Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Rischio di infezione da stafilococco dopo chirurgia collegata al tipo di procedura

Un nuovo studio statunitense suggerisce che l’infezione post-operatoria del batterio Staphylococcus aureus (Staph), un tipo comunemente acquisito in ospedale, è più probabile che si verifichi dopo operazioni al torace e alla testa rispetto ad altre procedure principali.

Lo studio retrospettivo di coorte è disponibile per la lettura online e dovrebbe comparire nel numero di stampa di luglio della rivista InfectionControl and Hospital Epidemiology.

L’autore principale Dr Deverick Anderson, uno specialista in malattie infettive presso il Duke University Medical Center di Durham, NorthCarolina, ha dichiarato ai media che:

“Abbiamo scoperto che le procedure del torace e della testa rappresentavano la maggior parte delle infezioni da stafilococco dopo un intervento chirurgico maggiore”.

Anderson e colleghi hanno analizzato i dati relativi a 96.455 procedure ortopediche, neurochirurgiche, cardiotoraciche e di chirurgia plastica eseguite tra il 2003 e il 2006 su 81.267 pazienti in 11 centri (9 ospedali di comunità e 2 ospedali di cure terziarie a NorthCarolina e Virginia).

Hanno scoperto che:

  • 454 pazienti avevano infezioni da S. aureus: 317 avevano un’infezione del sito chirurgico, 188 avevano un’infezione del flusso sanguigno e 51 avevano entrambi.
  • L’incidenza complessiva dell’infezione era di 0,47 per 100 procedure.
  • Circa la metà delle infezioni (51%) era dovuta a S. aureus resistente alla meticillina (MRSA).
  • L’infezione da S. aureus era più comune dopo le procedure cardiotoraciche (0,79 infezioni per 100 procedure) rispetto alle procedure chirurgiche postortopediche, neurochirurgiche o plastiche (rispettivamente 0,37, 0,62 e 0,32 per 100).
  • Il più alto tasso di infezione del flusso sanguigno era dopo le procedure cardiotoraciche (0,57 infezioni per 100 procedure), comprendente quasi il 75% delle infezioni.
  • Il più alto tasso di infezione del sito chirurgico era dopo le procedure neurochirurgiche (0,50 infezioni per 100 procedure), comprendente l’80% delle infezioni.

Gli autori hanno concluso che:

“La frequenza e il tipo dell’infezione invasiva postoperatoria di S. aureus variava significativamente tra i vari proceduretypes.”

Hanno raccomandato che le “procedure ad alto rischio, come le procedure cardiotoraciche, dovrebbero essere mirate a interventi preventivi continuativi”.

Anderson, che collabora anche con il DICON (Duke Infection Control Outreach Network), ha detto che un messaggio chiave dello studio è che “una strategia di prevenzione non si adatta a tutti” e potrebbe esserci bisogno di procedure per le procedure cardiovascolari e neurochirurgiche che non necessario per la chirurgia plastica o ortopedica.

Ha anche detto che le strategie focalizzate esclusivamente su MRSA non necessariamente prevengono tutte le infezioni:

“In media MRSA era presente solo nella metà delle infezioni che abbiamo identificato”, ha aggiunto.

Lo studio è stato finanziato da Merck & Co e due dei suoi autori lavorano nei loro laboratori nel Galles del Nord, in Pennsylvania, ma secondo l’esame non sono stati coinvolti nell’analisi dei dati.

“Variazione del tipo e della frequenza delle infezioni invasive postoperatorie da Staphylococcus aureus secondo il tipo di procedura chirurgica”.
Deverick J. Anderson, Jean Marie Arduino, Shelby D. Reed, Daniel J. Sexton, Keith S. Kaye, Chelsea A. Grussemeyer, SenakaA. Peter, Chantelle Hardy, Yong Il Choi, Joelle Y. Friedman, Vance G. Fowler, Jr.
Infection Control and Hospital Epidemiology Vol. 31, n. 7, 701-709, luglio 2010
DOI: 10.1086 / 653205

Fonte: Duke Medicine.

Scritto da: Catharine Paddock, PhD

Like this post? Please share to your friends: