Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Semi di lino è il re, ma non aiuterà i sintomi della menopausa, il cancro al seno

Il seme di lino è ricco di sostanze fitochimiche, tra cui molti antiossidanti. È forse la nostra migliore fonte di lignani, che convertono nel nostro intestino in sostanze che tendono ad equilibrare gli ormoni femminili. Tuttavia, secondo la Mayo Clinic e il North Central Cancer Treatment Group (NCCTG), questa potente “grana” (non tecnicamente) non fornisce alcun vantaggio nell’allentamento delle vampate di calore tra i pazienti affetti da cancro al seno e le donne in postmenopausa.

I semi di lino sono leggermente più grandi dei semi di sesamo e hanno un guscio duro che è liscio e lucido. Il loro colore va dall’ambrato profondo al marrone rossastro a seconda che il lino sia della varietà dorata o marrone. Mentre i semi di lino interi presentano uno scricchiolio tenero, le sostanze nutritive nei semi macinati vengono assorbite più facilmente.

I semi di lino contengono ligans, e ci sono prove che i lignani possono promuovere la fertilità, ridurre i sintomi della peri-menopausa e, eventualmente, aiutare a prevenire il cancro al seno. Tuttavia, questo nuovo studio chiede di differire.

Sandhya Pruthi, M.D., della Breast Diagnostic Clinic della Mayo Clinic e ricercatrice con NCCTG spiega:

“Le vampate di calore sono un sintomo comune durante la transizione della menopausa o dopo il trattamento del cancro della mammella, mentre i nostri dati preliminari del nostro studio pilota del 2007 hanno mostrato una riduzione delle vampate associate al consumo di semi di lino macinato, il nostro nuovo studio non ha comportato una diminuzione significativa in vampate di calore con il consumo di semi di lino rispetto al placebo. “
Lo studio randomizzato, controllato con placebo è stato condotto su 188 donne tra ottobre e dicembre 2009 e non ha rilevato differenze statisticamente significative nei punteggi medi delle vampate di calore tra le donne che assumono semi di lino e quelle che assumono un placebo. I dati preliminari pubblicati nel 2007 dagli investigatori della Mayo Clinic hanno suggerito di consumare quotidianamente 40 grammi di semi di lino schiacciati per aiutare a gestire le vampate di calore.

Il seme di lino ha un profilo simile di vitamine e minerali ai cereali, mentre la quantità di fibre, antiossidanti e acidi grassi Omega-3 nel lino lascia i granuli nella polvere. Inoltre, i semi di lino sono a basso contenuto di carboidrati, il che lo rende ideale per le persone che limitano l’assunzione di amidi e zuccheri. E la sua combinazione di grasso sano e alto contenuto di fibre lo rendono un ottimo alimento per la perdita di peso e la manutenzione. Molte persone a dieta hanno scoperto che il seme di lino è stato una chiave per farli sentire soddisfatti.

Quelle persone che non mangiano pesce o che desiderano assumere integratori di olio di pesce, l’olio di semi di lino forniscono una buona alternativa. Uno studio pubblicato sul Journal of Nutrition ha scoperto che capsule di semi di lino forniscono quotidianamente 3 grammi di acido alfa-linolenico per 12 settimane, una quantità che sarebbe fornita da 3 cucchiai di olio di semi di lino al giorno, aumentando i livelli ematici di EPA del 60% in una popolazione prevalentemente afro-americana con malattia cronica.

I grassi omega-3 sono anche necessari per produrre membrane cellulari flessibili. Le membrane cellulari sono i gatekeeper della cellula, consentendo i nutrienti necessari e promuovendo l’eliminazione dei rifiuti. Sebbene importanti per tutti, le membrane cellulari flessibili sono fondamentali per le persone con diabete poiché le membrane cellulari flessibili sono molto meglio in grado di rispondere all’insulina e di assorbire il glucosio rispetto alle membrane rigide che risultano quando la dieta è ricca di saturi e / o idrogenati (trans) i grassi. Nel colon, i grassi omega-3 aiutano a proteggere le cellule del colon dalle tossine cancerogene e dai radicali liberi, portando a un rischio ridotto di cancro del colon.

Fonti: The Mayo Clinic e The Journal of Nutrition

Scritto da Sy Kraft

Like this post? Please share to your friends: