Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Rischio di calcoli renali associato a vitamina D a lungo termine e assunzione di calcio

Un nuovo studio presentato al 94esimo Meeting Annuale della Società Endocrina a Houston rivela che gli integratori di calcio e vitamina D sono collegati ad alti livelli di calcio nel sangue e nelle urine, il che potrebbe aumentare il rischio di sviluppare calcoli renali.

Il ricercatore principale, J. Christopher Gallagher, M.D., professore e direttore dell’unità di metabolismo osseo presso il centro medico dell’università di Creighton a Omaha, NE ha detto:

“L’uso di supplementazione di calcio e vitamina D potrebbe non essere così favorevole come si pensava prima. In attesa di ulteriori informazioni, le persone non dovrebbero superare le linee guida suggerite dall’Istituto di Medicina, che sono 800 unità internazionali di vitamina D e 800-1.200 milligrammi per giorno di calcio. “
Gli integratori di vitamine sono diventati sempre più popolari in molti paesi in tutto il mondo. Solo negli Stati Uniti, quasi il 75% delle donne assume integratori vitaminici. Gli integratori più frequentemente presi sono calcio e vitamina D, ma nonostante la loro popolarità non vi è alcuna prova concreta sugli effetti sulla salute per l’assunzione di questi supplementi per un lungo periodo di tempo.

Studi precedenti hanno suggerito che livelli elevati di calcio nelle urine (ipercalciuria) possono aumentare il rischio di calcoli renali, mentre livelli più elevati di calcio nel sangue (ipercalcemia) sono legati a numerose complicazioni, come problemi alle ossa e ai reni.

Gallagher e Vinod Yalamanchili, MD, ricercatore dell’Unità di Metabolismo delle Ossa di Creighton University e autore principale dello studio hanno valutato 163 donne sane in postmenopausa di età compresa tra 57 e 85 anni, che sono state assegnate in modo casuale a prendere placebo oa un integratore di vitamina D di 400 , 800, 1600, 2400, 3200, 4000 o 4800 unità internazionali al giorno. Inoltre, i ricercatori hanno aumentato l’assunzione di calcio dei partecipanti da 691 milligrammi al giorno all’inizio dello studio a 1.200-1.400 mg / giorno. I livelli di calcio nel sangue e nelle urine sono stati misurati al basale e ogni tre mesi per il periodo di studio di 12 mesi.

I risultati hanno rivelato che ad un certo punto durante il periodo di studio circa il 33% dei partecipanti (n = 48) ha sviluppato elevati livelli di calcio nelle loro urine. Nel complesso, i ricercatori hanno notato 88 episodi di alto livello di calcio urinario. Studi precedenti hanno dimostrato che alti livelli di calcio nelle urine sono collegati a un rischio elevato di calcoli renali. Tuttavia, il team osserva che durante il periodo di studio di un anno non sono stati osservati incidenti con calcoli renali.

I risultati hanno anche mostrato che circa il 10% dei partecipanti (n = 16) sviluppava alti livelli di calcio nel sangue. Complessivamente, c’erano 25 episodi di alti livelli di calcio nel sangue, sebbene in entrambi gli episodi gli aumenti non fossero legati al dosaggio della vitamina D.

Gallagher ha spiegato: “A causa della risposta imprevedibile, non è chiaro se sia il calcio in eccesso, la vitamina D o entrambi insieme a causare questi problemi”.
, br> Ha concluso affermando:

“Tuttavia, è possibile che l’uso a lungo termine di supplementi causi ipercalciuria e ipercalcemia, e questo può contribuire a calcoli renali.Per questi motivi, è importante monitorare i livelli di calcio nel sangue e nelle urine nelle persone che assumono questi supplementi a lungo termine, raramente nella pratica clinica “.
Scritto da Petra Rattue

Like this post? Please share to your friends: