Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Ritiro del supporto vitale per i pazienti traumatici da lesioni cerebrali, è necessaria cautela

Una nuova indagine su CMAJ (Canadian Medical Association Journal) ha scoperto che la morte dopo una grave lesione cerebrale traumatica è collegata a un’incidenza altamente variabile di sospensione del supporto vitale alla fine della vita. I tassi di sospensione del supporto vitale variano molto da ospedale a ospedale. Gli autori dicono che quando si prende la decisione di ritirare il supporto, bisogna fare attenzione.

La lesione cerebrale traumatica è la principale causa di morte e disabilità tra i pazienti sotto i 45 anni di età. Il più delle volte questi pazienti non sono in grado di prendere decisioni riguardanti le loro cure mediche, quindi quando si decide di ritirare il supporto vitale, i loro medici e familiari fanno la scelta di solito in base a prognosi infausta, esperienza del medico, desideri del paziente e / o punto di vista religioso. Tuttavia, non esistono strumenti sufficienti per prevedere con precisione la disabilità e gli esiti a lungo termine per questi pazienti.

I tassi di mortalità dopo il ritiro del supporto vitale in individui che avevano gravi lesioni traumatiche al cervello sono stati esaminati da un team multicentrico di investigatori canadesi in sei centri traumatologici in Quebec, Ontario e Alberta. Sono stati analizzati 720 pazienti di età superiore ai 16 anni, 77 dei quali erano di sesso maschile. La principale causa di infortunio deriva da incidenti automobilistici (57%), cadute (31%) e aggressione (8%).

Il numero di morti variava in modo sostanziale. Il 32% (228) dei 720 pazienti deceduti in ospedale, anche se i tassi di mortalità variavano tra i centri dall’11% al 44%. Il 70% dei decessi (compresi tra il 64% e il 76%) sono stati collegati al ritiro del sostegno vitale, con circa la metà di questi decessi avvenuti entro tre giorni.

Il Dott. Alexis Turgeon, Laval University, Quebec, ha scritto:

“Abbiamo visto che la maggior parte delle morti dopo una grave lesione cerebrale traumatica si è verificata dopo l’interruzione della terapia di sostegno vitale e che il tasso di sospensione della terapia di sostegno vitale variava significativamente tra i centri di trauma di primo livello.

Abbiamo anche notato una considerevole variabilità della mortalità ospedaliera complessiva che si è mantenuta dopo l’aggiustamento del rischio. Ciò solleva la preoccupazione che le differenze di mortalità tra i centri possano essere in parte dovute alla variazione nella percezione dei medici della prognosi a lungo termine e ai modelli di pratica dei medici per raccomandare l’interruzione della terapia di sostegno vitale.

Finché non sono disponibili strumenti diagnostici accurati, occorre prestare particolare attenzione nella stima delle prognosi per coloro che hanno gravi lesioni traumatiche al cervello e nel raccomandare il ritiro del supporto vitale. “
In un rapporto aggiuntivo, Drs. David Livingston e Anne Mosenthal, Dipartimento di Chirurgia, New Jersey Medical School scrivono:

“Sebbene attribuiamo la variabilità del ritiro della terapia di sostegno alla vita alle differenze nelle preferenze dei pazienti, l’articolo di Turgeon e colleghi aggiunge al crescente numero di letteratura che la pratica del medico e la cultura dei centri medici possono svolgere un ruolo altrettanto importante.”
Le differenze nel modo in cui i medici controllano l’incertezza prognostica nella grave lesione cerebrale traumatica e il modo in cui comunicano questa incertezza a famiglie e pazienti sono un’altra ragione per la grande discrepanza nei trattamenti tra i centri traumatici, secondo il Dr. Livingston e il Dr. Mosenthal.

Scritto da Grace Rattue

Like this post? Please share to your friends: