Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Scansioni PET: usi, rischi e procedure

Una tomografia ad emissione di positroni, nota anche come scansione PET, utilizza la radiazione per mostrare l’attività all’interno del corpo a livello cellulare.

È più comunemente usato nel trattamento del cancro, neurologia e cardiologia.

Combinato con una scansione TC o MRI, una scansione PET può produrre immagini a colori multidimensionali dei meccanismi interni del corpo umano.

Mostra non solo l’aspetto di un organo, ma come funziona.

Una scansione PET viene utilizzata per diagnosticare determinate condizioni di salute, per pianificare il trattamento, per scoprire come si sta sviluppando una condizione esistente e per vedere quanto sia efficace un trattamento.

Dati rapidi sulle scansioni PET

Ecco alcuni punti chiave sulle scansioni PET. Maggiori dettagli sono nell’articolo principale.

  • Le scansioni PET vengono spesso utilizzate per diagnosticare una condizione o per tenere traccia di come si sta sviluppando.
  • Usato insieme a una scansione TC o MRI, può mostrare come funziona una parte del corpo.
  • Le scansioni PET sono spesso utilizzate per studiare l’epilessia, il morbo di Alzheimer, il cancro e le malattie cardiache
  • Una scansione non è dolorosa, ma i pazienti non devono consumare cibo per almeno 4 o 6 ore prima di una scansione. Dovrebbero bere molta acqua.

Come funziona

Scansione animale

In una scansione PET, una macchina rileva la radiazione emessa da un radiotracciante.

Un radiotracciante è costituito da materiale radioattivo che viene etichettato su una sostanza chimica naturale, come il glucosio.

Questo radiotracciante viene iniettato nel corpo, dove viaggia verso le cellule che usano il glucosio per produrre energia.

Più energia ha bisogno di un gruppo di cellule, più il radiotracciante si accumulerà in quella posizione. Questo verrà visualizzato su immagini che vengono ricostruite da un computer.

Le celle o l’attività verranno visualizzate come “punti caldi” o “punti freddi”.

Le aree attive sono luminose su una scansione PET. Sono conosciuti come “punti caldi”.

Dove le cellule hanno bisogno di meno energia, le aree saranno meno luminose. Questi sono “punti freddi”.

Rispetto alle cellule normali, le cellule tumorali sono molto attive nell’uso del glucosio, quindi un radiotracciante a base di glucosio illuminerà le aree del cancro.

Un radiologo esaminerà l’immagine prodotta sul computer e riferirà i risultati a un medico.

Un esempio di radiotracciante a base di glucosio è il fluorodesossiglucosio (FDG). In FDG, le molecole di fluoruro radioattivo sono marcate con glucosio per formare un radiotracciante. FDG è il radiotracciante più comunemente usato oggi.

Invece di glucosio, può essere usato l’ossigeno.

usi

Prognosi del PET

Le scansioni PET vengono spesso utilizzate con scansioni TC o MRI per aiutare a formulare una diagnosi o ottenere maggiori dati su una condizione di salute e sullo stato di avanzamento di qualsiasi trattamento.

Mentre una risonanza magnetica o TC mostra come appare una parte del corpo, una scansione PET può rivelare come sta funzionando.

Le scansioni PET sono comunemente utilizzate per indagare su una serie di condizioni.

Epilessia: può rivelare quale parte del cervello sta interessando l’epilessia.

Questo può aiutare i medici a decidere il trattamento più adatto e può essere utile se è necessario un intervento chirurgico.

Malattia di Alzheimer: le scansioni PET possono aiutare a diagnosticare la malattia di Alzheimer misurando l’assorbimento di zucchero in specifiche parti del cervello.

Le cellule cerebrali che sono affette dal morbo di Alzheimer tendono a utilizzare il glucosio più lentamente rispetto alle cellule normali.

Cancro: le scansioni PET possono rivelare la presenza e lo stadio di un tumore, mostrare se e dove si è diffuso e aiutare i medici a decidere sul trattamento.

Una scansione PET può dare un’idea di quanto sia efficace la chemioterapia e può rilevare un tumore ricorrente prima di altre tecniche.

Malattie cardiache: una scansione PET può aiutare a rilevare quali parti del cuore sono state danneggiate o cicatrizzate e può aiutare a identificare problemi di circolazione nel funzionamento del cuore.

Queste informazioni possono aiutare a pianificare le opzioni di trattamento per le malattie cardiache.

Ricerca medica: i ricercatori possono apprendere informazioni vitali utilizzando le scansioni PET, in particolare sul funzionamento del cervello.

Differenze tra le scansioni PET, CT e MRI

Una scansione TC o RM può valutare le dimensioni e la forma degli organi e dei tessuti corporei, ma non è possibile valutare come funzionano.

Una scansione PET può mostrare come funziona un organo, ma senza un’immagine CT o MRI, può essere difficile individuare la posizione esatta dell’attività all’interno del corpo.

La combinazione di una scansione PET con una scansione TC può dare un’immagine più completa della situazione del paziente

Procedura

Immagine PET

Una scansione PET è normalmente una procedura ambulatoriale.

Normalmente, il paziente non deve consumare cibo per almeno 4 o 6 ore prima della scansione, ma dovrebbe bere molta acqua. Potrebbe dover evitare la caffeina per almeno 24 ore prima della scansione.

In primo luogo, il medico inietterà una piccola quantità di radiotracciante in una vena. Il tracciante può anche essere respirato come un gas, assunto per bocca o iniettato direttamente in un organo.

A seconda di quale organo è coinvolto, potrebbero essere necessari dai 30 ai 90 minuti affinché il radiotracciante raggiunga la parte mirata del corpo.

Nel frattempo, al paziente verrà normalmente chiesto di rimanere fermo e di non parlare. Alcuni pazienti possono ricevere farmaci per rilassarsi.

Probabilmente il paziente dovrà indossare un abito e potrebbe dover rimuovere i gioielli.

Quando il paziente è pronto, verrà portato a una scansione speciale della stanza per la scansione. Si sdraieranno su un lettino da visita imbottito.

Il tavolo scorre in un ampio foro in modo che il paziente sia circondato dalla macchina.

Il paziente dovrà rimanere il più fermo possibile. Potrebbero essere in grado di ascoltare la musica.

Durante la scansione, la macchina acquisisce immagini.

A seconda di quale parte del corpo viene sottoposta a scansione, questa operazione dovrebbe richiedere circa 30 minuti.

Non è doloroso. Se il paziente non si sente bene, può premere un cicalino per avvisare il personale.

Un operatore qualificato osserverà il paziente durante la scansione.

L’intera procedura di test richiede in genere circa 2 ore. La maggior parte dei pazienti può tornare a casa non appena la scansione è terminata.

I pazienti dovrebbero consumare un sacco di liquidi per lavare i farmaci radioattivi dal loro sistema più rapidamente. I radiotraccianti dovrebbero aver lasciato il corpo completamente entro 3 o 4 ore.

rischi

Esiste il rischio di esposizione alle radiazioni.

Per la maggior parte delle persone, i vantaggi di avere una scansione PET superano i rischi.

Tuttavia, poiché un PET coinvolge materiale radioattivo, non è adatto a tutti.

Normalmente, una donna incinta non dovrebbe avere una scansione PET, poiché il materiale radioattivo può influenzare il feto o il bambino.

Se una donna allatta al seno, deve seguire le istruzioni per pompare e scartare il latte materno e chiedere al medico quando è sicuro riprendere l’allattamento al seno in base al test eseguito.

Qualsiasi donna incinta o che allatta deve dirlo immediatamente al medico prima di sottoporsi a una PET.

A seguito di una scansione PET, un paziente può essere consigliato di stare lontano da donne incinte, neonati e bambini piccoli per alcune ore, in quanto la radioattività presenta un rischio ridotto.

Molto raramente, un individuo può avere una reazione allergica al tracciante.

Like this post? Please share to your friends: