Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Sindrome della donna maltrattata: fasi e recupero

La sindrome della donna maltrattata è una condizione psicologica dovuta ad abuso, di solito per mano di un partner intimo. Le persone che soffrono di sindrome della donna maltrattata possono avere difficoltà a lasciare una relazione violenta a causa della paura, delle convinzioni sul potere dell’abusato e della convinzione che siano la causa dell’abuso.

Le persone di tutti i sessi possono sperimentare la sindrome della donna maltrattata. La diagnosi usa il termine “donna” perché più donne che uomini sono vittime di violenza domestica. Tuttavia, il termine “sindrome della persona maltrattata” è anche usato per riferirsi a vittime di qualsiasi genere.

Le donne sono anche molto più probabilità di essere vittime di violenza domestica grave e pericolosa per la vita. Di tutti gli omicidi commessi da un partner intimo negli Stati Uniti, il 94% delle vittime sono donne.

Qual è la sindrome della donna maltrattata?

donna intimidita dall'uomo

La sindrome della donna maltrattata non è una diagnosi medica. Invece, descrive un modello di comportamento strettamente correlato al disturbo da stress post-traumatico (PTSD).

Lo psicoterapeuta Lenore Walker sviluppò il concetto di sindrome della donna maltrattata alla fine degli anni ’70 per caratterizzare l’esclusivo modello di comportamento e di abuso delle emozioni da parte delle vittime.

Molti analisti suggeriscono che la sindrome della donna maltrattata sia un sottotipo di PTSD.

Le donne con sindrome della donna maltrattata cambiano il loro comportamento nel tentativo di sopravvivere a una situazione di abuso.

La ricerca suggerisce che le persone in relazioni abusive possono essere maggiormente a rischio quando lasciano i loro violentatori. In effetti, quasi la metà delle donne assassinate negli Stati Uniti vengono uccise da partner attuali o precedenti, secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC).

La sindrome della donna maltrattata a volte si riferisce a comportamenti criminali mostrati da donne che hanno avuto una relazione abusiva.

Raramente, le persone con sindrome della donna maltrattata uccidono i loro molestatori perché non vedono altra via d’uscita. Nella legge, i tradizionali modelli di autodifesa non possono essere applicati alle vittime di abusi, perché possono uccidere i loro violentatori in un momento in cui non vengono fisicamente danneggiati.

Tuttavia, in un numero limitato di casi, le donne hanno citato la sindrome della donna maltrattata come difesa per queste azioni. Alcuni tribunali considerano l’abuso come un fattore attenuante nei casi di omicidio, che può modificare il verdetto o la gravità della sentenza.

Sintomi

Le persone con sindrome della donna maltrattata in genere mostrano segni di PTSD correlati all’abuso. Questi sintomi possono continuare anche dopo aver abbandonato la relazione abusiva.

Loro includono:

  • difficoltà a dormire, compresi incubi e insonnia
  • improvvisi sentimenti intrusivi sull’abuso
  • evitando di parlare dell’abuso
  • evitando situazioni che ricordano l’abuso
  • sentimenti di rabbia, tristezza, disperazione e inutilità
  • intensi sentimenti di paura
  • attacchi di panico o flashback all’abuso

Oltre al PTSD, le persone con sindrome della donna maltrattata mostrano sintomi che possono confondere gli estranei.

Quelli includono:

  • impotenza appresa
  • rifiutando di lasciare la relazione
  • credendo che l’aggressore sia potente o sappia tutto
  • idealizzando l’aggressore seguendo un ciclo di abuso
  • credendo di meritare l’abuso

fasi

uomo con il pugno chiuso e la donna spaventata

La sindrome della donna maltrattata spesso coincide con un ciclo di abusi. I sintomi di una vittima possono cambiare con il ciclo di abuso.

Le fasi del ciclo di abuso includono:

  • Costruzione della tensione: questo è un periodo durante il quale la tensione si accumula lentamente e provoca conflitti di basso livello. L’aggressore può sentirsi trascurato o arrabbiato e pensare che questi sentimenti giustificano l’aggressività nei confronti della vittima.
  • Fase della batteria: alla fine, la tensione diventa un conflitto. L’aggressore abusa fisicamente, emotivamente o sessualmente della vittima. Nel corso del tempo, questi episodi di abuso tendono a durare più a lungo e diventano più gravi.
  • Fase della luna di miele: dopo l’abuso, l’aggressore può provare rimorso o tentare di riconquistare la fiducia e l’affetto della vittima. Alcune vittime idealizzano i loro violentatori durante questo periodo. Alcuni molestatori possono anche giustificare il loro abuso durante il periodo della luna di miele.

Effetti collaterali e complicanze

donna ansiosa

Le persone con la sindrome della donna maltrattata possono avere difficoltà a lasciare i loro violentatori. Possono sostenere ferite durature, tra cui danni agli organi, ossa rotte e denti persi. Alcuni subiscono lesioni mortali.

Anche quando le persone sopravvivono all’abuso e lasciano relazioni abusive, la sindrome della donna maltrattata può causare complicazioni durature, tra cui:

  • ridotta autostima
  • PTSD a lungo termine
  • disabilità a lungo termine o problemi di salute legati all’abuso fisico
  • sensi di colpa e vergogna

Trattamento per PTSD

Le donne con sindrome della donna maltrattata o PTSD hanno bisogno di aiuto per uscire da una relazione abusiva. Ciò può includere il sostegno finanziario poiché molte donne dipendono dai loro abusatori.

Lasciare una relazione violenta può anche avere conseguenze legali, quindi alcune organizzazioni offrono assistenza legale gratuita per gli abusi sui sopravvissuti, in particolare se ci sono bambini coinvolti.

Una volta che la situazione di vita di una persona si è stabilizzata, avranno bisogno di aiuto per affrontare le conseguenze emotive e fisiche degli abusi. Il trattamento può includere:

  • conoscere la sindrome della donna maltrattata e come influisce sull’autostima
  • psicoterapia per affrontare le conseguenze emotive dell’abuso
  • cure mediche per trattare eventuali effetti fisici dell’abuso
  • farmaci per gestire la depressione, l’ansia, l’insonnia e altri sintomi
  • entrare in un gruppo di supporto
  • terapia cognitivo comportamentale (CBT)

Ottenere aiuto

Lasciare una relazione violenta può essere difficile per una persona da sola. Può aiutare a pianificare in anticipo chiedendo il sostegno dei propri cari, risparmiando denaro e consultandosi con un avvocato.

Le vittime di abusi dovrebbero anche avere un piano di emergenza, compreso un piano per proteggere i propri figli.

Le persone che lasciano una relazione abusiva potrebbero aver bisogno di andare in un rifugio.I rifugi possono collegare i sopravvissuti a un aiuto legale e di altro tipo, oltre a fornire una sicurezza immediata.

Il Dipartimento della salute e dei servizi umani gestisce un elenco completo delle risorse statali per i sopravvissuti agli abusi.

La hotline nazionale per la violenza domestica offre assistenza online e telefonica, oltre all’accesso alle risorse locali. Chiamare il numero 1-800-799-7233 per assistenza immediata.

Le persone in pericolo immediato dovrebbero chiamare il 911 o il numero dei servizi di emergenza nel proprio paese.

Porta via

La sindrome delle donne maltrattate può svilupparsi quando una persona deve affrontare un abuso cronico; di solito da qualcuno con cui vivono o trascorrono lunghi periodi di tempo.

Alcune persone con sindrome della donna maltrattata si sentono in colpa o si vergognano quando ritornano ad una relazione abusiva. Possono anche temere di aver fatto qualcosa per meritare l’abuso, o che le persone li giudicheranno per non aver chiesto aiuto in precedenza.

L’abusato medio sopravvissuto lascia una relazione da 6 a 8 volte prima di poter partire per sempre.

È possibile lasciare una relazione abusiva in modo sicuro e molte organizzazioni sono lì per aiutare. Cercare il sostegno di amici e persone care può anche aiutare una persona a lasciare una relazione violenta.

Le organizzazioni che possono aiutare comprendono:

  • La hotline nazionale per la violenza domestica
  • The National Coalition Against Domestic Violence (NCADV)

Chiunque stia vivendo abusi domestici o conosce qualcuno che è dovrebbe cercare aiuto il più presto possibile.

Like this post? Please share to your friends: