incluso domande sulla quantità di tempo trascorso al di fuori e su eventuali integratori di vitamina D che hanno assunto.

In totale, 1662 donne hanno fornito campioni di sangue per accertare i livelli della più comune forma circolante di vitamina D, chiamata 25-idrossi vitamina D.

Durante la gravidanza, le donne producono un aumento dei livelli della forma attiva di vitamina D per sostenere la crescita dello scheletro fetale. Per questo motivo, le donne in gravidanza hanno un aumentato rischio di carenza di vitamina D e, pertanto, un maggiore rischio di sviluppare problemi alle ossa.

“Il nostro studio ha rilevato che le donne che utilizzavano contraccettivi contenenti estrogeni tendevano ad avere livelli di vitamina D più elevati rispetto ad altre donne”.

Dr. Quaker E. Harmon

Anche dopo aver controllato i fattori confondenti, come l’esposizione stagionale alla luce, l’effetto è rimasto significativo.

“Non siamo riusciti a trovare differenze comportamentali come un aumento del tempo trascorso all’aperto per spiegare l’aumento”, ha affermato il dott. Harmon. “I nostri risultati suggeriscono che i contraccettivi contenenti estrogeni tendono ad aumentare i livelli di vitamina D, e tali livelli sono suscettibili di cadere quando le donne cessano di usare la contraccezione”.

Dopo aggiustamenti per variabili confondenti, l’uso di pillole contraccettive, cerotti o anelli contenenti estrogeni era associato a livelli più alti del 20 percento di 25-idrossi vitamina D.

Allo stesso tempo, gli attuali utenti di controllo delle nascite avevano livelli più elevati di vitamina D, e gli utenti del passato avevano livelli medi di vitamina D.

Carenza di vitamina D all’inizio della gravidanza

Questi risultati, pubblicati questa settimana nel, significano che, quando una donna inizia a provare a rimanere incinta, corre il rischio di diventare carente di vitamina D. Il dott. Harmon aggiunge qualche consiglio:

“Per le donne che stanno pianificando di smettere di usare il controllo delle nascite, vale la pena prendere provvedimenti per garantire che i livelli di vitamina D siano adeguati durante il tentativo di concepire e durante la gravidanza.”

ha chiesto al dottor Harmon perché la contraccezione a base di estrogeni potrebbe influenzare i livelli di vitamina D, e lei ha detto:

“Non sappiamo perché i livelli di vitamina D sono più alti.Altri lavori suggeriscono che i livelli di altri metaboliti della vitamina D sono cambiati quando le donne usano la contraccezione contenente estrogeni.Questo suggerisce che ci possono essere alterazioni nel metabolismo della vitamina D. Ulteriore lavoro è necessario.”

Dr. Quaker E. Harmon

L’attuale studio ha riguardato esclusivamente le donne afro-americane; chiese al dottor Harmon se la razza potesse avere un ruolo in questo effetto. Lei disse:

“La stessa associazione è stata osservata in donne giovani e anziane che non sono afro-americane, quindi crediamo che questa associazione non sia legata alla razza. Negli Stati Uniti, le donne afro-americane hanno maggiori probabilità di essere carenti di vitamina D, quindi piccoli aumenti o diminuzioni delle loro concentrazioni di vitamina D potrebbero essere più importanti. “

La dottoressa Harmon ha anche detto che sta continuando a seguire questo gruppo di donne per indagare ulteriormente sulla relazione. Inoltre, sta lavorando a un altro gruppo di partecipanti per studiare come la vitamina D varia attraverso il ciclo mestruale.

Scopri la ricerca che mostra che livelli più alti di vitamina D riducono il rischio di cancro.

Like this post? Please share to your friends: