Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Sei modi per toglierti l’acqua dalle orecchie

L’acqua viene più comunemente intrappolata nell’orecchio dopo il nuoto, ma può accadere anche in altri momenti. L’acqua di solito si drena fuori dall’orecchio naturalmente, ma in caso contrario, si potrebbe sviluppare un tipo di infezione chiamata orecchio del nuotatore.

Una persona che ha l’acqua intrappolata nell’orecchio può provare una sensazione di solletico che si estende dall’orecchio alla mascella o alla gola. Potrebbero anche avere problemi di udito e i suoni potrebbero essere attutiti.

Le persone dovrebbero evitare di inserire qualsiasi cosa nel condotto uditivo, come penne, dita, forcine o bastoncini di cotone. Ciò potrebbe danneggiare il delicato rivestimento del condotto uditivo e aumentare il rischio di un’infezione all’orecchio. Ci sono un certo numero di modi sicuri per toglierti l’acqua dalle orecchie.

Rimozione dell’acqua dall’orecchio

ragazzo mettendo in tappi per le orecchie in piscina

Ecco alcuni modi in cui le persone possono rimuovere in modo sicuro l’acqua intrappolata nelle loro orecchie.

  1. Tirare o scuotere il lobo mentre si inclina la testa verso la spalla. Una persona potrebbe anche provare a scuotere la testa da un lato all’altro.
  2. Creare un vuoto inclinando la testa lateralmente e mantenere un palmo stretto a coppa sull’orecchio potrebbe aiutare. Appiattendo rapidamente e tenendo a coppa la mano contro l’orecchio, verrà creato un vuoto che potrebbe estrarre l’acqua.
  3. Applicazione di un impacco caldo all’orecchio. La persona dovrebbe lasciare l’impacco in posizione per circa 30 secondi, rimuoverlo per un minuto e quindi ripetere quattro o cinque volte. Anche sdraiarsi sul lato affetto del corpo può aiutare l’acqua a drenare.
  4. Evaporando l’acqua intrappolata nell’orecchio utilizzando un phon. Una persona dovrebbe impostare il phon al minimo e tenerlo a circa 1 piede dall’orecchio. Tirando giù il lobo dell’orecchio mentre si muove l’essiccatore in un movimento avanti e indietro, il calore dall’essiccatore può far evaporare l’acqua intrappolata.
  5. La combinazione di metà alcool e metà di aceto in gocce auricolari può essere efficace se questi altri rimedi non funzionano. L’alcol aiuta a far evaporare l’acqua, mentre l’aceto può aiutare a prevenire la crescita dei batteri. Usando un contagocce sterile, una persona dovrebbe mettere 3 o 4 gocce della soluzione nell’orecchio. Dopo 30 secondi, dovrebbero inclinare la testa lateralmente per consentire alla soluzione di defluire.
  6. Diluire le gocce auricolari di perossido di idrogeno con acqua. Ancora una volta, una persona dovrebbe usare 3-4 gocce della soluzione. Dopo 2-3 minuti, dovrebbero inclinare il lato interessato della testa, che consentirà al liquido di defluire.

Una persona può fare un impacco caldo immergendo un panno in acqua calda, strizzandolo in modo che non goccioli e tenendolo contro l’orecchio colpito mentre inclini la testa verso il basso.

Nessuno dovrebbe usare nessuno dei metodi che prevedono l’uso di gocce per le orecchie se hanno già un’infezione all’orecchio, un timpano perforato o un padiglione auricolare.

Impedire che l’acqua rimanga intrappolata

Un buon modo per evitare che l’acqua rimanga intrappolata nell’orecchio è indossare un cappuccio o tappi per le orecchie quando si fa il bagno o nuotare, o usare un asciugamano asciutto per pulire le orecchie dopo essere usciti dall’acqua.

I medici raccomandano alle persone che praticano sport acquatici o che si trovano spesso in acqua di indossare i tappi per le orecchie. Scuotere la testa da un lato all’altro dopo essere uscito dall’acqua aiuta anche a drenare l’acqua dalle orecchie.

Rischi di avere acqua nell’orecchio

Se l’acqua è intrappolata nell’orecchio per troppo tempo, una persona può sviluppare un’infezione. L’infezione è generalmente causata da batteri che si trovano in acque inquinate.

Esame dell'orecchio

Le persone sono più a rischio per l’orecchio del nuotatore se nuotano in acqua che contiene alti livelli di batteri, come un lago. Le piscine sono generalmente più sicure in quanto i batteri e i livelli di pH vengono solitamente controllati regolarmente.

Il rischio di sviluppare l’orecchio del nuotatore aumenta anche per le persone che hanno già una condizione cronica della pelle dell’orecchio, come la psoriasi o l’eczema.

L’orecchio ha diversi meccanismi di difesa per proteggere dalle infezioni, ma se queste difese sono sopraffatte, allora può verificarsi l’infezione. Quanto segue può creare condizioni che promuovono l’infezione:

  • Umidità in eccesso nell’orecchio
  • Graffi o tagli nel condotto uditivo
  • Allergie a prodotti per capelli o gioielli

Infezione e altre complicanze

Se si sviluppa un’infezione, una persona può provare intenso prurito e aumento del dolore. L’orecchio potrebbe diventare troppo doloroso al tatto. Una persona può anche sperimentare il drenaggio dei liquidi o una scarica di pus. Una grave infezione può portare a febbre, gonfiore dei linfonodi nel collo e dolore al viso, al collo o ai lati della testa.

Le complicanze dell’orecchio del nuotatore possono includere difficoltà e dolore dell’udito temporanei. Le complicanze rare comprendono infezioni a lungo termine, infezioni profonde dei tessuti, danni alle ossa e alla cartilagine e infezioni che si diffondono al cervello o ai nervi.

Quando vedere un dottore

Un medico dovrebbe essere consultato se il problema persiste per diversi giorni. È particolarmente importante farlo se l’orecchio diventa doloroso e infiammato in quanto può essere infetto. Le infezioni alle orecchie possono essere gravi se non trattate, in quanto possono causare perdita dell’udito o danni alla cartilagine e alle ossa.

Se il dolore è grave o la febbre è presente, una persona dovrebbe consultare immediatamente un medico.

Potrebbe essere necessario consultare un esperto di orecchie se:

  • Un’infezione all’orecchio non è scomparsa 10-14 giorni dopo l’uso di gocce di antibiotico
  • La persona ha perso l’udito
  • Le infezioni persistono ripetutamente

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) raccomandano anche che una persona non tenti di rimuovere il cerume dalle orecchie, poiché è il cerume che aiuta a proteggere l’orecchio dalle infezioni. Chiunque pensi che il proprio condotto uditivo sia bloccato dalla cera dovrebbe consultare un medico.

Like this post? Please share to your friends: