Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Rimedi naturali per il trattamento del disturbo bipolare

Precedentemente noto come “depressione maniacale”, il disturbo bipolare è una malattia mentale, tipicamente associata a cambiamenti estremi di umore, energia e livelli di attività.

Si stima che il 2,9% degli americani soffra di disturbo bipolare. Le diagnosi si verificano per lo più tra i 15 ei 25 anni.

Il disturbo bipolare non può essere curato, ma è gestibile. Con la cura adeguata e il farmaco giusto, le persone con questo disturbo possono condurre una vita piena e produttiva.

Counseling, terapia cognitivo comportamentale (CBT) e alcuni cambiamenti dello stile di vita possono aiutare a migliorare le prospettive per le persone con disturbo bipolare.

Cambiamenti nello stile di vita

La Mayo Clinic consiglia alcuni cambiamenti nello stile di vita che le persone con disturbo bipolare possono fare per ridurre al minimo i cicli di comportamento che peggiorano la loro condizione.

Dormire

[correndo nel parco]

Il sonno disturbato è spesso legato agli alti e bassi del disturbo bipolare.

Durante una fase maniacale, un individuo può dormire pochissimo, ma durante una fase bassa, può dormire a lungo.

Il sonno mancante può innescare un cambiamento di umore. Ottenere abbastanza sonno è essenziale per gestire l’umore.

Le persone con disturbo bipolare che hanno difficoltà a dormire dovrebbero parlare con il proprio medico.

Dieta

Una dieta sana è una delle abitudini di vita più importanti per le persone con disturbo bipolare è quello di seguire.

Uno studio del 2011 ha rilevato che fino al 68% delle persone in cerca di trattamento per il disturbo bipolare sono sovrappeso o obese e uno studio del 2013 ha rilevato che il tasso di abbuffate è molto più alto tra le persone con disturbo bipolare rispetto alla popolazione generale.

Questo può essere un effetto collaterale del farmaco, o potrebbe essere dovuto a un eccesso di cibo durante gli episodi di depressione.

Essere in sovrappeso può complicare il recupero e aumentare il rischio di diabete, ipertensione e ansia.

Una teoria è che le persone con disturbo bipolare possono avere livelli ridotti di serotonina, il messaggero chimico nel cervello che influenza l’umore.

La serotonina può anche influenzare l’appetito, e può essere che le persone con bassi livelli di serotonina provino voglie per carboidrati e cibi dolci.

Esercizio

L’esercizio moderato e regolare è un modo comprovato per equilibrare l’umore. L’esercizio rilascia endorfine, i prodotti chimici del cervello che fanno stare bene le persone e li aiutano a dormire meglio.

Una revisione 2015 degli studi sull’effetto dell’esercizio sul disturbo bipolare ha suggerito che l’esercizio “può essere una strategia fattibile ed efficace per affrontare la fase depressiva del disturbo bipolare”.

Sono necessari ulteriori studi per stabilire l’intensità appropriata, la frequenza e la durata dell’esercizio per le persone con questa condizione.

Le persone con disturbo bipolare che assumono litio dovrebbero consultare il proprio medico prima di iniziare un programma di esercizi, in quanto ciò può interferire con il farmaco.

Dipendenza

Le persone con disturbo bipolare hanno la tendenza a impegnarsi in comportamenti a rischio. La dipendenza si verifica comunemente a fianco del disturbo.

Uno studio mostra che il 56% delle persone affette da questa patologia è stato a volte dipendente da alcol o droghe.

Alcuni circuiti nel cervello sono coinvolti nel perseguire esperienze gratificanti. Uno studio ha suggerito che nelle persone con disturbo bipolare, questi circuiti sono più fortemente attivati. Questo può essere ciò che spinge la persona verso un comportamento rischioso.

Uno degli autori, il prof. Wael El-Deredy, spiega:

“Il brusio maggiore che le persone con disturbo bipolare traggono dalla ricompensa è un’arma a doppio taglio: da un lato, aiuta le persone a raggiungere gli obiettivi e le ambizioni, che possono contribuire al successo di molte persone con questa diagnosi. ha un costo: queste stesse persone possono essere influenzate più dalle ricompense immediate quando prendono decisioni e meno dalle conseguenze a lungo termine di queste azioni “.

Chiunque abbia disturbi bipolari che hanno problemi a smettere di bere alcolici o droghe dovrebbe cercare un aiuto professionale. Si consiglia inoltre di evitare le persone che incoraggiano comportamenti o atteggiamenti che peggiorano il disturbo.

Gestire un episodio maniacale

Non è sempre possibile prevenire un episodio maniacale, ma quanto segue può aiutare:

  • consultare un medico, se è la prima volta o se ha interrotto il trattamento
  • seguire il piano di trattamento stabilito dal medico e mantenere tutti gli appuntamenti medici, in quanto i farmaci potrebbero aver bisogno di essere aggiustati
  • cercare di mantenere un ritmo di sonno regolare ed evitare stress inutili quando possibile
  • mangiare una dieta sana e fare abbastanza esercizio
  • evitare alcol e altre sostanze
  • tenere traccia dei tuoi stati d’animo e sentimenti

Se hai persone intorno a te, prova a condividere con loro ciò che sta accadendo in modo che possano supportarti.

Rimedi alternativi

Alcune persone con disturbo bipolare usano erbe o integratori nel tentativo di alleviare i loro sintomi.

[pesce grasso]

Omega-3: l’estratto di olio di pesce omega-3 può aiutare, secondo alcuni studi. Gli scienziati hanno scoperto che il disturbo bipolare è meno comune nei paesi in cui le persone consumano molti pesci.

Le persone con depressione possono anche avere livelli più bassi di omega-3 nel sangue.

Magnesio: alcuni scienziati ritengono che i supplementi di magnesio possano ridurre la mania e il rapido ciclo di sintomi bipolari, ma sono necessari ulteriori studi per sostenerlo.

Erba di San Giovanni: L’erba di erba di San Giovanni e l’amminoacido S-adenosil-L-metionina (SAM-e) sono talvolta utilizzati per aiutare i sintomi depressivi, ma sono anche associati ad un aumentato rischio di mania. Possono interferire con gli antidepressivi.

Vitamine: alcuni hanno suggerito che le vitamine possono aiutare, in particolare la vitamina C e l’acido folico. Le prove a supporto di queste affermazioni sono deboli, ma l’acido folico è noto per supportare la salute cognitiva ed è importante per prevenire i difetti alla nascita. Alle donne in età fertile, che abbiano o meno disturbi bipolari, si consiglia di assumere acido folico.

Chiunque abbia un disturbo bipolare che decide di utilizzare la medicina complementare deve continuare con le sessioni di terapia farmacologica prescritte e deve consultare il proprio medico prima di utilizzare integratori o terapie alternative.

Supporto clinico e trattamento

Il trattamento per il disturbo bipolare è di solito guidato da uno psichiatra specializzato in questa condizione. A volte può essere coinvolta una squadra più ampia di psicologi, assistenti sociali e infermieri psichiatrici.

Durante gli episodi maniacali possono essere prescritti farmaci stabilizzanti l’umore quali litio, acido valproico, carbamazepina e lamotrigina.

Antipsicotici come olanzapina, risperidone, quetiapina, aripiprazolo, ziprasidone, lurasidone o asenapina possono essere prescritti inizialmente per il trattamento della mania grave. Possono anche continuare gli stabilizzatori dell’umore non riuscire a controllare i sintomi maniacali.

Gli antidepressivi non sono generalmente prescritti da soli durante la depressione bipolare. Mentre possono aiutare a gestire la depressione, a volte possono scatenare mania. Per questo motivo, di solito vengono prescritti con uno stabilizzatore dell’umore o antipsicotico.

Se un paziente con disturbo bipolare ha problemi con alcol o droghe, può anche ricevere un trattamento per abuso di sostanze.

Un medico può raccomandare il ricovero in ospedale se un paziente sta vivendo una psicosi o è una minaccia per se stesso o per altre persone.

Il disturbo bipolare richiede un trattamento per tutta la vita, anche quando i pazienti con il disturbo si sentono meglio. Tuttavia, alcune considerazioni sullo stile di vita possono aiutare a rendere la condizione più gestibile.

Like this post? Please share to your friends: