Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Sale: quanto costa?

L’assunzione di sale è diventata una delle principali preoccupazioni per la salute negli Stati Uniti. Una serie di studi ha affermato che troppo sale nella dieta può aumentare il rischio di malattie gravi, come malattie cardiache e ictus, suggerendo raccomandazioni per ridurre l’assunzione di sale. Ma quanto è “troppo” quando si parla di consumo di sale?

[Un uomo che raccoglie una saliera]

Le linee guida dietetiche per gli americani raccomandano che gli adulti consumino meno di 2.300 milligrammi di sodio al giorno – l’equivalente di circa 1 cucchiaino di sale – come parte di una dieta sana.

Un rapporto del Centers for Disease Control and Prevention (CDC) pubblicato all’inizio di quest’anno, tuttavia, ha rilevato che circa il 90% degli adulti e dei bambini negli Stati Uniti consuma più dell’apporto di sodio raccomandato, con la maggior parte degli adulti che consumano più di 3.400 milligrammi al giorno.

Il direttore del CDC, il dott. Tom Frieden, ha bollato i risultati del rapporto “allarmanti”, sottolineando che occorre fare di più per ridurre l’assunzione di sale degli americani e “salvare vite umane”.

E sembra che la Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti sia d’accordo; all’inizio di questo mese, l’organizzazione ha emesso una bozza di linee guida per la riduzione del sodio negli alimenti trasformati, che rappresentano circa il 75% di tutto il consumo di sale.

Lo scopo di queste linee guida è di ridurre l’assunzione di sale tra i consumatori al livello raccomandato di 2.300 milligrammi al giorno, al fine di ridurre i rischi per la salute associati all’alto consumo di sale.

Tuttavia, alcuni ricercatori suggeriscono che un tale livello è troppo basso. In effetti, alcuni sostengono che il consumo di sale in quantità così ridotte può persino causare più danni che benefici.

Assunzione di sale: i benefici e i rischi

Secondo l’American Heart Association (AHA), circa il 90 percento dell’apporto di sodio degli americani proviene dal cloruro di sodio, che si trova nel sale da cucina e spesso viene aggiunto agli alimenti trasformati per la conservazione e il sapore.

Quanto sodio è nel tuo cibo?

  • Una singola fetta di pane contiene ovunque da 80-230 milligrammi di sodio
  • Alcuni cereali per la colazione possono contenere fino a 300 milligrammi di sodio prima di aggiungere il latte
  • Una fetta di pizza surgelata può contenere 370-730 milligrammi di sodio.

Ulteriori informazioni su sale

È noto che il corpo ha bisogno di un po ‘di sale; è importante per la funzione nervosa e muscolare e aiuta a regolare i fluidi corporei.

Uno studio, pubblicato sulla rivista lo scorso anno, ha persino suggerito che il consumo di sale può allontanare i batteri dannosi e ridurre il rischio di infezione.

Tuttavia, numerosi studi hanno indicato che consumare troppo sale può aumentare il rischio di gravi problemi di salute, in particolare quando si tratta di salute cardiovascolare, con ricerche che collegano l’assunzione di sale ad alta ipertensione, ictus e malattie cardiache.

Uno studio pubblicato all’inizio di quest’anno ha anche suggerito che una dieta ad alto contenuto di sale può causare danni al fegato, mentre un altro studio ha collegato l’assunzione di sale ad alto rischio di aumento della sclerosi multipla (SM).

La base per la quale un’elevata assunzione di sale può causare danni fisici è fattibile; troppo sale può indurre l’organismo a trattenere l’acqua, il che può sovraccaricare il cuore e i vasi sanguigni, aumentare la pressione sanguigna e aumentare il rischio di malattie cardiovascolari.

Ma a che punto l’assunzione di sale smette di aiutare e di iniziare a ostacolare la nostra salute? Questo rimane un argomento di discussione.

Le attuali raccomandazioni sull’assunzione di sale sono troppo basse?

Mentre le attuali linee guida raccomandano di consumare meno di 2.300 milligrammi di sodio al giorno, uno studio riportato lo scorso mese ha suggerito che anche 3.000 milligrammi di sodio al giorno potrebbero essere troppo poco e mettere a rischio la salute.

Guidati da ricercatori della McMaster University in Canada, lo studio ha rilevato che gli adulti che consumavano meno di 3.000 milligrammi di sale al giorno erano a maggior rischio di infarto, ictus e morte prematura rispetto a quelli con un’assunzione media di sodio.

Per di più, il team ha messo in discussione i rischi per la salute di un’elevata assunzione di sale, scoprendo che solo gli adulti che avevano già la pressione alta erano a maggior rischio di malattie cardiache e ictus con un’elevata assunzione di sale – definita come 6.000 milligrammi al giorno.

“Mentre i nostri dati sottolineano l’importanza di ridurre l’apporto elevato di sale nelle persone con ipertensione, non supporta la riduzione dell’apporto di sale a livelli bassi”, ha concluso il leader dello studio Andrew Mente, della Scuola di Medicina Michael G. DeGroote di McMaster.

Questo non è il primo studio a mettere in discussione le attuali linee guida sull’assunzione di sale; uno studio del 2014 condotto da Michael H. Alderman, dell’Albert Einstein College of Medicine di New York, ha rilevato che ridurre l’assunzione di sale a meno di 2.500 milligrammi al giorno non era legato al ridotto rischio di condizioni di salute associate ad un elevato consumo di sale.

“La scienza è chiara: ridurre il sale abbassa la pressione sanguigna”

Nonostante tali risultati, la FDA conclude che esiste un “corpo schiacciante di prove scientifiche” che ridurre l’assunzione giornaliera di sodio a meno di 2.300 milligrammi può prevenire i rischi per la salute di una dieta ad alto contenuto di sale.

“Gli esperti dell’Istituto di Medicina hanno concluso che ridurre l’assunzione di sodio a 2.300 milligrammi al giorno può aiutare significativamente gli americani a ridurre la pressione sanguigna e infine a prevenire centinaia di migliaia di malattie e decessi prematuri”, osserva Susan Mayne, Ph.D., direttore di il centro per la sicurezza alimentare e la nutrizione applicata della FDA.

[Mangia meno sale]

Inoltre, l’organizzazione punta a studi precedenti che hanno suggerito di ridurre l’assunzione di sodio negli Stati Uniti di circa il 40% nei prossimi 10 anni, in grado di salvare circa 500.000 vite e ridurre i costi sanitari di circa $ 100 miliardi.

Il CDC fa eco alla visione della FDA sulla riduzione dell’assunzione di sale. “La scienza è chiara: ridurre il sale abbassa la pressione sanguigna”, afferma il dott. Frieden, “e l’ipertensione è un importante fattore di rischio per le malattie cardiovascolari”.

Parlando all’inizio di questo mese, Dr.Frieden ha riconosciuto che ci sono un certo numero di ricercatori che non sono d’accordo sul fatto che ridurre l’assunzione di sale migliora gli esiti di salute, ma sostiene che gli studi citati hanno “difetti fatali”.

Spiegando quali sono i difetti cui si riferisce il Dr. Frieden, la nutrizionista Cheryl Anderson, membro del Comitato consultivo sulle linee guida dietetiche 2015, ha detto che molti degli studi che citano gli effetti negativi delle diete a basso contenuto di sale hanno utilizzato solo un piccolo numero di campioni di urina per raggiungere il loro conclusioni, il che significa che i risultati potrebbero essere fuorvianti.

Inoltre, Anderson ha detto che alcuni di questi studi potrebbero essere soggetti a “causalità inversa”, dove invece di diete a basso contenuto di sale che causano malattie cardiovascolari, potrebbe essere che tali malattie inducano le persone a consumare diete a basso contenuto di sale.

Sono necessarie ulteriori indagini sul consumo di sale

Mentre sembra che molti esperti di salute siano a favore delle strategie governative per ridurre l’assunzione di sale da parte del pubblico in generale, altri ritengono che debba essere condotta più ricerca sugli effetti a lungo termine sulla salute delle diete a basso contenuto di sale prima di formulare raccomandazioni.

Inoltre, molti ricercatori e organizzazioni – compresa la GMA (Grocery Manufacturers Association) – ritengono che siano necessarie ulteriori ricerche per individuare l’esatta assunzione di sale che è più vantaggiosa per la salute.

“Come gli altri dentro e fuori dal governo, crediamo che sia necessario ulteriore lavoro per determinare la gamma accettabile di assunzione di sodio per una salute ottimale”, afferma Leon Bruner, responsabile scientifico della GMA.

“Questa valutazione dovrebbe includere la ricerca che indica i rischi per la salute per le persone che consumano troppo sodio e rischi per la salute dal consumare troppo poco sodio”.

Sulla base delle prove attuali, sembra che seguire le attuali linee guida dietetiche per l’assunzione di sale sia il modo migliore per ridurre i rischi per la salute associati all’alto consumo di sale.

Resta da vedere se tali raccomandazioni verranno mai smentite.

Like this post? Please share to your friends: