Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Rilevazione della perdita di peso: la luce del sole è la chiave

Nonostante i nostri migliori sforzi per rimanere magri, sembra che durante le festività natalizie, abbiamo messo su un sacco di peso. Perché? Un nuovo studio ha una risposta sorprendente.

donna che corre al sole

Molti di noi hanno familiarità con il fenomeno del peso delle vacanze. Ma mentre è vero che durante le vacanze siamo più esposti a cibi deliziosi rispetto al resto dell’anno, alcuni studi hanno dimostrato che d’inverno, continuiamo a fare i chili nonostante gli sforzi consapevoli di perderli. Perché?

Un nuovo studio – condotto da ricercatori dell’Università di Alberta a Edmonton, in Canada – rivela un inaspettato colpevole per l’aumento di peso in inverno: l’assenza di luce solare.

I ricercatori, che erano guidati dal buon auspicio di nome Peter Light – dell’Alberta Diabetes Institute – hanno esaminato l’effetto della luce solare su cellule adipose sottocutanee o cellule bianche di grasso che possono essere trovate proprio sotto la nostra pelle.

I risultati delle loro indagini rendono questo studio rivoluzionario, ed è stato recentemente pubblicato sulla rivista

Come la luce solare “brucia” il grasso

Luce e squadra hanno esaminato il cosiddetto tessuto adiposo sottocutaneo bianco (scWAT), che, come spiegano gli autori, è il “principale deposito di grassi negli esseri umani e un attore centrale nella regolazione del metabolismo del corpo intero”.

Il grasso bianco è noto come il tipo “cattivo” di grasso, perché immagazzina calorie che sono idealmente bruciate per produrre energia.

Se disfunzionale, questo tipo di grasso può portare a disturbi cardiometabolici come obesità, diabete e malattie cardiache.

Quindi, nel tentativo di aiutare le persone con diabete di tipo 1, Light e colleghi stavano lavorando su un modo per ingegnerizzare geneticamente queste cellule di grasso bianco per produrre insulina quando esposte alla luce.

Accidentalmente, hanno scoperto che le cellule scWAT tendono a ridursi sotto l’effetto della cosiddetta luce blu del sole – cioè, il tipo di luce visibile che aumenta l’attenzione e l’umore durante il giorno.

Per testare ulteriormente la loro scoperta, gli scienziati hanno prelevato campioni di scWAT da pazienti sottoposti a chirurgia per la perdita di peso e hanno esaminato l’effetto della luce blu del sole sulle cellule adipose.

Questo è quello che hanno trovato:

“Quando le lunghezze d’onda della luce blu del sole – la luce che possiamo vedere con gli occhi – penetrano nella nostra pelle e raggiungono le cellule grasse appena sotto, le goccioline lipidiche si riducono di dimensioni e vengono rilasciate dalla cellula. In altre parole, le nostre cellule non immagazzina tanto grasso. “

Peter Light

L’aumento di peso invernale ha spiegato

“Se capovolgi le nostre scoperte”, dice Light, “l’insufficiente esposizione alla luce solare che riceviamo per 8 mesi all’anno in un clima settentrionale potrebbe favorire lo stoccaggio di grasso e contribuire al tipico aumento di peso che alcuni di noi hanno durante l’inverno”.

“Sono i primi tempi, ma non è un balzo gigantesco supporre che la luce che regola il nostro ritmo circadiano, ricevuta attraverso i nostri occhi, possa anche avere lo stesso impatto attraverso le cellule adipose vicino alla nostra pelle”, aggiunge.

I risultati possono aprire la strada a nuove strategie di perdita di peso o terapie a base di luce nel trattamento dell’obesità e del diabete.

Tuttavia, Light mette in guardia dal prendere questi risultati troppo alla lettera e perseguendo l’esposizione alla luce solare per perdere peso, poiché ci sono ancora molte variabili che rimangono sconosciute.

“Ad esempio,” spiega, “non conosciamo ancora l’intensità e la durata della luce necessarie per attivare questo percorso.”

Inoltre, osserva, “[T] qui c’è molta letteratura là fuori che suggerisce che la nostra generazione attuale sarà più sovrappeso dei loro genitori e forse questo si alimenta nel dibattito su ciò che è sano esposizione al sole.”

Ad ogni modo, questa eccitante scoperta “contiene sicuramente molti indizi affascinanti per il nostro team e per gli altri in tutto il mondo da esplorare”, conclude Light.

Like this post? Please share to your friends: