Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Scoprire un pattern stagionale nel disturbo bipolare I sintomi possono avere implicazioni per una migliore gestione

Circa un quinto delle persone con disturbo bipolare, per lo più quelle con bipolare II, trova i loro sintomi in cera e calano con le stagioni. Benito Mussolini fu un primo esempio. Nella sua biografia del dittatore italiano Margarita Sarfati ha scritto: “Era tranquillo per mesi e mesi, ma poi è arrivata la stagione travagliata (primavera) quando la linfa è salito ed è stato sopraffatto da uno sciame di potenti e oscuri istinti”. Lo psichiatra Dr Athanasios Koukopoulos, del Centro Lucio Bini, a Roma, Italia che ha studiato Mussolini, dice: “Questo modello bipolare stagionale con massimi primavera-estate che lo hanno portato a credere in facili vittorie, e le depressioni invernali mascherate da dolori di stomaco sono chiaramente documentate dal 1938 in poi. ” (1)

Influenze stagionali, in particolare luce e temperatura, spesso influenzano l’umore anche nelle persone con depressione unipolare. La depressione affettiva stagionale (SAD) è ora un disturbo ben noto suscettibile di terapia della luce. È stato difficile valutare fino a che punto i pazienti bipolari stiano vivendo una normale variazione stagionale dell’umore in aggiunta al loro disturbo sottostante da un cambiamento più profondo dei sintomi bipolari innescato dalla stagionalità. La dott.ssa Karen Shin e colleghi dell’Università di Toronto, tuttavia, hanno tentato di mettere in evidenza la differenza (2). Hanno esaminato la gravità degli effetti della stagionalità in cinque gruppi di persone: soggetti normali senza psicopatologia, quelli con depressione non stagionale, quelli con depressione stagionale, quelli con disturbo bipolare stagionale e quelli con disturbo bipolare non stagionale. I ricercatori hanno utilizzato il questionario sulla valutazione del pattern stagionale (SPAQ) e hanno riscontrato una differenza di quasi tre volte nella gravità tra soggetti normali e persone con disturbo bipolare stagionale. Quest’ultimo gruppo ha registrato il più alto grado di fluttuazione stagionale. Tuttavia, anche il gruppo bipolare non stagionale ha mostrato tanta fluttuazione rispetto alle persone con depressione stagionale.

Implicazioni di stagionalità per la gestione bipolare

La domanda a cui i sofferenti bipolari e gli psichiatri ora hanno bisogno di una risposta è se la conoscenza di un modello stagionale nel disturbo bipolare possa essere utilizzata per influenzare la gestione clinica.

Il dott. Jose Goikolea e colleghi dell’Universitat Autonoma de Barcelona, ​​in Spagna, hanno recentemente condotto un follow-up di 10 anni su 325 pazienti bipolari per vedere come avere un modello stagionale ha interessato i pazienti a lungo termine (3). Lo studio è stato presentato a maggio 2007 presso l’International Review of Bipolar Disorders meeting in Rome, Italy. I ricercatori hanno identificato 77 pazienti (23,7%) che si erano presentati per la prima volta con disturbo bipolare stagionato. Oltre alla loro predisposizione alle influenze stagionali, non differivano in altri modi da altri pazienti bipolari.

Anche se lo studio è stato condotto in Catalogna, un’area con minima fluttuazione della luce, i ricercatori hanno scoperto che il disturbo bipolare di tipo stagionale era più probabile che avesse un impatto come un’aumentata frequenza di episodi depressivi nei pazienti bipolari II. I pazienti bipolari II hanno anche riscontrato maggiori patologie stagionali nelle regioni settentrionali in uno studio prospettico condotto da ricercatori dell’Università di Pittsburgh negli Stati Uniti (4).

È stato riscontrato che i pazienti stagionati nello studio spagnolo hanno più probabilità di presentarsi con depressione e di soffrire di episodi di sintomi prevalentemente depressivi (3). Avevano anche maggiori probabilità di avere una più alta frequenza di episodi depressivi e un decorso più lungo della loro malattia ed erano meno propensi ad avere episodi maniacali o psicotici. Tuttavia, non erano più probabili dei pazienti bipolari senza un pattern stagionale ai loro sintomi di suicidarsi o richiedere il ricovero in ospedale o di mostrare un risultato peggiore in termini di altri aspetti della vita. Non c’è stata differenza tra pazienti maschi e femmine in questi aspetti (3)

Dr Goikolea ritiene che lo studio abbia implicazioni per la gestione futura dei pazienti che mostrano un andamento stagionale. “C’è un vantaggio nel sapere quando la malattia dei pazienti mostra uno schema stagionale perché è possibile prevedere quando è probabile che si ammali”. Ciò potrebbe portare all’istigazione di una dose stabilizzante dell’umore della terapia utilizzata per gestire la depressione laddove ciò si è dimostrato efficace in ogni contesto, ha suggerito.

“I medici saranno in grado di anticipare quando un paziente si ammala e modificare di conseguenza il farmaco di mantenimento”, ha suggerito. Un antidepressivo profilattico senza proprietà stabilizzanti dell’umore può essere meno utile.

Altri ricercatori ritengono inoltre che la conoscenza della stagionalità abbia importanti implicazioni per la gestione della malattia bipolare nei bambini e negli adolescenti. Per esempio, il dott. Demitri e Janice Papolos scrivono: “I livelli di farmaci che precedentemente producevano la stabilizzazione potrebbero non essere altrettanto efficaci durante i periodi di cambiamento del ciclo luce / buio (5). Le strategie di trattamento potrebbero dover essere riviste durante questi periodi di vulnerabilità stagionale, “loro suggeriscono. “Le dosi di alcuni farmaci potrebbero dover essere regolate verso l’alto o verso il basso, a seconda degli attributi del farmaco e del modello di cambiamento dei sintomi stagionali”.

Non sono stati ancora condotti studi per dimostrare se gli aggiustamenti della dose stagionale influenzano o meno gli esiti clinici nel disturbo bipolare, ma questa domanda sarà sicuramente affrontata presto. Se l’ipotesi, che l’aggiustamento della dose stagionale può fornire maggiore stabilità e controllo, si dimostra corretto, una percentuale sostanziale di pazienti bipolari potrebbe guardare avanti ad un miglioramento significativo nella gestione della loro malattia.

Riferimenti

1.Koukopoulos A. Bipolarità e storia: Benito Mussolini. 7 ° Rassegna internazionale degli abstract sui disturbi bipolari 2007, p21.
2.Shin K et al. Stagionalità in un campione comunitario di soggetti bipolari, unipolari e di controllo. J Affective Disord 2005; 86: 19-25.
3.Goikolea JM et al. Implicazioni cliniche e prognostiche del pattern stagionale nel disturbo bipolare: un follow-up a 10 anni di 325 pazienti. 7a Rassegna internazionale degli abstract sui disturbi bipolari 2007, p.67.
4. Friedman E et al. Cambiamenti stagionali in stato clinico nel disturbo bipolare: uno studio prospettico nel 1000 Programma di miglioramento sistematico del trattamento per pazienti con disturbo bipolare (STEP-BD). Acta Psychiatr Scan 2006; 113: 510-517.
5.5. Papolos J e Papolos DF. Marzo follia, slide di settembre: gli aspetti stagionali del disturbo bipolare ad insorgenza precoce. The Bipolar Child Newsletter, vol. 20, giugno 2006.

Scritto da: Olwen Glynn Owen
Olwen su macline.co.uk

Like this post? Please share to your friends: