Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Sindrome da distress respiratorio acuto: cosa devi sapere

La sindrome da distress respiratorio acuto è una condizione grave che si verifica quando il corpo non riceve abbastanza ossigeno dai polmoni.

È una complicazione di un’infezione polmonare esistente, di un infortunio o di una malattia grave. Può progredire rapidamente e può essere fatale.

La condizione è nota anche come sindrome da distress respiratorio (RDS), insufficienza respiratoria ipossiemica acuta (AHRF), edema polmonare non cardiogenico, sindrome da distress respiratorio dell’adulto, polmone umido e polmone del Vietnam, tra gli altri nomi.

L’ARDS può essere serio perché riduce la quantità di ossigeno fornita agli organi del corpo. Può portare a infezioni e polmonite, un polmone collassato, insufficienza renale, debolezza muscolare e confusione.

Gli studi dimostrano che l’ARDS è meno comune nei bambini e meno probabilità di essere fatale.

Informazioni rapide sulla sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS)

  • L’ARDS si verifica quando il corpo non riceve abbastanza ossigeno dai polmoni.
  • I sintomi includono grave mancanza di respiro e labbra o unghie blu.
  • La condizione può portare a un polmone collassato.
  • Può essere causata da molte cause, tra cui infezioni polmonari, coaguli di sangue polmonare, inalazione accidentale di sostanze chimiche, vomito o cibo e parto.
  • La maggior parte dei pazienti con ARDS sono ammessi in un’unità di terapia intensiva (ICU).
  • L’ARDS è fatale nel 30-40 percento dei casi. Nei pazienti sopravvissuti, la funzionalità polmonare ritorna normale dopo 6-12 mesi.

segni e sintomi

Paziente ARDS

Secondo il National Heart, Lung and Blood Institute (NHLBI), la maggior parte delle persone con sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS) si trova in ospedale quando compaiono i sintomi.

Tuttavia, può svilupparsi al di fuori di un ambiente ospedaliero, ad esempio, a causa di un’infezione come la polmonite o dopo l’inalazione accidentale del vomito.

I segni e i sintomi di ARDS possono includere:

  • grave mancanza di respiro
  • tosse
  • confusione
  • sonnolenza
  • fatica
  • stordimento
  • ipotensione o bassa pressione sanguigna
  • labbra e unghie bluastre o pelle blu screziata
  • febbre

L’American Lung Association afferma che se l’infiammazione e il liquido rimangono nei polmoni per qualche tempo, la malattia può raggiungere uno stadio fibrotico. Il polmone può “schioccare” e sgonfiarsi, o collassare. Questo è noto come pneumotorace.

La definizione berlinese di ARDS, istituita nel 2011, classifica la condizione come lieve, moderata o grave. Le probabilità di sopravvivenza diminuiscono con l’aumentare della gravità e aumenta il tempo necessario per un respiratore.

Cause e fattori di rischio

ARDS dei polmoni delle sacche d'aria

Quando respiriamo, l’aria entra attraverso il nostro naso e bocca e nei nostri polmoni. Nei polmoni, entra nei dotti alveolari e negli alveoli, piccoli grappoli d’uva di piccole sacche.

Capillari, o piccoli vasi sanguigni, corrono attraverso le pareti degli alveoli. L’ossigeno entra nelle sacche d’aria e passa nei capillari. Da lì entra nel flusso sanguigno e viaggia in ogni parte del corpo, inclusi cervello, cuore, fegato, reni.

Nell’ARDS, una lesione, un’infezione o qualche altra condizione fa accumulare il liquido nelle sacche d’aria. Il gonfiore avviene attraverso i polmoni, e il liquido e le proteine ​​fuoriescono dai capillari negli alveoli, rendendo difficile respirare. Un’emorragia può anche causare perdite di sangue nei polmoni.

Ciò impedisce al polmone di funzionare correttamente. Non può riempirsi di aria in un modo normale e non può eliminare efficacemente l’anidride carbonica.

Respirare diventa difficile ed estenuante.

Quando i livelli di ossigeno nel sangue iniziano a scendere, gli organi vitali non ricevono l’ossigeno di cui hanno bisogno. Rischiano di essere seriamente danneggiati.

Diversi tipi di malattie, condizioni e situazioni possono scatenare l’ARDS, tra cui:

  • Infezione polmonare o toracica o polmonite
  • Influenza grave, compresa l’aviaria o l’influenza aviaria
  • Altre infezioni
  • Complicazioni della chirurgia di routine
  • Una trasfusione di sangue
  • Un grumo nel polmone
  • Prodotti chimici per inalazione accidentale
  • Inalazione accidentale di vomito o cibo
  • Pancreatite acuta – l’infiammazione può diffondersi
  • Dando vita
  • Inalando il fumo, ad esempio, da un incendio domestico
  • Vicino all’annegamento
  • Bassa pressione sanguigna a causa di shock
  • Sovradosaggio di alcuni farmaci, come eroina, metadone, propossifene o aspirina
  • Sequestro
  • Ictus

L’ARDS può anche derivare da un’infiammazione del pancreas, sepsi, ustioni o una reazione a determinati farmaci.

La sepsi polmonare, o infezione polmonare, è responsabile del 46% dei casi di ARDS, mentre il 33% dei casi deriva da un’infezione in altre parti del corpo.

Non è chiaro il motivo per cui le condizioni che non colpiscono direttamente i polmoni possono causare ARDS. Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che l’organismo produce sostanze nocive che travolgono il sistema.

Fattori di rischio

Alcune persone sono più a rischio di ARDS rispetto ad altre.

I fattori di rischio per ARDS includono:

  • fumo
  • Eccessivo consumo di alcol
  • Uso di ossigeno per un’altra condizione polmonare
  • Recente chirurgia o chemioterapia ad alto rischio
  • Obesità
  • Bassa percentuale di proteine ​​del sangue

L’ARDS di solito si sviluppa tra le 24 e le 48 ore di un incidente o l’insorgenza di una malattia, ma i sintomi possono richiedere da 4 a 5 giorni per manifestarsi.

Diagnosi e trattamento

Il medico può ordinare i seguenti test diagnostici, secondo l’American Lung Association:

  • Un esame del sangue, per determinare i livelli di ossigeno nel sangue e vedere se c’è un’infezione e, in tal caso, che tipo
  • Un test della pulsossimetria, in cui un sensore viene posizionato su un polpastrello o sul lobo dell’orecchio, per rilevare la quantità di ossigeno che passa attraverso il sangue
  • Una radiografia, per rivelare quali parti dei polmoni hanno accumulo di liquidi e possibilmente per mostrare se il cuore è ingrandito
  • Una scansione TC, per fornire informazioni dettagliate sulle strutture nel cuore e nei polmoni
  • Un ecocardiogramma, usando gli ultrasuoni per testare l’azione del cuore
  • I test sono condotti sul cuore perché segni e sintomi associati all’ARDS possono essere simili a quelli riscontrati in diverse malattie cardiache
  • I liquidi dai polmoni possono essere estratti e testati per identificare un’infezione

Non esiste un test specifico per diagnosticare l’ARDS, quindi è necessaria una valutazione completa per escludere altre condizioni, tra cui insufficienza cardiaca congestizia e polmonite, sebbene l’ARDS possa anche derivare da polmonite.

Trattamento

ICU per il trattamento delle ARDS

Il trattamento mira a:

  • gestire la lesione della condizione che ha portato all’ARDS e rimuovere la causa dell’ARDS
  • aumentare i livelli di ossigeno nel sangue

La maggior parte dei pazienti con ARDS sarà ricoverata in terapia intensiva (ICU) o unità di terapia intensiva (CCU) e inserita in un ventilatore.

A seconda delle loro condizioni, il paziente può essere dotato di una maschera di ossigeno o avere un tubo inserito nella gola nei polmoni per fornire ossigeno.

I nutrienti e i fluidi saranno forniti attraverso un tubo che va nel naso del paziente e fino allo stomaco.

La sedazione può essere necessaria per migliorare il comfort e i diuretici possono essere utilizzati per ridurre la quantità di liquido nel corpo.

L’ossigenazione della membrana extracorporea (ECMO) può essere utilizzata per aumentare i livelli di ossigeno. Il sangue viene pompato dal corpo, dove l’ossigeno viene aggiunto ad esso, e il biossido di carbonio viene portato via da esso prima che il sangue ritorni nel corpo. Tuttavia, poiché vi sono rischi di complicazioni, l’ECMO non è sempre appropriato.

Verranno somministrati antibiotici se la causa dell’ARDS è un’infezione.

Il trattamento continuerà fino a quando la condizione dei polmoni migliora.

prospettiva

Senza trattamento, il 90% dei pazienti con ARDS non sopravviverà.

In passato, oltre la metà di tutti i pazienti con ARDS non sopravvivevano, nonostante il trattamento, ma i recenti progressi nel trattamento e nella cura hanno migliorato considerevolmente i tassi di sopravvivenza.

Un articolo pubblicato nel 2010 afferma che tra il 30 e il 40 percento dei casi di ARDS sono fatali. Venti anni prima dell’articolo, il tasso di mortalità era tra il 50% e il 70%.

Se l’ARDS è fatale, questo è spesso dovuto a una complicazione dell’ARDS, come l’insufficienza renale. In alternativa, potrebbe essere fatale a causa di una condizione esistente, di cui l’ARDS è una complicazione.

Gli effetti a lungo termine includono un rischio significativamente maggiore di complicazioni, tra cui danni ai polmoni o danni a muscoli e nervi, che possono portare a dolore e debolezza. Alcuni pazienti sviluppano disturbi da stress post-traumatico (PTSD) e depressione.

Il paziente può aver bisogno di una terapia in corso, specialmente se ha subito danni di organi o muscoli.

Nella maggior parte dei pazienti che sopravvivono, la funzionalità polmonare ritorna normale dopo 6-12 mesi.

Like this post? Please share to your friends: