Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Rischio di cancro a vita da raggi X per bambini ‘relativamente bassi’

I genitori hanno molte cose di cui preoccuparsi quando si tratta della salute e della sicurezza dei loro figli. Ma un nuovo studio pubblicato sulla rivista American Heart Association suggerisce che la radiazione proveniente dai raggi X standard è bassa e non aumenta i rischi di cancro per tutta la vita per la maggior parte dei bambini.

Per studiare adeguatamente gli effetti delle radiazioni nei bambini, i ricercatori hanno seguito 337 bambini di età inferiore ai 6 anni che hanno avuto un intervento chirurgico per malattie cardiache presso il Duke University Medical Center nel North Carolina.

Il team, guidato dal dott. Kevin Hill, cardiologo e assistente professore di pediatria alla Duke, afferma di aver studiato bambini con malattie cardiache perché sono esposti a più test di imaging rispetto ai bambini nella maggior parte degli altri gruppi.

Le procedure di imaging che i bambini hanno subito sono state circa 14.000. Questo include radiografie, tomografie computerizzate (CT) e procedure di cateterizzazione cardiaca utilizzando i raggi X video – noti come fluoroscopie.

Nel complesso, il team ha riscontrato che la dose cumulativa di radiazioni ionizzanti per il bambino medio nello studio era inferiore all’esposizione annuale di fondo negli Stati Uniti.

Sebbene questa scoperta possa certamente mettere a proprio agio la mente di molti genitori, il team ha scoperto che alcuni bambini con una cardiopatia complessa esposta a grandi dosi cumulative di radiazioni hanno aumentato il rischio di cancro nel corso della vita – fino al 6,5% al ​​di sopra del basale.

Commentando le loro scoperte, il Dr. Hill dice:

“Ci sono sicuramente momenti in cui le radiazioni sono necessarie, ma è importante che i genitori chiedano e si confrontino nel caso in cui si possano evitare procedure di esposizione potenzialmente elevate. Spesso ci sono procedure alternative o modificate con meno radiazioni, o l’imaging potrebbe non essere effettivamente necessario.”

“La consapevolezza più grande significa ridurre l’esposizione”

Questo studio è il primo a quantificare le dosi cumulative di radiazioni nei pazienti cardiopatici e a prevedere i rischi del cancro a vita, in base al tipo di esposizione, osserva la squadra.

Raggi X del bambino

Hanno esaminato le cartelle cliniche per trovare le procedure di imaging più comuni e calcolato la quantità di radiazioni assorbite durante ciascuna procedura. Quindi, hanno usato un rapporto della National Academy of Sciences per valutare i rischi di cancro della vita dei bambini.

In dettaglio, lo studio ha rilevato che:

  • Il rischio di cancro a vita aumenta da 0,002% per radiografie del torace allo 0,4% per TC e cateterizzazioni cardiache.
  • Degli esami di imaging, i raggi X hanno rappresentato il 92%.
  • Cateterizzazioni cardiache e scansioni TC hanno rappresentato l’81% dell’esposizione complessiva alle radiazioni.
  • Perché sono più probabilità di avere il cancro al seno e alla tiroide, le ragazze hanno il doppio del rischio di cancro dei ragazzi.

La dott.ssa Hill spiega che, sebbene usassero pazienti pediatrici con malattie cardiache per il loro studio, i rischi di cancro sarebbero gli stessi per ogni bambino senza malattie cardiache che ha la stessa età e che è stato esposto agli stessi livelli di radiazioni.

“La semplice consapevolezza è uno dei mezzi migliori per ridurre l’esposizione”, dice. “Gli operatori sanitari dovrebbero prendere in considerazione la possibilità di modificare i protocolli per limitare le dosi di radiazioni e bilanciare i rischi ei benefici di ogni studio di imaging che fanno”.

Nel 2013, secondo uno studio che suggeriva un composto anticancro presente nelle verdure crocifere, come cavoli, cavolfiori e broccoli, protegge i roditori dai danni da radiazioni.

Like this post? Please share to your friends: