Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Scoppi di rabbia possono aumentare il rischio di infarto

Probabilmente lo hai visto in un certo numero di film o serie TV: un personaggio ha un’esplosione arrabbiata prima di stringersi il petto e cadere a terra – stanno avendo un infarto. Ma un nuovo studio mostra che tali ritratti non sono lontani dalla verità; episodi di rabbia intensa possono davvero innescare un attacco di cuore, in particolare per quelli ad alto rischio.

Un uomo arrabbiato

Condotto da ricercatori dell’Università di Sydney in Australia, lo studio rivela anche che questo aumento del rischio di attacco cardiaco, o infarto del miocardio (MI), dura per 2 ore dopo un episodio di rabbia intensa.

Il legame tra rabbia e aumentato rischio di infarto non è nuovo. Nel marzo 2014, uno studio condotto da ricercatori della Harvard School of Public Health a Boston, Massachusetts, ha suggerito che le esplosioni di rabbia potrebbero aumentare il rischio di infarto, ictus e altri eventi cardiovascolari.

“I nostri risultati confermano ciò che è stato suggerito negli studi precedenti e prove aneddotiche, anche nei film – che gli episodi di rabbia intensa possono agire come innesco per un attacco di cuore”, dice l’autore principale di questo ultimo studio Dr. Thomas Buckley, di Sydney Scuola infermieristica presso l’Università di Sydney.

Negli Stati Uniti, circa 735.000 persone hanno un attacco di cuore ogni anno, e circa 525.000 di questi sono i primi attacchi di cuore.

I fattori di rischio comuni per l’attacco cardiaco includono l’ipertensione, i livelli di colesterolo alto e il fumo. Ma sempre più spesso, i ricercatori stanno studiando come i fattori psicologici possono scatenare l’infarto.

Episodi di rabbia, l’ansia può aumentare il rischio di infarto di oltre nove volte

Per raggiungere le loro scoperte, che sono pubblicate nel, il Dr. Buckley e il suo team hanno reclutato 313 partecipanti con occlusione coronarica acuta – un blocco in un’arteria che fornisce al muscolo cardiaco sangue, normalmente causato da trombosi o ateroma.

Tutti i partecipanti sono stati ricoverati in un centro di angioplastica primaria a Sydney tra il 2006 e il 2012 con un sospetto infarto.

Nei 4 giorni seguenti l’ammissione, i partecipanti sono stati interrogati sulle loro attività nelle 48 ore precedenti l’insorgenza dei sintomi. Gli è stato chiesto di valutare i loro livelli di rabbia durante queste 48 ore su una scala da 1 a 7, con 1 che indica “calmo” e 7 che indica “infuriato, fuori controllo, lanciare oggetti, ferire se stessi o gli altri”.

Lo studio rivela che i pazienti che hanno sperimentato periodi di rabbia in scala 5 (che indica “molto arrabbiato, tensioni corporee, pugni o denti serrati, pronti a scoppiare”) o sopra nelle 48 ore precedenti l’insorgenza dei sintomi erano 8,5 volte più probabilità di avere un attacco di cuore nelle 2 ore dopo uno sfogo.

Inoltre, il team ha scoperto che le persone che hanno sperimentato elevati livelli di ansia nelle 48 ore prima dell’insorgenza dei sintomi erano 9,5 volte più probabilità di avere un attacco di cuore entro le successive 2 ore.

Il Dr. Buckley dice che episodi di rabbia o ansia possono causare un aumento della frequenza cardiaca, un’alta pressione sanguigna, un restringimento dei vasi sanguigni e un aumento della coagulazione, ognuno dei quali può essere un innesco di infarto.

Commentando i loro risultati, i ricercatori dicono:

“Questo studio si aggiunge alla piccola, ma crescente, il corpo di prove che collegano trigger emotivo acuto con insorgenza di infarto miocardico. Studi futuri che identificano i più vulnerabili durante i periodi di esposizione emozionale possono migliorare i modelli predittivi per quando avverrà e informare le future terapie preventive romanzo di MI “.

L’autore senior dello studio, Prof. Geoffrey Tofler, della Sydney Medical School presso l’Università di Sydney, afferma che questi risultati suggeriscono anche che quando si trattano persone ad alto rischio di infarto – come pazienti con malattie cardiache – la loro frequenza di rabbia e ansia dovrebbe essere considerata .

Cosa si può fare per prevenire attacchi di cuore indotti dall’ira o dall’ansia?

Il prof. Tofler sostiene che l’allenamento per ridurre lo stress e ridurre la frequenza e l’intensità degli episodi di rabbia potrebbe essere una strategia utile per prevenire attacchi di cuore indotti dall’ira o dall’ansia, così come evitare attività che scatenano reazioni intense – come lo scontro arrabbiato.

Egli osserva che il miglioramento della salute generale generale attraverso la riduzione dei fattori di rischio associati all’infarto – come l’ipertensione, il fumo e livelli elevati di colesterolo – è anche una buona strategia preventiva.

Per i soggetti ad alto rischio di infarto, il prof. Tofler afferma che esiste la possibilità che l’uso di farmaci come l’aspirina o i beta-bloccanti al momento di un episodio di ansia o rabbia possa ridurre il rischio di attacco cardiaco, anche se dice che questo è qualcosa che lui e i suoi colleghi stanno attualmente indagando.

“Il nostro messaggio alle persone è che devono essere consapevoli del fatto che un’esplosione di forte rabbia o ansia potrebbe portare a un evento coronarico, quindi prendere in considerazione strategie preventive dove possibile”, aggiunge.

Like this post? Please share to your friends: