Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Sindrome di Reye: cosa devi sapere

La sindrome di Reye è una malattia rara che può causare gravi danni a tutti gli organi del corpo, ma in particolare al cervello e al fegato.

Mentre può verificarsi in persone di qualsiasi età, è più comune in quelli di età compresa tra 18 anni e più giovane ed è particolarmente comune nei bambini di età compresa tra 4 e 12 anni.

La sindrome di Reye prende il nome dal patologo australiano R. Douglas Reye, che per primo riportò casi della malattia nel 1963.

La causa esatta della sindrome di Reye è sconosciuta, ma la ricerca ha suggerito un legame tra la condizione e l’uso dell’aspirina.

Le cause

ragazzino malato di influenza

Come accennato in precedenza, la causa esatta della sindrome di Reye è sconosciuta e non esiste una cura conosciuta. Tuttavia, colpisce più comunemente bambini e giovani adulti che si stanno riprendendo da un’infezione virale, come raffreddore, influenza o varicella.

I casi di sindrome di Reye sono visti più nei mesi invernali rispetto ad altri periodi dell’anno. Se la malattia si verifica, una quantità anormale di grasso si accumula nel fegato, mentre la pressione cresce sul cervello. Senza trattamento, può essere fatale in pochi giorni, o addirittura ore.

È considerata una diagnosi di esclusione, nel senso che tutte le altre possibili cause sono state escluse prima che si decida che una persona ha la sindrome di Reye.

Tuttavia, ciò che è stato dimostrato da quando la sindrome di Reye è stata scoperta per la prima volta è che ci sono alcuni disordini metabolici ereditari che mostrano sintomi simili. L’International Aspirin Foundation ha stimato che questi rappresentano tra il 10-20% di tutti gli esempi precedenti della condizione.

Tuttavia, a causa delle connessioni dell’aspirina con la sindrome di Reye, non dovrebbe mai essere usato per trattare malattie virali, come l’influenza o la varicella. I bambini e gli adolescenti non devono assumere l’aspirina se non dietro istruzioni speciali del medico.

Sintomi e complicanze

I sintomi della sindrome di Reye di solito si verificano nei giorni immediatamente successivi al recupero da un’infezione virale.

La National Reye’s Syndrome Foundation ha suddiviso i sintomi in quattro fasi, anche se sottolineano che spesso questi sintomi nei bambini non seguono uno schema.

Sintomi dello stadio 1:

  • vomito persistente
  • segni di disfunzione cerebrale
  • svogliatezza o poco interesse per le cose
  • mancanza di energia
  • sonnolenza
  • respirazione rapida

Sintomi della fase 2:

  • irritabilità
  • comportamento aggressivo
  • altri cambiamenti di personalità

Sintomi dello stadio 3:

  • disorientamento
  • confusione
  • ansia
  • allucinazioni
  • comportamento irrazionale

Sintomi dello stadio 4:

  • convulsioni
  • coma

Meno di 20 casi di sindrome di Reye sono segnalati negli Stati Uniti ogni anno, ma a causa della sua gravità, è importante essere consapevoli dei suoi sintomi.

La sindrome di Reye ha anche sintomi simili a molte altre condizioni, quindi a volte è necessario un secondo parere per escluderlo.

Altre condizioni con sintomi simili includono:

  • meningite
  • encefalite
  • diabete
  • overdose di droga
  • sindrome della morte infantile improvvisa
  • ingestione tossica
  • trauma alla testa
  • insufficienza renale o epatica
  • avvelenamento

Cure di emergenza

Poiché la sindrome di Reye può essere fatale, chiunque sospetti che loro o un bambino abbia la condizione dovrebbe consultare immediatamente un medico. La diagnosi precoce è la chiave per il successo del trattamento.

I segnali di allarme a cui prestare attenzione sono vomito costante, cambiamenti nel comportamento e estrema stanchezza, soprattutto subito dopo una malattia virale.

Mentre quelli che soffrono di un virus possono mostrare comunque questi sintomi, e le probabilità che si tratti della sindrome di Reye sono molto scarse, la gravità della condizione significa che dovrebbe essere ancora esplorato.

Fattori di rischio

Ci sono diversi rischi che sono stati associati all’insorgenza della sindrome di Reye.

Aspirina

due compresse di aspirina

La ricerca suggerisce che esiste un legame tra la sindrome di Reye e l’assunzione di aspirina mentre si hanno malattie virali, come l’influenza o la varicella.

Sebbene i collegamenti non siano conclusivi, il Surgeon General degli Stati Uniti, la Food and Drug Administration, i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), l’American Academy of Pediatrics e la National Reye’s Syndrome Foundation raccomandano di non somministrare l’aspirina a chiunque abbia meno di 19 anni con febbre o segni di malattia virale.

L’aspirina è usata in molti diversi tipi di farmaci, compresi i farmaci da banco, quindi parla sempre al medico o al farmacista prima di prenderli.

Varicella

La varicella è una malattia virale altamente contagiosa che di solito dura da 5 a 10 giorni.

I sintomi sono un’eruzione che si trasforma in vesciche piene di liquido, che poi si trasformano in croste.

La maggior parte dei bambini che prendono la varicella si riprende completamente, ma può essere molto pericolosa per chiunque abbia un sistema immunitario indebolito.

Quelle persone che si stanno appena riprendendo dalla varicella sono a maggior rischio di sindrome di Reye e l’aspirina non deve essere usata come trattamento.

Influenza

Ancora una volta l’influenza, o l’influenza, non dovrebbe essere trattata nei bambini e negli adolescenti con qualsiasi farmaco che contenga l’aspirina.

I bambini di età inferiore a 6 anni non dovrebbero essere trattati con farmaci da banco e un medico dovrebbe essere consultato.

Trattamento

Terapia intensiva

Non esiste una cura conosciuta per la sindrome di Reye. Tuttavia, una diagnosi precoce e una gestione efficace possono prevenire gravi complicazioni, come danni cerebrali o arresto cardiaco.

Chiunque venga diagnosticato con la sindrome di Reye sarà trattato immediatamente nell’unità di terapia intensiva (ICU). Il trattamento mira a sostenere le funzioni vitali del corpo, come la respirazione e la circolazione sanguigna, proteggendo al contempo il cervello dai danni permanenti causati dal gonfiore.

Senza cure, sostenere il corpo della persona è la chiave per un esito positivo. Questo può includere l’utilizzo di quanto segue:

  • Elettroliti e liquidi: mantengono la persona idratata e mantengono il giusto livello di sale, glucosio e nutrienti.
  • Diuretici: questo è un farmaco per liberare il corpo dai liquidi in eccesso, come il gonfiore attorno al cervello.
  • Disintossicanti all’ammoniaca: riducono il livello di ammoniaca nel corpo.
  • Anticonvulsivi: questi farmaci controllano le convulsioni che potrebbero verificarsi.
  • Ventilazione meccanica: può essere necessaria in caso di problemi respiratori.

prospettiva

Il tasso di sopravvivenza per la sindrome di Reye è migliorato negli ultimi anni ed è ora di circa l’80%.

La diagnosi precoce e il trattamento sono la chiave per un recupero completo, con diagnosi successive che a volte portano a danni permanenti al cervello e disabilità. Anche coloro che sono caduti in coma hanno una visione più povera.

Altri problemi a lungo termine associati alla sindrome di Reye includono:

  • scarsa capacità di attenzione e memoria
  • alcune perdite di visione e udito
  • problemi di linguaggio
  • difficoltà di movimento e postura
  • problemi di deglutizione

Conclusione

La sindrome di Reye è estremamente rara, ma può essere fatale quando si verifica. La condizione deve essere distinta da altre malattie che possono causare sintomi simili. La diagnosi precoce è essenziale per evitare danni alla salute a lungo termine o, peggio.

Per questi motivi, è essenziale rivolgersi immediatamente a un medico ogni volta che qualcuno sospetta la sindrome di Reye.

Like this post? Please share to your friends: