Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Roseroot può avere un potenziale come trattamento alternativo per la depressione

Un’erba usata nella medicina popolare europea tradizionale per oltre 3.000 anni potrebbe essere una potenziale opzione di trattamento per la depressione, secondo i risultati di un nuovo studio.

Uomo depresso

Lo studio, pubblicato nel, è stato guidato dal Dr. Jun J. Mao, professore associato di medicina di famiglia, salute della comunità ed epidemiologia presso la Perelman School of Medicine dell’Università della Pennsylvania.

La Rhodiola rosea, indicata anche come roseroot, è stata usata nella medicina popolare tradizionale per promuovere la resistenza al lavoro, aumentare la longevità e promuovere la resistenza a diverse condizioni di salute, tra cui affaticamento, mal di montagna e depressione.

Precedenti studi hanno suggerito che il roseroot potrebbe migliorare l’umore stimolando i recettori dei neurotrasmettitori come la dopamina e la serotonina nel cervello che sono coinvolti nella regolazione dell’umore. Altre ricerche suggeriscono anche che l’erba influenzi i livelli di beta-endorfina nel corpo.

In quello che è il primo trial randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, sull’estratto di roseroot, i ricercatori hanno confrontato i suoi effetti sul disturbo depressivo maggiore lieve-moderato con la sertralina, una terapia antidepressiva comunemente prescritta.

La depressione è sia comune che debilitante, con oltre 19 milioni di americani che stimano di sviluppare la condizione ogni anno. La depressione è associata ad un alto rischio di suicidio e a diversi disturbi e malattie fisiche che si verificano simultaneamente.

Sfortunatamente, circa il 70% dei pazienti con depressione ha risposte incomplete alla terapia con antidepressivi convenzionali. Questi farmaci possono spesso avere effetti collaterali significativi che impediscono ai pazienti di completare un ciclo di trattamento.

“Inoltre, molte persone con sintomi depressivi più lievi pongono preoccupazioni sugli effetti collaterali a fianco dei benefici e dei costi limitati della terapia antidepressiva convenzionale”, scrivono gli autori dello studio. “Pertanto, non sorprende che i sintomi depressivi siano tra i motivi più comuni citati dai consumatori per scegliere la terapia alternativa.”

Lo scopo del presente studio era di valutare la sicurezza preliminare e l’efficacia del roseroot per il trattamento della depressione da lieve a moderata, per scoprire se l’erba potesse essere utilizzata come base per terapie alternative.

I risultati preliminari suggeriscono che la terapia a base di erbe potrebbe favorire alcune persone con depressione

Un totale di 57 adulti sono stati arruolati per partecipare allo studio. Ciascun partecipante ha presentato due o più episodi depressivi maggiori, umore depresso o perdita di interesse nelle attività per almeno 2 settimane e sintomi depressivi come significativo cambiamento di peso non intenzionale, affaticamento e pensieri ricorrenti di morte.

Per 12 settimane, ciascun partecipante ha ricevuto estratto roseroot standardizzato, sertralina o un placebo. I ricercatori hanno misurato i cambiamenti nella depressione dei partecipanti durante questo periodo.

I ricercatori hanno scoperto che sebbene i partecipanti che ricevevano la sertralina presentassero maggiori probabilità di riportare miglioramenti dei loro sintomi entro la settimana 12 del loro trattamento rispetto ai partecipanti trattati con estratto di roseroot, le differenze non erano statisticamente significative.

In confronto con i partecipanti trattati con placebo, i pazienti che assumevano roseroot avevano 1,4 volte le probabilità di miglioramento, mentre i pazienti che assumevano la sertralina avevano 1,9 volte le probabilità.

Tuttavia, molti più pazienti trattati con sertralina (63%) hanno riportato effetti collaterali rispetto a quelli trattati con roseroot (30%). Questa scoperta suggerisce che il roseroot può avere un rapporto rischio / beneficio più favorevole rispetto alla sertralina per il trattamento della depressione da lieve a moderata.

“Questi risultati sono un po ‘preliminari, ma suggeriscono che la terapia a base di erbe potrebbe avere il potenziale per aiutare i pazienti con depressione che non possono tollerare gli antidepressivi convenzionali a causa degli effetti collaterali”, afferma Dr Mao.

Gli autori riconoscono un certo numero di limitazioni allo studio, in particolare la piccola dimensione del campione. “Questo studio è stato progettato per generare dati preliminari sull’efficacia e sulla sicurezza per determinare le stime della dimensione del campione per uno studio futuro completamente motorizzato”, sostengono.

Nonostante i limiti di questo studio preliminare, gli autori ritengono che i loro risultati suggeriscono che l’estratto di roseroot può avere effetti antidepressivi modesti in alcuni pazienti con depressione da lieve a moderata, anche se saranno necessari studi più ampi per valutare pienamente il beneficio e il danno dell’erba.

“[Roseroot] può essere meglio tollerato rispetto alla sertralina, il che suggerisce il suo potenziale come alternativa di trattamento per i pazienti che sono intolleranti agli effetti avversi degli antidepressivi convenzionali”, concludono gli autori.

Il mese scorso, è stato riportato uno studio che suggeriva che il sostegno tra pari telefonico basato sul telefono potrebbe essere un modo efficace per aiutare le neomamme con depressione postpartum.

Like this post? Please share to your friends: