Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Riposare dopo un trauma per evitare “danni cerebrali prolungati”

Con il Super Bowl su di noi ancora una volta e il nuovo film di Will Smith “Concussion” che riceve il consenso della critica, l’infortunio alla testa è un argomento scottante. I risultati di un nuovo studio, che esaminano le lesioni alla testa ripetute, ribadiscono quanto sia vitale riposare dopo un trauma cranico.

[Caschi di football americano che si scontrano]

In breve, una commozione cerebrale è un impatto che fa muovere la testa e il cervello rapidamente avanti e indietro.

Questo movimento improvviso costringe il cervello a rimbalzare o attorcigliarsi all’interno del cranio. Il movimento innaturale provoca cambiamenti chimici nel cervello e danni alle cellule cerebrali.

Le commozioni cerebrali sono spesso definite lesioni cerebrali “lievi” perché non sono pericolose per la vita. Tuttavia, sono più gravi di quanto suggerisce il nome; le ramificazioni possono cambiare la vita se non vengono trattate in modo appropriato.

Dopo una commozione cerebrale, i medici consigliano abitualmente che sono necessari diversi giorni di riposo. Questo solido consiglio non è necessariamente ascoltato da persone che sono desiderose di tornare all’azione.

Recenti ricerche condotte presso il Centro medico della Georgetown University hanno dimostrato quanto sia importante riposare dopo un trauma cranico.

Lo studio, primo nel suo genere, pubblicato nel, ha studiato l’impatto di un trauma cranico ripetuto ma estremamente lieve; il tipo di infortunio che potrebbe essere recuperato praticando sport, nell’esercito o durante gli abusi domestici.

Il team, guidato da Mark P. Burns, assistente alla cattedra di neuroscienze, ha scoperto che se ai topi viene somministrato solo 1 giorno per riprendersi da una leggera commozione cerebrale, il danno si accumula gradualmente e il danno neurale può ancora essere osservato in un anno. Ma il recupero totale è visto nel cervello se viene dato il resto appropriato.

Burns dice:

“È una buona notizia che il cervello riesca a riprendersi da un colpo se gli viene dato abbastanza tempo per riposare e riprendersi, ma sul rovescio della medaglia troviamo che il cervello non intraprende questo riequilibrio quando gli impatti si avvicinano troppo.”

Lesione cerebrale regolare

Nell’esperimento, metà dei topi ha ricevuto una ferita alla testa ogni giorno per 30 giorni; l’altra metà ha ricevuto un infortunio alla testa ogni settimana per 30 settimane. Dopo l’impatto iniziale, i topi hanno perso il 10-15% delle loro connessioni neuronali, ma non vi è stata alcuna morte o infiammazione cellulare. Entro 3 giorni, le connessioni sono state ripristinate.

Tuttavia, con una leggera commozione cerebrale ogni giorno, il cervello non ha l’opportunità di guarire. I danni alla sostanza bianca (fondamentali per il coordinamento delle comunicazioni cerebrali) sono peggiorati progressivamente nell’arco di un periodo di 2 mesi e, anche un anno dopo l’ultimo insulto, i deficit erano misurabili.

Burns dice:

“Le scoperte rispecchiano ciò che è stato osservato su tali danni negli esseri umani anni dopo una lesione cerebrale, specialmente tra gli atleti.

Gli studi hanno dimostrato che quasi tutte le persone con commozioni cerebrali spontanee si riprendono, ma gli atleti che praticano sport di contatto sono molto più suscettibili a danni permanenti al cervello. “

Aggiunge che i loro “risultati aiutano a riempire il quadro di come e quando le traumatismi e il trauma cranico lieve possono portare a danni cerebrali prolungati”.

Il messaggio da portare a casa è chiaro; la commozione cerebrale può produrre conseguenze a lungo termine se non gli viene dato il rispetto che merita. Il riposo è vitale. Il danno neurologico duraturo non vale il rischio.

Come individuare una commozione cerebrale

Riconoscere una commozione cerebrale non è sempre il compito più facile, specialmente in un bambino. Di seguito sono riportati alcuni segni e sintomi a cui prestare attenzione, per gentile concessione dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC):

  • Problemi nel ricordare eventi appena prima o dopo l’incidente
  • Sembra stordito
  • Recitare confuso
  • Muovendosi goffamente
  • Visione offuscata
  • Infastidito da luci o rumore
  • Difficoltà a rispondere alle domande
  • Perdita di conoscenza
  • Vomito o nausea
  • Cambiamenti di umore o comportamento.

Se uno qualsiasi di questi sintomi si verifica, immediatamente dopo un infortunio o entro le prossime ore o addirittura giorni, gli individui devono chiedere il parere di un medico.

Se l’individuo conteso ha una pupilla più grande dell’altra, un discorso stonato, o se c’è vomito persistente, perdita di coscienza o intensa agitazione e confusione, è necessario un viaggio al pronto soccorso.

Man mano che apprendiamo di più su questo tipo di lesione, l’importanza di prendere sul serio il trauma cranico diventa sempre più chiara. recentemente ha coperto uno studio che ha trovato placche di Alzheimer nel cervello di vittime traumatiche di lesioni cerebrali.

Like this post? Please share to your friends: