Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Scoperta della schizofrenia: arrestare la degradazione delle proteine ​​è fondamentale

Una nuova ricerca pubblicata ha esaminato il ruolo potenziale delle nuove proteine ​​nel trattamento futuro della schizofrenia. Interrompere il degrado di una specifica proteina potrebbe essere la chiave.

Filo del cervello e del DNA

La schizofrenia è una condizione altamente distruttiva che colpisce circa 1 persona su 100 nel corso della loro vita. È caratterizzato da una disconnessione tra pensieri, comportamenti ed emozioni.

Nonostante l’impatto di circa l’1% delle persone negli Stati Uniti, le sue cause esatte non sono completamente comprese e non possono ancora essere curate. In realtà, non ci sono state scoperte significative nel trattamento della schizofrenia da oltre mezzo secolo.

L’attuale trattamento farmacologico si concentra principalmente sulla riduzione dei sintomi, con i farmaci più comunemente usati come antipsicotici. Questi farmaci non funzionano bene per alcuni pazienti e ci sono effetti collaterali significativi, specialmente se presi in molti anni.

Sebbene le cause alla base della condizione siano ancora un mistero, ci sono alcuni fattori che sono noti per svolgere un ruolo: uno dei quali è la genetica. Ad esempio, la schizofrenia colpisce il 10 per cento delle persone con un parente di primo grado che ha la condizione, segnando un aumento del rischio di 10 volte rispetto alla popolazione generale.

DISC1 e schizofrenia

Nel corso degli anni, alcuni geni e proteine ​​hanno avuto un ruolo nello sviluppo della schizofrenia. Di particolare interesse è una proteina chiamata disgregata nella schizofrenia 1 (DISC1), che è codificata da un gene con lo stesso nome.

Questa proteina ha una serie di ruoli vitali, tra cui regolazione della proliferazione cellulare, differenziazione e migrazione e crescita dei nervi. Gli individui con schizofrenia ereditaria hanno livelli più bassi di DISC1 funzionante.

Un recente studio, condotto presso l’Università di Glasgow, nel Regno Unito, ha studiato un modo per mantenere livelli più alti di questa proteina nel corpo.

L’autore principale George Baillie, professore di farmacologia molecolare presso l’Istituto universitario di scienze cardiovascolari e mediche, afferma: “Abbiamo esaminato il turnover di DISC1 nel cervello e scoperto che è stato rapidamente prodotto e quindi degradato dalle cellule cerebrali”.

“Abbiamo pensato, se potessimo fermare la distruzione naturale del DISC1, le persone con bassi livelli lo vedrebbero naturalmente aumentare”.

Per fare questo, i ricercatori hanno studiato il ruolo di una proteina F-box chiamata FBXW7. Le proteine ​​F-box svolgono un ruolo nell’ubiquitinazione, cioè l’aggiunta di una piccola molecola chiamata ubiquitina alle proteine. L’ubiquitina identifica una proteina per l’attenzione degli enzimi, segnalandone la degradazione. In altre parole, l’ubiquitina segna una proteina per la morte. Nello specifico, FBXW7 etichetta DISC1 per la distruzione.

Hanno ipotizzato che se potessero impedire l’interazione tra FBXW7 e DISC1, potrebbero essere in grado di minimizzare la rottura del DISC1, aumentando i livelli complessivi della proteina.

Inibizione dell’analisi DISC1

Per questo studio, hanno preso le cellule dai pazienti con schizofrenia e li hanno convertiti in cellule cerebrali. Successivamente, hanno aggiunto un peptide inibitorio – cioè una catena corta di aminoacidi – che impedisce a FBXW7 di abbattere il DISC1.

Come previsto, l’introduzione del nuovo peptide ha ridotto la rottura del DISC1, mantenendolo a un livello normale.

“Utilizzando il nostro peptide, possiamo ora ripristinare le concentrazioni di DISC1 nelle cellule cerebrali derivate dal paziente psichiatrico ai livelli dei soggetti di controllo. […] Siamo fiduciosi che il nostro peptide possa essere un trampolino verso un nuovo terapeutico in futuro per contrastare questo bisogno insoddisfatto. “

Prof. George Baillie

I risultati sono eccitanti e, poiché il trattamento con la schizofrenia non è avanzato da così tanto tempo, un barlume di speranza è esattamente ciò di cui il campo ha bisogno. Tuttavia, l’eccitazione deve essere trattata con cautela; c’è una lunga distanza tra questi risultati e la loro conversione in un farmaco utilizzabile.

Come chiarisce il Prof. Baillie, “Per quanto positiva sia la nostra scoperta, abbiamo un modo per andare tra i risultati di laboratorio e l’applicazione clinica, ma siamo fiduciosi che la nostra ricerca sia il primo passo verso un potenziale nuovo trattamento farmacologico per una serie di malattie psichiatriche. “

Like this post? Please share to your friends: