Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Sclerosi multipla: la carenza di vitamina D può predire l’insorgenza

Un nuovo studio, su larga scala in donne finlandesi suggerisce che la carenza di vitamina D può aumentare in modo significativo il rischio di sclerosi multipla, il che lo rende un marker predittivo affidabile per la malattia. Al contrario, correggere questa carenza può ridurre il rischio.

test della vitamina D

Non è attualmente noto quale sia la causa della sclerosi multipla (SM), una malattia neurologica debilitante che si stima possa interessare 400.000 persone negli Stati Uniti.

Tuttavia, è noto che le donne sono a rischio molto più elevato di sviluppare la malattia rispetto agli uomini. E una nuova ricerca su un ampio campione di donne ha trovato un fattore di rischio: bassi livelli di vitamina D.

Il nuovo studio è stato pubblicato sulla rivista, e il primo autore dell’articolo è il Dr. Kassandra Munger, dell’Harvard T.H. Chan School of Public Health a Boston, MA.

Il Dr. Munger spiega che fino ad oggi, “ci sono stati solo pochi studi che hanno suggerito che i livelli di vitamina D nel sangue possono predire il rischio”. Ma la nuova ricerca esamina una coorte molto più ampia.

Studiare il rischio di vitamina D e MS

Il dott. Munger e colleghi hanno esaminato i dati disponibili dagli esami del sangue di oltre 800.000 donne finlandesi. Il sangue è stato raccolto come parte del test prenatale nella Coorte materna finlandese.

Utilizzando i dati dei registri medici nazionali, i ricercatori hanno anche esaminato quali donne hanno ricevuto una diagnosi di SM durante un periodo di 9 anni.

Di tutti i partecipanti allo studio, 1.092 donne hanno sviluppato sclerosi multipla 9 anni dopo il test del sangue. Il Dr. Munger e il team hanno confrontato queste donne con 2.123 partecipanti allo studio di pari età che non svilupparono la SM.

Il team ha definito un deficit di vitamina D inferiore a 30 nanomoli per litro. I livelli insufficienti sono stati considerati compresi tra 30 e 49 nanomoli per litro, mentre i livelli normali sono stati definiti come 50 nanomoli per litro e oltre.

Il dottor Munger e il team hanno utilizzato la regressione logistica condizionale per correggere eventuali fattori confondenti, come l’anno durante il quale è stato prelevato il campione di sangue, il numero di volte in cui la donna era rimasta incinta e il numero di gravidanze trasportate a termine.

La bassa vitamina D aumenta il rischio di sclerosi multipla del 43 percento

Tra i partecipanti con SM, il 58% aveva carenza di vitamina D. In confronto, il 52% delle donne che non hanno sviluppato la SM aveva livelli di vitamina carenti. Le donne finlandesi hanno storicamente riferito di avere bassi livelli di vitamina D.

È interessante notare che i ricercatori hanno scoperto che le donne con carenza di vitamina D avevano il 43% in più di probabilità di sviluppare la SM rispetto alle loro controparti che avevano livelli normali di vitamina.

Le donne con questa carenza avevano anche il 27% di probabilità in più di sviluppare la SM rispetto alle donne che avevano livelli insufficienti.

Inoltre, lo studio ha rilevato che con ogni aumento di vitamina D di 50 nanomoli per litro, il rischio di sclerosi multipla diminuiva del 39 percento.

“Il nostro studio, che coinvolge un gran numero di donne, suggerisce che la correzione della carenza di vitamina D nelle donne giovani e di mezza età può ridurre il loro rischio futuro di SM”.

Dr. Kassandra Munger

Punti di forza e limiti dello studio

I punti di forza dello studio includono il campione della popolazione di grandi dimensioni e i registri medici nazionali utilizzati per raccogliere i dati, che, come spiegano gli autori, hanno ridotto al minimo gli errori di selezione.

Gli autori evidenziano anche potenziali limiti alla loro ricerca. In primo luogo, il campione dello studio, sebbene di grandi dimensioni, era limitato alle donne bianche. Per questo motivo, i risultati potrebbero non essere applicabili a uomini o persone di altre origini etniche.

In secondo luogo, il team rileva la possibilità di una causa inversa, ovvero che i partecipanti allo studio avevano già la SM, ma senza alcun sintomo, quando si sono arruolati nello studio.

Tuttavia, sottolineano che determinare i livelli sierici di vitamina D a una media di 9,3 anni prima di ricevere una diagnosi di SM, come hanno fatto nello studio, ha notevolmente ridotto questa possibilità.

“Sono necessarie ulteriori ricerche sulla dose ottimale di vitamina D per ridurre il rischio di sclerosi multipla”, spiega il dott. Munger. “Ma il tentativo di raggiungere la sufficienza della vitamina D nel corso della vita di una persona probabilmente avrà molteplici benefici per la salute”.

Like this post? Please share to your friends: