Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Scatti di adrenalina possono causare danni a lungo termine

Dare un colpo pre-ospedaliero di adrenalina, noto anche come epinefrina, a qualcuno con arresto cardiaco può aiutare a ristabilire il ricircolo nel breve periodo, ma potrebbe danneggiarlo a lungo termine, secondo un nuovo grande studio dal Giappone pubblicato in JAMA il Mercoledì che suggerisce che potrebbe essere un caso di salvare il cuore a costo del cervello.

Quando qualcuno ha un arresto cardiaco, il loro cuore smette di pompare sangue e se non ricevono la rianimazione cardiopolmonare (RCP) entro pochi minuti, probabilmente moriranno. Quando il personale dei servizi di emergenza assiste a una tale perdita, a volte danno una dose di adrenalina per aiutare a far iniziare il cuore, prima che arrivino all’ospedale.

Ma i ricercatori Akihito Hagihara, del Dipartimento di gestione e politica dei servizi sanitari della Kyushu UniversityGraduate School of Medicine, e colleghi, scrivono nelle loro informazioni di base che l’efficacia dell’uso dell’epinefrina prima dell’arrivo in ospedale non è stata stabilita.

Hanno esaminato i dati del registro in Giappone dal 2005 al 2008 su 417.188 adulti di età pari o superiore a 18 anni che hanno avuto un arresto cardiaco fuori dall’ospedale prima dell’arrivo del personale dei servizi di emergenza, che sono stati trattati dai servizi di emergenza e portati all’ospedale.

Hanno valutato la relazione tra l’uso pre-ospedaliero dell’epinefrina e diverse misure di esito: come il ritorno del circolo prima dell’arrivo in ospedale; sopravvivenza a 1 mese dopo l’arresto cardiaco; e sopravvivenza con e senza danni cerebrali o problemi neurologici.

Scoprirono che mentre l’uso di epinefrina era legato a una maggiore possibilità di ripristinare la circolazione, entro un mese, i pazienti di questo tipo avevano più probabilità di essere morti, o essere stati lasciati con danni cerebrali o problemi neurologici.

Il danno al cervello può verificarsi dopo un arresto cardiaco a causa della mancanza di sangue al cervello.

I ricercatori hanno scoperto che la circolazione è tornata nel 18,5% dei pazienti che hanno ricevuto epinefrina prima di raggiungere l’ospedale, e solo nel 5,7% chi no.

Ma le probabilità di essere vivi un mese dopo l’arresto cardiaco erano un 54% in meno significativo (odds ratio aggiustato 0,46) nei pazienti che ricevevano epinefrina pre-ospedaliera, che erano anche il 68% significativamente meno probabilità di sopravvivere senza una qualche forma di cervello o neurologico problemi un mese dopo.

Questi risultati erano ancora significativi quando i ricercatori hanno preso in considerazione i possibili fattori di influenza, come se la RCP fosse stata trasmessa da un terzo o da un paramedico, quanto tempo era stato dato e altre differenze tra i pazienti.

I ricercatori hanno concluso che in Giappone, tra i pazienti con arresto cardiaco extraospedaliero, “l’uso dell’epinefrina preospedaliera è associato in modo significativo ad una maggiore possibilità di ritorno della circolazione spontanea prima dell’arrivo in ospedale, ma diminuisce le probabilità di sopravvivenza e buoni esiti funzionali 1 mese dopo l’evento. “

In un editoriale di accompagnamento, la dott.ssa Clifton Callaway, dell’Università di Pittsburgh, discute le prove sull’epinefrina durante la RCP.

Dice che i pazienti sono più preoccupati di tornare a casa intatti che di arrivare all’ospedale con un cuore pulsante.

È più probabile che il cuore ricominci a battere di nuovo se gli dai una dose di adrenalina, ma la preoccupazione è sempre lì, che potrebbe danneggiare gli altri organi, osserva.

I ricercatori sottolineano che ci sono alcuni punti deboli nel loro studio: ad esempio, non potevano tenere conto delle differenze nel trattamento ospedaliero e se, ad esempio, i pazienti che non l’avevano ricevuto prima dell’arrivo, ricevevano epinefrina nell’ospedale.

Inoltre, a causa delle differenze tra ciò che accade in Giappone e altrove, non è chiaro fino a che punto è possibile generalizzare i risultati ad altri paesi.

Ad esempio, in Giappone è consuetudine somministrare ai pazienti una sola dose di adrenalina, mentre negli Stati Uniti è più probabile che mantengano la somministrazione ogni pochi minuti fino a quando il cuore ricomincia a battere.

Ciononostante, Callaway afferma che i risultati giustificano ulteriori indagini più rigorose. Ad esempio, potrebbe esserci uno studio in cui i pazienti cardiopatici vengono assegnati in modo casuale a ricevere epinefrina o meno, e quindi seguiti per risultati a lungo termine.

Scritto da Catharine Paddock PhD

Like this post? Please share to your friends: