Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Rischio a lungo termine di ictus ricorrente non riconosciuto

I sopravvissuti a ictus o mini-ictus che non presentano complicazioni precoci sono di solito dimessi dai servizi di prevenzione dell’ictus secondario. Tuttavia, una nuova ricerca mostra che queste persone rimangono a lungo a rischio aumentato di ictus, infarto e morte per almeno 5 anni dopo l’evento iniziale.

medico in possesso di un blocco per appunti con ictus scritto sulla carta

Lo scrittore senior, il dott. Richard Swartz, neurologo del Sunnybrook Health Sciences Center dell’Ontario, in Canada, e colleghi, hanno condotto lo studio. Le loro scoperte furono pubblicate in

L’ictus è la quinta causa di morte negli Stati Uniti, responsabile di oltre 130.000 morti ogni anno. Più di 795.000 adulti statunitensi hanno un ictus ogni anno e circa 185.000 di questi colpiscono individui che hanno avuto un ictus precedente.

Secondo alcune ricerche, il rischio di ictus ricorrente si accumula precocemente dopo un ictus iniziale o mini-ictus, o attacco ischemico transitorio (TIA), e questo è tipicamente entro i primi 90 giorni. Per questo motivo, il periodo di 90 giorni dopo un ictus o TIA è stato al centro di strategie di prevenzione secondaria sia nella ricerca che nella pratica clinica.

Studi basati sulla popolazione hanno dimostrato che oltre ad avere alti rischi a breve termine, il rischio di ictus ricorrenti e di decessi rimane elevato a lungo termine, con un rischio stimato del 18% e del 44% nel corso di 5 e 10 anni, rispettivamente, dopo un colpo iniziale o TIA.

“C’è un reale bisogno di mantenere strategie di riduzione del rischio, supporto medico e scelte di stile di vita sano a lungo termine, anche anni dopo un evento iniziale mite”, afferma il dott. Swartz.

Mentre i dati sono disponibili per le stime di rischio di esiti avversi durante il primo periodo ad alto rischio, sono disponibili pochi dati per caratterizzare il rischio a lungo termine in soggetti che non presentano complicazioni precoci dopo ictus o TIA.

Il Dr. Swartz e il suo team miravano a determinare i rischi a lungo termine tra i pazienti che erano sopravvissuti al loro ictus iniziale di ictus ischemico e che non hanno riscontrato ulteriori eventi avversi per 90 giorni dopo la dimissione dal pronto soccorso o dall’ospedale.

Marcatore di sopravvivenza per ictus a lungo termine

Lo studio ha incluso i dati di 26.366 pazienti che erano stati dimessi dai centri regionali per l’ictus in Ontario tra luglio 2003 e marzo 2013, dopo un ictus o TIA senza complicazioni nei primi 90 giorni.

I casi sono stati abbinati a 263.660 partecipanti al controllo – cioè, quelli che non hanno avuto esperienza di ictus – su età, sesso e posizione geografica.

I ricercatori hanno scoperto che il gruppo che non ha avuto complicazioni precoci aveva un rischio significativamente più elevato di complicazioni a lungo termine rispetto ai controlli.

A un anno dall’evento iniziale, il 9,5% dei pazienti post-ictus aveva avuto un evento avverso come un altro ictus, un infarto, un’ammissione a cure a lungo termine o un decesso. La percentuale di persone che hanno manifestato eventi avversi è aumentata al 23,6% a 3 anni e al 35,7% a 5 anni.

“Questi risultati evidenziano la necessità di una gestione a lungo termine dei rischi modificabili, come l’ipertensione, il monitoraggio e il trattamento dei ritmi cardiaci irregolari, l’abbandono del fumo e l’attività fisica”.

Dr. Richard Swartz

Le strategie a lungo termine per la riduzione del rischio potrebbero includere programmi di riabilitazione cardiaca su misura per i sopravvissuti all’ictus da seguire per anni, invece che per mesi, dopo l’evento ictus. La gestione a lungo termine potrebbe anche essere incorporata nelle pratiche di assistenza primaria.

“Per i sopravvissuti di ictus o TIA, il rischio a lungo termine di ictus ricorrente era particolarmente alto, indicando che la recidiva di ictus è il risultato modificabile più importante”, concludono i ricercatori.

Like this post? Please share to your friends: