Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Sedersi danneggia la salute del cervello, indipendentemente dall’esercizio

Troppa seduta potrebbe non essere buona per il cervello, secondo uno studio preliminare degli adulti che hanno raggiunto la mezza età e oltre.

donna più anziana che si siede con il computer portatile

Ricercatori dell’Università della California a Los Angeles (UCLA) hanno scoperto che tra 35 adulti di età compresa tra 45 e 75 anni senza demenza, quelli che passavano più tempo seduti nel corso della giornata avevano un maggiore assottigliamento del lobo temporale mediale.

Questa è un’area del cervello che è importante per creare nuovi ricordi.

Anche gli alti livelli di attività fisica non hanno fatto la differenza, concludono gli autori, in un rapporto sulle loro scoperte che è ora pubblicato sulla rivista.

Lo studio aggiunge un crescente numero di prove che suggeriscono che troppe sedute possono aumentare il rischio di malattie cardiache, diabete e altre malattie, anche tra coloro che sono fisicamente attivi.

L’autore senior dello studio David Merrill, un assistente professore clinico di psichiatria e scienze bio-comportamentali presso l’UCLA, e colleghi propongono che ulteriori ricerche dovrebbero ora essere fatte per vedere se la riduzione del comportamento sedentario inverta l’effetto che hanno trovato.

Pochi studi sul rischio di sedersi e demenza

Nel loro background di studio, gli autori fanno riferimento alla crescente quantità di letteratura che suggerisce che l’esercizio fisico potrebbe ritardare lo sviluppo della malattia di Alzheimer e altre forme di demenza e può giovare alla struttura del cervello.

Una spiegazione che è stata suggerita per questo effetto è che l’attività fisica aumenta il flusso di sangue nel cervello, che, a sua volta, aiuta la crescita di nuove cellule nervose e compensa il declino della struttura e della funzione.

Ma rispetto al volume della letteratura sull’impatto dell’esercizio, “c’è una scarsità di ricerche sulla relazione tra comportamento sedentario e rischio di demenza” e solo pochi studi hanno esaminato l’effetto “meccanicistico” sul cervello, osservano gli autori .

Questo dovrebbe essere motivo di preoccupazione, sostengono – specialmente perché è stato suggerito che circa il 13% del carico globale della malattia di Alzheimer potrebbe essere dovuto al fatto di trascorrere troppo tempo seduto.

Sulla base di tale stima, calcolano che ridurre il comportamento sedentario del 25% “potrebbe potenzialmente prevenire più di 1 milione di” casi di malattia di Alzheimer in tutto il mondo.

Il team ha deciso di concentrarsi sul lobo temporale mediale perché è noto che questa area del cervello diminuisce con l’età e questo porta a problemi di memoria.

Inoltre, notano, una maggiore “capacità aerobica” è stata legata a un maggior volume dell’ippocampo, un’area del lobo temporale mediale che è stata “pesantemente studiata” ed è importante per la memoria.

La seduta può compromettere il cervello nonostante l’esercizio

Per il loro studio, i ricercatori hanno esplorato i collegamenti tra lo spessore del lobo temporale mediale, l’esercizio e il tempo di seduta in 25 donne e 10 uomini di età compresa tra 45 e 75 anni che non avevano sintomi di demenza.

I dati sulle ore medie trascorse seduti ogni giorno e i livelli di attività fisica provenivano da questionari dettagliati compilati da uomini e donne. Lo spessore del lobo temporale mediale è stato misurato dalle scansioni MRI dei loro cervelli.

Quando hanno analizzato i dati, i ricercatori hanno trovato “[n] o correlazioni significative” tra i livelli di attività fisica e lo spessore del lobo temporale mediale.

Tuttavia, hanno scoperto che le persone più sedentarie avevano meno lo spessore del lobo temporale mediale.

Mentre non hanno studiato i meccanismi attraverso i quali la seduta prolungata potrebbe essere un male per il cervello, gli autori fanno riferimento a un suggerimento che “il comportamento sedentario può avere effetti deleteri sul controllo glicemico”.

Essi ipotizzano che ciò potrebbe comportare una maggiore variabilità della glicemia e portare a una riduzione del flusso sanguigno nel cervello, il che, a sua volta, compromette la salute del cervello.

Sottolineano inoltre che le loro scoperte sono “preliminari” e non provano che una seduta prolungata causi effettivamente una diluizione del lobo temporale mediale. Propongono che:

“Gli studi futuri dovrebbero includere analisi longitudinali ed esplorare meccanismi, così come l’efficacia di comportamenti sedentari decrescenti per invertire questa associazione”.

Like this post? Please share to your friends: