Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Sindrome di Munchausen o disturbo fittizio imposto a se stesso

La sindrome di Munchausen, o disturbo fittizio imposto a se stesso, è una rara condizione psicologica in cui una persona contrae una grave malattia e richiede cure mediche, normalmente per attirare l’attenzione.

Disturbo fittizio imposto a sé (FDIS), è uno di un gruppo di disordini fittizi che sono o inventati o autoinflitti.

È difficile sapere quanto sia comune, ma uno studio in Germania ha suggerito che potrebbe colpire l’1,3% dei pazienti ospedalieri.

Può colpire sia adulti che bambini. È più comune negli uomini.

Cos’è il FDIS?

[le persone con la sindrome di Munchausen inventano le malattie]

Un individuo con FDIS può passare da un ospedale all’altro fingendo di avere una malattia che necessita di cure mediche o chirurgiche e fornendo informazioni inventate sulla sua storia clinica e sul background sociale.

Occasionalmente, un paziente convincerà un medico che ha bisogno di una procedura chirurgica non necessaria.

Possono ingerire sostanze o iniettarsi una sostanza chimica o di altra natura o ferirsi per provocare malattie.

L’esatta prevalenza di FDIS è difficile da conoscere, perché i pazienti usano nomi falsi, visitano diversi ospedali e dottori e possono diventare esperti nell’evitare il rilevamento.

FDIS non include fingere una malattia o una ferita per ottenere droghe o per vincere una causa, o ipocondria. Una persona con ipocondria crede di essere malata, ma una persona con FDIS sa di essere una falsa malattia.

Una persona con questa condizione di solito ha gravi difficoltà emotive.

Sintomi

I segni di FDIS possono includere:

  • Raccontare storie drammatiche su diversi problemi medici, spesso con poche prove documentali
  • Ricovero frequente
  • Cicatrici multiple
  • I sintomi sono incoerenti o vaghi e non corrispondono ai risultati dei test
  • Sintomi che inaspettatamente peggiorano, senza motivo logico o giustificabile dal punto di vista medico
  • Un desiderio di sottoporsi a test medici e procedure chirurgiche
  • Una conoscenza sorprendentemente buona di libri di testo su malattie e condizioni
  • Visitare molti diversi medici e ospedali
  • Riluttanza per consentire al fornitore di assistenza sanitaria di parlare con amici o familiari
  • Chiede frequentemente antidolorifici e altri farmaci
  • Avere pochi o nessun visitatore in ospedale

Se la persona è sfidata sulla propria storia, può diventare difensiva o aggressiva, oppure può lasciare l’ospedale o il fornitore di assistenza sanitaria e non tornare mai più.

Come fa il paziente a fingere una malattia?

Può essere difficile per i professionisti della salute e la famiglia sapere se i segni e i sintomi sono inventati o deliberatamente indotti.

[Una persona con FDIS può prendere le pillole per ammalarsi]

Il paziente può inventare segni e sintomi o causare malattie o lesioni da:

  • Segnalazione di una storia medica fittizia. Possono affermare di aver avuto il cancro o qualche altra malattia importante
  • Sintomi similari, ad esempio, dolore, convulsioni, mal di testa o svenimento. I sintomi possono essere attentamente selezionati con cura e difficili da confutare.
  • Ferire se stessi. Ciò potrebbe includere l’iniezione di batteri, feci o altre sostanze, oppure bruciare o tagliare la pelle.
  • Assunzione di medicinali per provocare sintomi di malattie, tali farmaci come anticoagulanti, farmaci chemioterapici e farmaci antidiabetici.
  • Fermare il processo di guarigione riaprendo tagli e ferite.
  • Manomissione con test. Gli esempi includono il riscaldamento dei termometri quando viene rilevata la temperatura, la manomissione dei test di laboratorio o la contaminazione di campioni di urina e sangue.

Condizioni che la persona può fingere di includere problemi cardiaci, cancro, patologie cutanee, infezioni, disturbi emorragici, disordini metabolici, diarrea cronica, ipoglicemia, anafilassi e altri.

Cause e fattori di rischio

Non è chiaro esattamente cosa causi l’FDIS, ma alcuni fattori possono aumentare il rischio.

Questi includono:

  • Avere un parente stretto con una condizione o una malattia grave
  • Un povero senso di identità
  • Malattia grave durante l’infanzia
  • Traumi infantili, inclusi abusi fisici, sessuali o emotivi
  • Abilità di coping inadeguate
  • Perdere una persona cara presto nella vita a causa, ad esempio, di morte, malattia o abbandono
  • Bassa autostima
  • Disturbi di personalità
  • Volendo e non riuscendo a diventare un professionista sanitario
  • Lavorare in assistenza sanitaria

Le prove su ciò che causa FDIS è limitata, perché i pazienti sono spesso riluttanti a collaborare con il trattamento psichiatrico o profiling psicologico.

FDIS sembra essere una sorta di disturbo di personalità, una condizione in cui il paziente ha un modello distorto di pensieri e credenze su se stessi e le altre persone. Questo può farli comportare in modi inaspettati.

È stato argomentato che il paziente può avere un disturbo antisociale di personalità che li fa godere di manipolare e ingannare i professionisti sanitari. Vedono un medico come una figura di autorità e derivano un senso di potere e controllo ingannandoli.

FDIS può anche essere un tentativo di formare relazioni e diventare più socialmente accettabili.

Una persona con FDIS può vivere uno stile di vita solitario, con pochi o nessun contatto con la propria famiglia.

Adottare il ruolo del paziente dà conforto. Essere nutriti da medici e altri operatori sanitari fornisce il contatto umano e il calore emotivo.

Diagnosi

Le persone con FDIS possono essere molto brave a fingere, quindi è difficile diagnosticare la condizione. Possono avere sintomi reali e condizioni potenzialmente letali, ma questi sono autoinflitti.

[La FDIS può colpire persone solitarie]

Se i medici sospettano FDIS, possono esaminare le cartelle cliniche del paziente e cercare eventuali incongruenze tra ciò che è documentato e ciò che il paziente ha detto loro.

Possono anche provare a contattare la famiglia o gli amici della persona per scoprire se le affermazioni sulla loro storia medica sono vere.

Possono anche controllare campioni di sangue e di urina per tracce di sostanze che la persona potrebbe aver ingerito o iniettato deliberatamente.

La stanza d’ospedale del paziente può contenere materiali iniettati o farmaci o sostanze nascosti. Tuttavia, considerazioni etiche possono rendere difficile confermare questo.

Il medico può prendere in considerazione una diagnosi di FDIS se vi sono prove convincenti che il paziente:

  • sta simulando i sintomi
  • ha indotto i sintomi deliberatamente
  • desidera essere visto come malato
  • non ha un’altra motivazione, come guadagno finanziario, farmaci o pensionamento anticipato

Il medico può iniziare rassicurando il paziente che può essere stressante non avere una chiara spiegazione dei segni e dei sintomi medici. Potrebbero suggerire che il problema potrebbe essere causato o peggiorato dallo stress.

Possono cercare di guidare il paziente verso le cure con un fornitore di salute mentale.

Trattamento

Non esiste un trattamento standard per il FDIS. La maggior parte delle persone con questa condizione negherà di averlo, rendendo difficile attuare un piano di trattamento.

Usando un approccio non conflittuale, il fornitore di assistenza sanitaria può informare il paziente che ha requisiti di salute sfaccettati, e che il trattamento con uno psichiatra o uno psicologo può aiutare. Accettare il trattamento è il primo passo verso la guarigione.

Una combinazione di psicoanalisi e terapia cognitivo comportamentale (CBT) ha più probabilità di avere i migliori risultati.

La CBT può aiutare una persona a identificare eventuali modelli comportamentali non realistici e trovare nuovi modi per affrontare una situazione.

I farmaci possono essere appropriati per l’ansia o lo stress, ma gli antidepressivi non sono stati trovati per aiutare con FDIS.

Un paziente con FDIS che non riceve cure per questa condizione è a maggior rischio di autolesionismo, abuso di sostanze o suicidio a più lungo termine. Sono anche a rischio di effetti avversi dal trattamento che ricevono per malattie che non esistono.

Una delle sfide per un medico che sospetta FDIS è di evitare di incoraggiare il problema psicologico del paziente, se ce n’è uno, ma per assicurarsi che curino qualsiasi malattia che il paziente possa realmente avere.

Like this post? Please share to your friends: